Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Nel   mondo   non   mancano   le   preghiere,   manca   l'amore.   Senza   di   esso   non   aumenta   la   fede   e   non   si   eliminano   le   guerre. Può   starci   che   la   Madonna   ci   dica   di   pregare   perché   non   sappiamo   fare   altro,   ma   la   nostra   fede   si   ferma   lì?   La   preghiera è   un   punto   di   partenza   non   di   arrivo.   Cosa   vuol   dire   pregare?   Noi   diamo   un   significato   altissimo   al   Rosario,   però dobbiamo   rispettarlo   di   più   perché   sta   avvenendo   un   fenomeno   incredibile.   Per   tanti   pregare   significa   solo   recitare   il santo   Rosario,   questa   bellissima   preghiera   viene   usata   come   un   impoverimento   della   nostra   fede   o   come elemento   di   superstizione.   Quanti   cristiani   dopo   quella   recita   si   affidano   all'improvvisazione   e   all'immaginazione!   Eppure si   può   pregare   sulla   parola   di   Dio,   si   possono   ottenere   grazie   e   indulgenze   superiori   recitando   le   Lodi   e   i   Vespri, rispettando   i   comandamenti   e   le   verità   della   nostra   fede.   Come   pensiamo   di   pregare   dimenticandoci   le   basi   principali della   nostra   fede?   La   preghiera   che   ha   ottenuto   il   riconoscimento   più   importante   dopo   la   santa   messa   è    la   Liturgia delle   Ore   perché   si   basa   sulla   parola   di   Dio.   Abbiamo   mai   conosciuto   la   profondità   di   un   salmo?      Perché   vogliamo   dare più   valore   a   ciò   che   la   Chiesa   ha   messo   su   una   linea   inferiore,   come   le   preghiere   devozionali   o   le   novene?Non   possiamo parlare   del   Signore   se   non   viviamo   le   sue   opere   e   non   conosciamo   la   sua   parola   come   si   conviene.   Siamo   pronti   a   fare tutte   le   rinunce   per   stare   bene   nel   corpo,   ma   non   facciamo   altrettanto   per   l'anima.   Per   farla   star   bene   servono   quattro elementi   principali:   l'amore   fra   di   noi,   non   criticare,   non   giudicare,   stare   bene   insieme   nella   propria   famiglia   o   comunità. Siamo   unanimi   nel   parlare?   Rispettiamo   la   nostra   Chiesa?   Siamo   gli   apostoli   della   pace   con   chi   detestiamo?   La   nostra fede   non   può   essere   fatta   solamente   di   riti,   se   non   riveliamo   le   verità   principali,   quelli   che   verranno   dopo   di   noi   non potranno   dotarsi   di   esse.   Conoscere   la   parola   del   Signore   significa   interiorizzare   tutto   ciò   che   è   necessario   per   l'uomo. Chi   ha   Dio   nel   cuore   non   ha   bisogno   di   parlare:   trasmette,   disturba,   irrita   la   persona   che   ha   lo   spirito   contrario   e   ama   il fratello   accettando   anche   l'umiliazione   più   estrema.   Chi   non   ha   Dio   nel   cuore   è   un   giudice   spietato   verso   il   prossimo, anche   se   prega.   E'   invidioso   e   infelice,   non   sa   amare,   aspetta   solo   l'errore   del   buono   per   aumentare   a   dismisura   la   sua colpa.   Il   buono   lo   irrita,   lo   rende   ancora   più   falso   e   desideroso   di   fargliela   pagare.   Chi   aumenta   nella   fede   è   di   aiuto   alle altre   persone,   non   rifiuta   e   non   colpevolizza   chi   non   si   comporta   bene.   E'   solidale   (non   complice)   con   chi   viene   accusato dagli   altri.   La   pecorella   smarrita   va   recuperata,   amata,   non   va   odiata:   anche   se   viene   messa   in   discussione   da   tutti, diciamole   con   dolcezza   la   verità,   di   non   proporsi   in   modo   irritante,   che   spesso   è   la   causa   dei   suoi   problemi   con   i   suoi errori   di   valutazione.   Con   l'amore   facciamo   scendere   il   Signore   dalla   croce,   mentre   con   l'odio   e   le   nostre   parole   ci appendiamo   i   nostri   fratelli.   Però   preghiamo,   ci   sentiamo   dei      professionisti   della   preghiera   e   invitiamo   gli   altri   a pregare...   Ci   ostiniamo   a      voler   convertire   il   mondo   quando   lo   snaturiamo   della   verità   cristiana.   Prima dovremmo   pulirci   l'anima.   Troppe   volte   si   parla   in   nome   di   Maria   Santissima   in   un   modo   non   conforme   al   suo   desiderio. Lei   non   parla   male   dei   sacerdoti   che   sbagliano,   se   fosse   vero   avrebbe   rimproverato   Anna   e   Kaifa.   Dalla   sua   bocca   non esce   una   virgola   stonata,   non   viene   a   creare   polemica   o   critica.   Non   diciamo   la   Madonna   ha   detto, ”   ma   quella   persona ha   detto   in   nome   della   Madonna” ,   perché   poi   per   gli   atei   e   i   miscredenti   viene   evidenziato   il   nome   di   Maria   in   un   modo molto   sconveniente.   La   sua   immagine   non   viene   dissacrata   se   noi   ci   affidiamo   al   Vangelo.   Tante   rivelazioni   private   sono svanite   nel   nulla   perché   non   erano   autentiche,   mentre   la   parola   di   Dio   è   rimasta   e   noi   siamo   chiamati   ad   essere   suoi custodi.   Come   si   può   dire   che   in   un   luogo   c'è   più   grazia   di   un   altro?   Non   è   il   tempio   che   conta   o   l'affluenza   delle   persone, la   grazia   è   uguale   in   tutti   i   luoghi,   dipende   da   come   siamo   noi   davanti   a   Dio   non   da   come   è   Dio   davanti   a   noi.   Sarebbe   opportuno   da   parte   nostra   capire   se   ci   applichiamo   ai   valori   della   Chiesa,   come   essa   ci   chiede,   perché   ognuno   di noi   desidera   fare   ciò   che   più   è   gradito   a   Gesù   e   Maria.   Tuffiamoci   nella   parola   di   Dio   come   nella   piscina   di   Siloe,   per uscirne   risanati.   Pensare   di   ottenere   tutto   con   il   Santo   Rosario   potrebbe   essere   un   modo   di   offendere   la Madonna,    Lei   che   al   di   sopra   di   tutto   desidera   che   abbiamo   a   dare   valore   alle   parole   di   suo   Figlio.   Sono   sicure   di perseverare   fino   alla   fine   le   persone   piene   di   entusiasmo?   Chi   entra   in   un'esperienza   autentica   non   abbandona   più   la corona   del   Rosario,   la   fa   brillare   come   merita   perché   è   il   modo   più   diretto   per   arrivare   a   Maria   Santissima.   “Quante   volte figli   miei   le   vostre   preghiere   feriscono   il   cuore   di   mio   figlio” ,   ha   confidato   a   Roberto:   ciò   avviene   se   non   siamo   in   stato   di grazia   e   abbiamo   gelosie,   invidie   e   falsità   nel   cuore.   Dobbiamo   amare   e   dare   più   valore   al   Rosario,   non   usarlo   per nasconderci.   Abbelliamo   le   nostre   preghiere,   rendiamole   limpide   come   sorgenti   d'acqua,   chiediamoci   se   siamo   giusti davanti al Signore secondo la sua parola e non secondo i nostri parametri. Quando c'è la qualità, la quantità è totale.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Un fenomeno incredibile
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Nel   mondo   non   mancano   le   preghiere,   manca l'amore.   Senza   di   esso   non   aumenta   la   fede   e non    si    eliminano    le    guerre.    Può    starci    che    la Madonna   ci   dica   di   pregare   perché   non   sappiamo fare    altro,    ma    la    nostra    fede    si    ferma    lì?    La preghiera   è   un   punto   di   partenza   non   di   arrivo. Cosa   vuol   dire   pregare?   Noi   diamo   un   significato altissimo   al   Rosario,   però   dobbiamo   rispettarlo   di più     perché     sta     avvenendo     un     fenomeno incredibile.     Per     tanti     pregare     significa     solo recitare    il    santo    Rosario,    questa    bellissima preghiera        viene        usata        come        un impoverimento    della    nostra    fede    o    come elemento   di   superstizione.   Quanti   cristiani   dopo quella    recita    si    affidano    all'improvvisazione    e all'immaginazione!   Eppure   si   può   pregare   sulla parola    di    Dio,    si    possono    ottenere    grazie    e indulgenze   superiori   recitando   le   Lodi   e   i   Vespri, rispettando    i    comandamenti    e    le    verità    della nostra     fede.     Come     pensiamo     di     pregare dimenticandoci    le    basi    principali    della    nostra fede?      La      preghiera      che      ha      ottenuto      il riconoscimento    più    importante    dopo    la    santa messa   è    la   Liturgia   delle   Ore   perché   si   basa sulla   parola   di   Dio.   Abbiamo   mai   conosciuto   la profondità   di   un   salmo?      Perché   vogliamo   dare più   valore   a   ciò   che   la   Chiesa   ha   messo   su   una linea   inferiore,   come   le   preghiere   devozionali   o   le novene?Non   possiamo   parlare   del   Signore   se   non viviamo   le   sue   opere   e   non   conosciamo   la   sua parola   come   si   conviene.   Siamo   pronti   a   fare tutte   le   rinunce   per   stare   bene   nel   corpo,   ma   non facciamo   altrettanto   per   l'anima.   Per   farla   star bene   servono   quattro   elementi   principali:   l'amore fra    di    noi,    non    criticare,    non    giudicare,    stare bene   insieme   nella   propria   famiglia   o   comunità. Siamo   unanimi   nel   parlare?   Rispettiamo   la   nostra Chiesa?    Siamo    gli    apostoli    della    pace    con    chi detestiamo?   La   nostra   fede   non   può   essere   fatta solamente    di    riti,    se    non    riveliamo    le    verità principali,   quelli   che   verranno   dopo   di   noi   non potranno   dotarsi   di   esse.   Conoscere   la   parola   del Signore    significa    interiorizzare    tutto    ciò    che    è necessario   per   l'uomo.   Chi   ha   Dio   nel   cuore   non ha   bisogno   di   parlare:   trasmette,   disturba,   irrita la   persona   che   ha   lo   spirito   contrario   e   ama   il fratello     accettando     anche     l'umiliazione     più estrema.   Chi   non   ha   Dio   nel   cuore   è   un   giudice spietato   verso   il   prossimo,   anche   se   prega.   E' invidioso   e   infelice,   non   sa   amare,   aspetta   solo l'errore   del   buono   per   aumentare   a   dismisura   la sua   colpa.   Il   buono   lo   irrita,   lo   rende   ancora   più falso    e    desideroso    di    fargliela    pagare.    Chi aumenta   nella   fede   è   di   aiuto   alle   altre   persone, non   rifiuta   e   non   colpevolizza   chi   non   si   comporta bene.   E'   solidale   (non   complice)   con   chi   viene accusato    dagli    altri.    La    pecorella    smarrita    va recuperata,    amata,    non    va    odiata:    anche    se viene   messa   in   discussione   da   tutti,   diciamole con   dolcezza   la   verità,   di   non   proporsi   in   modo irritante,   che   spesso   è   la   causa   dei   suoi   problemi con    i    suoi    errori    di    valutazione.    Con    l'amore facciamo   scendere   il   Signore   dalla   croce,   mentre con   l'odio   e   le   nostre   parole   ci   appendiamo   i nostri   fratelli.   Però   preghiamo,   ci   sentiamo   dei     professionisti   della   preghiera   e   invitiamo   gli   altri a   pregare...   Ci   ostiniamo   a      voler   convertire   il mondo    quando    lo    snaturiamo    della    verità cristiana.     Prima     dovremmo     pulirci     l'anima. Troppe   volte   si   parla   in   nome   di   Maria   Santissima in   un   modo   non   conforme   al   suo   desiderio.   Lei non   parla   male   dei   sacerdoti   che   sbagliano,   se fosse   vero   avrebbe   rimproverato   Anna   e   Kaifa. Dalla   sua   bocca   non   esce   una   virgola   stonata, non    viene    a    creare    polemica    o    critica.    Non diciamo    la    Madonna    ha    detto, ”    ma    quella persona    ha    detto    in    nome    della    Madonna” , perché    poi    per    gli    atei    e    i    miscredenti    viene evidenziato   il   nome   di   Maria   in   un   modo   molto sconveniente.     La     sua     immagine     non     viene dissacrata   se   noi   ci   affidiamo   al   Vangelo.   Tante rivelazioni   private   sono   svanite   nel   nulla   perché non   erano   autentiche,   mentre   la   parola   di   Dio   è rimasta    e    noi    siamo    chiamati    ad    essere    suoi custodi.   Come   si   può   dire   che   in   un   luogo   c'è   più grazia   di   un   altro?   Non   è   il   tempio   che   conta   o l'affluenza   delle   persone,   la   grazia   è   uguale   in tutti   i   luoghi,   dipende   da   come   siamo   noi davanti   a   Dio   non   da   come   è   Dio   davanti   a noi.    Sarebbe   opportuno   da   parte   nostra   capire se   ci   applichiamo   ai   valori   della   Chiesa,   come essa   ci   chiede,   perché   ognuno   di   noi   desidera fare    ciò    che    più    è    gradito    a    Gesù    e    Maria. Tuffiamoci   nella   parola   di   Dio   come   nella   piscina di     Siloe,     per     uscirne     risanati.     Pensare     di ottenere   tutto   con   il   Santo   Rosario   potrebbe essere   un   modo   di   offendere   la   Madonna,   Lei   che   al   di   sopra   di   tutto   desidera   che   abbiamo a    dare    valore    alle    parole    di    suo    Figlio.    Sono sicure   di   perseverare   fino   alla   fine   le   persone piene   di   entusiasmo?   Chi   entra   in   un'esperienza autentica    non    abbandona    più    la    corona    del Rosario,   la   fa   brillare   come   merita   perché   è   il modo   più   diretto   per   arrivare   a   Maria   Santissima. “Quante    volte    figli    miei    le    vostre    preghiere feriscono   il   cuore   di   mio   figlio” ,   ha   confidato   a Roberto:   ciò   avviene   se   non   siamo   in   stato   di grazia   e   abbiamo   gelosie,   invidie   e   falsità   nel cuore.    Dobbiamo    amare    e    dare    più    valore    al Rosario,   non   usarlo   per   nasconderci.   Abbelliamo le    nostre    preghiere,    rendiamole    limpide    come sorgenti    d'acqua,    chiediamoci    se    siamo    giusti davanti   al   Signore   secondo   la   sua   parola   e   non secondo   i   nostri   parametri.   Quando   c'è   la   qualità, la quantità è totale.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile