Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Quanto   dobbiamo   imparare   a   pregare,   ad   amare,   ad   usare   il   perdono   tra   di   noi!   La   Madonna   non   vive   di   simpatie   o   di emozioni,   ma   guarda   il   mondo   intero   e   si   dispiace   nel   vederci   sempre   in   una   condizione   di   sofferenza.   Si   dispiace   nel vedere   che   non   abbiamo   la   giusta   misura   davanti   a   Lei   per   ottenere   le   grazie   che   può   concederci.   Ma   noi   neanche dinanzi   a   Maria   Santissima   siamo   sinceri,   ci   presentiamo   come   dei   cristiani   falsi.   Pensiamo   forse   di   gestirla?   Ammettiamo la   difficoltà   di   amare,   le   nostre   invidie   e   gelosie.   La   legge   di   Dio   non   può   essere   cambiata,   c'è   una   volontà   divina   che   può favorire   il   cambiamento   delle   cose,   nella   misura   in   cui   quel   piccolo   resto    capisce   qual   è   la   misura   giusta.   Averla   significa stare   bene   insieme   e   non   avere   un   sentimento   differente   da   quello   che   mostriamo.   Vuol   dire   togliere   ogni   vena   polemica e   accettare   le   proprie   croci.   Ci   siamo   mai   dispiaciuti   per   non   esserci   dispiaciuti?    Quando   non   ci   siamo   amati   e comportati   correttamente   nel   lavoro,   in   famiglia…   Se   ci   dispiacciamo,   piano   piano   non   lo   facciamo   più.   Non   possiamo rivolgerci   a   Maria   Santissima   pensando   che   ce   ne   venga   sempre   a   noi.   Il   Signore   ci   mette   davanti   proprio   le   persone meno   coerenti   al   nostro   stato   d'animo,   per   vedere   se   superiamo   la   prova.   Ci   siamo   mai   dispiaciuti   di   avere   criticato   un figlio   di   Dio   che   non   si   è   comportato   bene?   Se   non   riusciamo   a   vincere   un   peccato   non   diciamo   che   è   normale   essere così.   Dio   è   giusto,   non   ci   concede   l'autorità   di   spadroneggiare   su   un'altra   persona,   magari   è   già   distrutta   di   suo.   Il creato,   la   natura,   gli   animali   fanno   il   loro   corso   in   modo   perfetto,      è   mai   possibile   che   non   abbiamo   la   giusta   misura? Eppure   il   Signore   l’ha   data   di   più   a   noi.   Quando   abbiamo   davanti   una   persona   importante,   un'autorità,   senza   il   giusto cliché   ci   sentiamo   maleducati   perché   quella   carica   per   noi   ha   un   valore,   ma   questo   sentimento   non   l’abbiamo   verso Maria   Santissima.   Non   rappresenta   nulla   per   noi?   Ecco   perché   non   si   vede   il   risultato   sperato   nonostante   il   nostro affannarsi,   basta   una   piccola   prova   di   una   persona   sgradevole   per   vanificare   tutti   i   nostri   buoni   propositi.   La   cosa peggiore   è   quando   andiamo   a   dire   cose   diverse   da   quelle   che   abbiamo   nel   cuore.   La   Madonna   si   dispiace   di   questo   e merita   più   rispetto.   Se   fossimo   davanti   a   Lei   diventeremmo   muti,   vedremmo   la   giusta   misura.   Quante   volte   abbiamo sparlato   del   fratello   quando   cinque   minuti   prima   gli   abbiamo   sorriso?    È   un   atteggiamento   vomitevole   perché   non c'è   il   rammarico,   ma   il   pieno   consenso   di   quello   che   stiamo   facendo!   Dispiacciamoci   almeno   minimamente   di   quello   che procuriamo   agli   altri,   perché   va   tutto   a   nostro   danno.   Il   piccolo   resto    che   rimarrà   dovrà   avere   la   misura   giusta   ed   essere preparato   a   potare   i   propri   difetti.   Dovrà   formarsi   nell’umiltà,   al   di   fuori   di   tutte   le   abitudini,   i   rituali   e   le   devozioni. Quante   persone   che   vanno   ai   pellegrinaggi   sono   più   attratte   da   quello   che   si   è   creato   dopo,   dalle   opere   d'arte,   e   non dalla   verità   che   i   santi   hanno   portato   e   dalla   loro   battaglia   contro   il   male?   A   cosa   serve   pregare   e   non   amare?   Non bisogna   pensare   alla   quantità   quando   si   difetta   in   qualità.    Prima   di   fare   quello   che   il   Signore   ci   chiede,   cerchiamo di   non   fare   quello   che   non   vuole.   La   guerra   è   l'odio,   non   possiamo   chiedere   la   pace   se   siamo   in   conflitto   con   i   nostri vicini.   Il   Signore   non   rifiuta   nessuno,   ma   presentarci   in   modo   irriverente   e   senza   il   giusto   sentimento   ci   penalizza.   Solo   la verità   che   farà   liberi,   il   resto   ci   torna   indietro   come   un   boomerang.   Dai   suoi   figli   scelti   Dio   vuole   la   dimostrazione   di saper   portare   la   croce,   perché   sa   che   la   percentuale   più   alta   non   fa   parte   di   questa   categoria.   Quindi   la   croce   non   sarà esclusa,   ma   ci   sarà   data   la   forza   per   portarla.   La   battaglia   verrà   vinta   quando   ci   sentiremo   perdenti   e   abbandonati   alla volontà   di   Dio,   senza   lottare.   Sentiamoci   indegni,      chiediamoci   se   il   nostro   comportamento   è   giusto   per   chiedere   una grazia.   Colei   che   intercede   per   noi   presso   il   Creatore   merita   il   meglio   dalla   natura   umana,   così   da   ottenere   un meraviglioso risultato di grazie che pioveranno dal cielo come fuochi d’artificio.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La giusta misura
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Quanto   dobbiamo   imparare   a   pregare,   ad   amare, ad   usare   il   perdono   tra   di   noi!   La   Madonna   non vive    di    simpatie    o    di    emozioni,    ma    guarda    il mondo   intero   e   si   dispiace   nel   vederci   sempre   in una    condizione    di    sofferenza.    Si    dispiace    nel vedere   che   non   abbiamo   la   giusta   misura   davanti a   Lei   per   ottenere   le   grazie   che   può   concederci. Ma    noi    neanche    dinanzi    a    Maria    Santissima siamo   sinceri,   ci   presentiamo   come   dei   cristiani falsi.   Pensiamo   forse   di   gestirla?   Ammettiamo   la difficoltà   di   amare,   le   nostre   invidie   e   gelosie.   La legge   di   Dio   non   può   essere   cambiata,   c'è   una volontà   divina   che   può   favorire   il   cambiamento delle   cose,   nella   misura   in   cui   quel   piccolo   resto   capisce   qual   è   la   misura   giusta.   Averla   significa stare   bene   insieme   e   non   avere   un   sentimento differente    da    quello    che    mostriamo.    Vuol    dire togliere   ogni   vena   polemica   e   accettare   le   proprie croci.    Ci    siamo    mai    dispiaciuti    per    non esserci   dispiaciuti?    Quando   non   ci   siamo   amati e     comportati     correttamente     nel     lavoro,     in famiglia…   Se   ci   dispiacciamo,   piano   piano   non   lo facciamo   più.   Non   possiamo   rivolgerci   a   Maria Santissima   pensando   che   ce   ne   venga   sempre   a noi.    Il    Signore    ci    mette    davanti    proprio    le persone   meno   coerenti   al   nostro   stato   d'animo, per   vedere   se   superiamo   la   prova.   Ci   siamo   mai dispiaciuti   di   avere   criticato   un   figlio   di   Dio   che non   si   è   comportato   bene?   Se   non   riusciamo   a vincere   un   peccato   non   diciamo   che   è   normale essere    così.    Dio    è    giusto,    non    ci    concede l'autorità   di   spadroneggiare   su   un'altra   persona, magari   è   già   distrutta   di   suo.   Il   creato,   la   natura, gli   animali   fanno   il   loro   corso   in   modo   perfetto,      è mai   possibile   che   non   abbiamo   la   giusta   misura? Eppure   il   Signore   l’ha   data   di   più   a   noi.   Quando abbiamo     davanti     una     persona     importante, un'autorità,    senza    il    giusto    cliché    ci    sentiamo maleducati   perché   quella   carica   per   noi   ha   un valore,    ma    questo    sentimento    non    l’abbiamo verso   Maria   Santissima.   Non   rappresenta   nulla per    noi?    Ecco    perché    non    si    vede    il    risultato sperato    nonostante    il    nostro    affannarsi,    basta una   piccola   prova   di   una   persona   sgradevole   per vanificare   tutti   i   nostri   buoni   propositi.   La   cosa peggiore   è   quando   andiamo   a   dire   cose   diverse da   quelle   che   abbiamo   nel   cuore.   La   Madonna   si dispiace    di    questo    e    merita    più    rispetto.    Se fossimo     davanti     a     Lei     diventeremmo     muti, vedremmo    la    giusta    misura.    Quante    volte abbiamo   sparlato   del   fratello   quando   cinque minuti    prima    gli    abbiamo    sorriso?     È    un atteggiamento    vomitevole    perché    non    c'è    il rammarico,   ma   il   pieno   consenso   di   quello   che stiamo       facendo!       Dispiacciamoci       almeno minimamente   di   quello   che   procuriamo   agli   altri, perché   va   tutto   a   nostro   danno.   Il   piccolo   resto   che    rimarrà    dovrà    avere    la    misura    giusta    ed essere   preparato   a   potare   i   propri   difetti.   Dovrà formarsi    nell’umiltà,    al    di    fuori    di    tutte    le abitudini,   i   rituali   e   le   devozioni.   Quante   persone che   vanno   ai   pellegrinaggi   sono   più   attratte   da quello   che   si   è   creato   dopo,   dalle   opere   d'arte,   e non   dalla   verità   che   i   santi   hanno   portato   e   dalla loro    battaglia    contro    il    male?    A    cosa    serve pregare   e   non   amare?   Non   bisogna   pensare alla    quantità    quando    si    difetta    in    qualità.   Prima    di    fare    quello    che    il    Signore    ci    chiede, cerchiamo   di   non   fare   quello   che   non   vuole.   La guerra   è   l'odio,   non   possiamo   chiedere   la   pace   se siamo   in   conflitto   con   i   nostri   vicini.   Il   Signore non    rifiuta    nessuno,    ma    presentarci    in    modo irriverente    e    senza    il    giusto    sentimento    ci penalizza.   Solo   la   verità   che   farà   liberi,   il   resto   ci torna   indietro   come   un   boomerang.   Dai   suoi   figli scelti   Dio   vuole   la   dimostrazione   di   saper   portare la   croce,   perché   sa   che   la   percentuale   più   alta non   fa   parte   di   questa   categoria.   Quindi   la   croce non   sarà   esclusa,   ma   ci   sarà   data   la   forza   per portarla.    La    battaglia    verrà    vinta    quando    ci sentiremo   perdenti   e   abbandonati   alla   volontà   di Dio,      senza      lottare.      Sentiamoci      indegni,        chiediamoci   se   il   nostro   comportamento   è   giusto per   chiedere   una   grazia.   Colei   che   intercede   per noi    presso    il    Creatore    merita    il    meglio    dalla natura   umana,   così   da   ottenere   un   meraviglioso risultato   di   grazie   che   pioveranno   dal   cielo   come fuochi d’artificio.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile