Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Quanti   si   affidano   principalmente   al   Signore   perché   trovano   benessere,   salute,   gioia   e   pace?   Ma   Lui   queste   cose   ce   le   ha già   date.   Se   non   siamo   stati   capaci   di   gestirle   e   svilupparle   è   perché   ci   siamo   affidati   a   dei   calcoli   scientifici   o   a   dei fantomatici   rappresentanti   della   parola   del   Signore   che   portano   solo   scompenso   e   disunione.   La   cosa   che   dobbiamo recuperare   è   l'autenticità   cristiana,   quella   che   Cristo   ha   portato   dal   cielo   e   che   gli   apostoli   hanno   vissuto,   basata   sulla gioia   e   sull'amore,   sul   perdono   e   sulla   misericordia,   sul   desiderio   di   aiutarci,   di   essere   conformi   e   unanimi   nel   parlare. Essere   cristiani   non   significa   solo   andare   a   messa   e   incontrarsi   a   pregare.   La   nostra   fede   in   che   misura   va   vissuta? Siamo   più   l'immagine   di   Gesù   o   quella   dell'uomo   e   della   sua   legge?   Cosa   vogliamo   che   recepiscano   i   nostri   figli   se   al massimo   dedicano   a   Dio   un'ora   alla   settimana?   I   veri   valori   della   vita   li   abbiamo   distrutti   noi,   è   inutile   lamentarsi.   Che cristiani   saremmo   se   improvvisamente   Gesù   e   Maria   Santissima   decidessero   di   andare   in   ferie   con   tutte   le preghiere   devozionali   e   i   riti?    Ci   sentiremmo   orfani   e   abbandonati.   Per   tanti   di   noi   la   preghiera   è   solo   l'Avemaria,   non il   salmo   o   la   parola   di   Dio.   La   vera   fede   non   è   la   devozione   o   il   santino   e   nemmeno   la   Santa   Messa,   per   troppi     considerata   un   rituale.   La   nostra   cristianità   è   basata   sulla   parola   del   Signore,   sui   Salmi   e   i   Libri   Sapienziali,   sui Comandamenti   e   sulle   Verità   principali   della   nostra   fede.   Se   il   Siracide   (4°   c.)   ci   dice   di   fare   di   tutto   per   non   farci maledire,   noi   facciamo   di   tutto   per   farci   benedire!   Non   si   cambiano   le   Verità   rivelate   con   quello   che   proponiamo   noi. Sparirebbero   tanti   mali   nelle   Nazioni   se   ci   fossero   veri   rappresentanti   della   verità   come   san   Francesco   o   padre   Pio.   Non   è stata   preservata   da   ogni   castigo   Sodoma   fintanto   che   c'era   la   presenza   di   Lot?   Gli   attacchi   demoniaci   hanno   effetto   su   di noi   quando   non   siamo   in   grazia   di   Dio,   altrimenti   saremmo   protetti.   Chissà   cosa   avrebbe   voluto   fare   il   male   contro   Maria Santissima   che   detestava   ed   era   nauseato   dalla   sua   bellezza,   purezza   e   perfezione   dell'umiltà.   Quanti   Santi   hanno dovuto   subire   soprattutto   la   cattiveria   degli   altri,   perché   il   male,   non   potendo   fare   niente   contro   di   loro,   gli   scagliava addosso   un'infinità   di   persone.   Ritorniamo   nella   nostra   sede   naturale   dove   il   Signore   ci   ha   messo.   Per   ogni   Ave   Maria potremmo   salvare   la   vita   di   una   persona,   se   detta   con   cognizione   di   causa   e   non   come   solitamente   facciamo.   Amiamo   le persone   che   ci   fanno   soffrire,   che   ci   perseguitano,   che   ci   odiano,   che   vorremmo   evitare   e   portare   in   tribunale?   Il Signore   ci   userà   misericordia   se   saremo   misericordiosi   con   gli   altri ,   ci   perdonerà   se   avremo   perdonato.   Non   sarà comprensivo   a   prescindere,   avremo   quello   che   offriamo   agli   altri,   è   la   legge   naturale.   Ci   conviene   andare   avanti   così?   La benedizione   del   Signore   è   fatica   e   sofferenza,   è   dire-bene,   non   è   solo   quella   che   dà   il   prete.   E   se   dietro   quell'aspetto trasandato   della   persona   che   ci   disturba   ci   fosse   Dio?   Non   penseremo   mica   di   trovarcelo   davanti   con   i   tratti   somatici   di Gesù,   come   un   prototipo   di   perfezione   umana   che   ci   profuma   la   casa   e   ci   inonda   di   doni!   Cerchiamo   almeno   di   non rifiutarlo   col   cuore   e   di   non   provare   sdegno   per   come   vive;   dispiaciamoci   della   sua   condizione   personale,   vediamo   con simpatia   la   persona   antipatica.   Prima   di   profetare   dobbiamo   pensare   a   vivere   la   missione   che   ci   è   stata   affidata,   non proponiamoci mai in nome di Dio quando il nostro comportamento non è conforme alla sua legge, è una profanazione. IL LESTOFANTE Il   furbastro,   quello   che   non   è   a   posto   con   la   coscienza,   sa   cosa   gli   conviene   dire   davanti   al   sacerdote,   mentre   una persona   che   fa   il   bene   non   ha   bisogno   di   farsi   sostenere   dalla   mentalità   comune.   Il   lestofante   usa   discorsi   convincenti, ha   già   creato   un   progetto   mentale,   ma   il   buono   che   ha   Dio   nel   cuore   non   ha   bisogno   di   difese,   di   nascondersi,   di preparare   discorsi,   e   spesso   si   trova   a   dover   accettare   anche   la   parte   peggiore,   sorpreso   dalla   furbizia   del   falso. Purtroppo   persone   responsabili   di   giudizi,   danno   a   chi   bisognerebbe   togliere   e   tolgono   a   chi   dovrebbero   dare.   Non   si   può essere   solidali   con   chi   ha   l'amante,   non   si   giustificano   i   tradimenti   dando   la   colpa   al   coniuge.   Uno   ha   l'amante   perché   gli piace   e   non   può   farne   a   meno.   Come   possiamo   pensare   che   la   Chiesa   approvi   questo   disastro?   Spesso   abbiamo trascurato   un   familiare   per   raggiungere   i   nostri   obiettivi:   è   da   lì   che   nascono   i   problemi   in   tutte   le   famiglie   del   mondo. Non   c'è   amore   nel   voler   imporre   la   propria   linea.   Che   bello   tornare   a   casa   e   coccolarsi   tra   marito   e   moglie,   incoraggiarsi e   amarsi   anche   in   mezzo   alle   difficoltà   della   vita,   rammentarsi   le   cose   gradevoli   che   ci   sono   state   invece   di   rimproverarsi, umiliarsi e offendersi!     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                                                                                                     Se Gesù e Maria andassero in ferie
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Quanti    si    affidano    principalmente    al    Signore perché   trovano   benessere,   salute,   gioia   e   pace? Ma   Lui   queste   cose   ce   le   ha   già   date.   Se   non siamo    stati    capaci    di    gestirle    e    svilupparle    è perché   ci   siamo   affidati   a   dei   calcoli   scientifici   o   a dei    fantomatici    rappresentanti    della    parola    del Signore   che   portano   solo   scompenso   e   disunione. La   cosa   che   dobbiamo   recuperare   è   l'autenticità cristiana,   quella   che   Cristo   ha   portato   dal   cielo   e che   gli   apostoli   hanno   vissuto,   basata   sulla   gioia e   sull'amore,   sul   perdono   e   sulla   misericordia,   sul desiderio    di    aiutarci,    di    essere    conformi    e unanimi   nel   parlare.   Essere   cristiani   non   significa solo   andare   a   messa   e   incontrarsi   a   pregare.   La nostra   fede   in   che   misura   va   vissuta?   Siamo   più l'immagine   di   Gesù   o   quella   dell'uomo   e   della   sua legge?   Cosa   vogliamo   che   recepiscano   i   nostri figli   se   al   massimo   dedicano   a   Dio   un'ora   alla settimana?    I    veri    valori    della    vita    li    abbiamo distrutti   noi,   è   inutile   lamentarsi.   Che   cristiani saremmo   se   improvvisamente   Gesù   e   Maria Santissima    decidessero    di    andare    in    ferie con   tutte   le   preghiere   devozionali   e   i   riti?    Ci sentiremmo   orfani   e   abbandonati.   Per   tanti   di   noi la   preghiera   è   solo   l'Avemaria,   non   il   salmo   o   la parola   di   Dio.   La   vera   fede   non   è   la   devozione   o   il santino   e   nemmeno   la   Santa   Messa,   per   troppi     considerata    un    rituale.    La    nostra    cristianità    è basata   sulla   parola   del   Signore,   sui   Salmi   e   i   Libri Sapienziali,    sui    Comandamenti    e    sulle    Verità principali   della   nostra   fede.   Se   il   Siracide   (4°   c.) ci   dice   di   fare   di   tutto   per   non   farci   maledire,   noi facciamo    di    tutto    per    farci    benedire!    Non    si cambiano    le    Verità    rivelate    con    quello    che proponiamo    noi.    Sparirebbero    tanti    mali    nelle Nazioni   se   ci   fossero   veri   rappresentanti   della verità   come   san   Francesco   o   padre   Pio.   Non   è stata   preservata   da   ogni   castigo   Sodoma   fintanto che    c'era    la    presenza    di    Lot?    Gli    attacchi demoniaci   hanno   effetto   su   di   noi   quando   non siamo    in    grazia    di    Dio,    altrimenti    saremmo protetti.   Chissà   cosa   avrebbe   voluto   fare   il   male contro   Maria   Santissima   che   detestava   ed   era nauseato   dalla   sua   bellezza,   purezza   e   perfezione dell'umiltà.    Quanti    Santi    hanno    dovuto    subire soprattutto    la    cattiveria    degli    altri,    perché    il male,   non   potendo   fare   niente   contro   di   loro,   gli scagliava      addosso      un'infinità      di      persone. Ritorniamo    nella    nostra    sede    naturale    dove    il Signore    ci    ha    messo.    Per    ogni    Ave    Maria potremmo    salvare    la    vita    di    una    persona,    se detta    con    cognizione    di    causa    e    non    come solitamente   facciamo.   Amiamo   le   persone   che   ci fanno   soffrire,   che   ci   perseguitano,   che   ci   odiano, che   vorremmo   evitare   e   portare   in   tribunale?   Il Signore    ci    userà    misericordia    se    saremo misericordiosi   con   gli   altri ,   ci   perdonerà   se avremo    perdonato.    Non    sarà    comprensivo    a prescindere,    avremo    quello    che    offriamo    agli altri,    è    la    legge    naturale.    Ci    conviene    andare avanti   così?   La   benedizione   del   Signore   è   fatica   e sofferenza,   è   dire-bene,   non   è   solo   quella   che   il   prete.   E   se   dietro   quell'aspetto   trasandato   della persona    che    ci    disturba    ci    fosse    Dio?    Non penseremo   mica   di   trovarcelo   davanti   con   i   tratti somatici     di     Gesù,     come     un     prototipo     di perfezione   umana   che   ci   profuma   la   casa   e   ci inonda     di     doni!     Cerchiamo     almeno     di     non rifiutarlo   col   cuore   e   di   non   provare   sdegno   per come    vive;    dispiaciamoci    della    sua    condizione personale,    vediamo    con    simpatia    la    persona antipatica.   Prima   di   profetare   dobbiamo   pensare a   vivere   la   missione   che   ci   è   stata   affidata,   non proponiamoci    mai    in    nome    di    Dio    quando    il nostro   comportamento   non   è   conforme   alla   sua legge, è una profanazione. IL LESTOFANTE Il   furbastro,   quello   che   non   è   a   posto   con   la coscienza,   sa   cosa   gli   conviene   dire   davanti   al sacerdote,   mentre   una   persona   che   fa   il   bene non   ha   bisogno   di   farsi   sostenere   dalla   mentalità comune.   Il   lestofante   usa   discorsi   convincenti,   ha già   creato   un   progetto   mentale,   ma   il   buono   che ha   Dio   nel   cuore   non   ha   bisogno   di   difese,   di nascondersi,   di   preparare   discorsi,   e   spesso   si trova   a   dover   accettare   anche   la   parte   peggiore, sorpreso     dalla     furbizia     del     falso.     Purtroppo persone    responsabili    di    giudizi,    danno    a    chi bisognerebbe   togliere   e   tolgono   a   chi   dovrebbero dare.    Non    si    può    essere    solidali    con    chi    ha l'amante,   non   si   giustificano   i   tradimenti   dando   la colpa    al    coniuge.    Uno    ha    l'amante    perché    gli piace   e   non   può   farne   a   meno.   Come   possiamo pensare   che   la   Chiesa   approvi   questo   disastro? Spesso    abbiamo    trascurato    un    familiare    per raggiungere   i   nostri   obiettivi:   è   da   lì   che   nascono i   problemi   in   tutte   le   famiglie   del   mondo.   Non   c'è amore   nel   voler   imporre   la   propria   linea.   Che bello   tornare   a   casa   e   coccolarsi   tra   marito   e moglie,   incoraggiarsi   e   amarsi   anche   in   mezzo alle    difficoltà    della    vita,    rammentarsi    le    cose gradevoli      che      ci      sono      state      invece      di rimproverarsi, umiliarsi e offendersi!  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile