Monte Misma Maria ausiliatrice
  I   nostri   discorsi   sono   sempre   terreni,   difficilmente   raggiungono   la   Patria   Celeste   perché   non   conosciamo   questa   verità, né   la   potenza   di   Dio.   Il   nostro   Creatore   è   un   mistero,   non   possiamo   spiegarlo,   evitiamo   di   scontrarci   con   le   nostre opinioni.   Dobbiamo   invece   pensare   se   corrispondiamo   a   quello   che   il   Signore   ci   chiede,   che   è   scritto   da   millenni   sulla Bibbia.   Non   dimentichiamoci   che   il   male   peggiore   di   questi   tempi   è   l'apostasia,   del   cristiano   che   non   crede   come dovrebbe   credere.   Siamo   pronti   a   salire   in   croce   per   il   nostro   fratello   o   a   metterlo   in   croce?   Salgono   molte   preghiere   ma poche   azioni   degne   di   un   cristiano.   Nel   giudizio   finale   sarà   determinante   la   carità   e   l'amore,   non   le   preghiere   o   i propositi:   in   quel   momento   avremo   davanti   tutte   le   nostre   azioni   e   sapremo   come   poteva   essere   la   nostra   vita   se avessimo   amato   e   perdonato   di   più.   La   mano   di   Maria   Santissima   interviene   non   solo   ad   evitare   i   mali,   ma   a   mitigarli,   a non   permettere   che   si   realizzino   completamente.   Il   modo   migliore   di   consolarla   è   quello   di   amarci   e   perdonarci,   così veniamo   subito   ripagati   di   gioia   dal   Signore.   La   nostra   preghiera   non   è   vana,   ma   cerchiamo   di   essere   giusti   e   di migliorarci,   per   non   demolire   alla   sera   quello   che   di   buono   abbiamo   costruito   durante   il   giorno.   L'odio   viene   dall’uomo,   se vogliamo   far   star   bene   l'anima   dobbiamo   penalizzare   il   corpo,   la   ragione.   Ci   rendiamo   conto   che   anche   la   morte   è   vita? Quando   diciamo   che   è   difficile   non   peccare,   dichiariamo   che   la   nostra   fede   non   è   giusta.    Se   ne   avessimo capiremmo    che    è    facilissimo    comportarsi    come    il    Signore    chiede.    Andare    spesso    a    confessarsi    significa    avere continuamente   delle   lacune,   mentre   i   santi   si   accostavano   a   questo   sacramento   perché   si   sentivano   indegni,   non peccatori.   I   nostri   pensieri   sono   tutti   puri   come   l'acqua   limpida?   Come   può   un   peccatore   consigliare   la   retta   via?   Noi siamo   dubbiosi   perché   al   primo   posto   mettiamo   tutti   i   nostri   impegni   e   le   nostre   necessità,   poi   viene   il   Signore.   Siamo contenti?   Troppo   spesso   i   genitori   che   compiono   sacrifici   per   i   figli   non   sono   ripagati.   Se   vogliamo   amare   Dio   dobbiamo odiare   i   nostri   cari ,   ciò   metterli   in   secondo   piano.   Indichiamo   la   via   della   luce   alle   persone   o   diciamo   che   con   due   novene risolvono   tutti   i   problemi?   Con   quale   stato   d'animo   preghiamo?   Cosa   ne   è   dei   doni   che   abbiamo   ricevuto   nel   battesimo? Il   problema   di   questo   mondo   è   la   colpa   del   peccato.   Chi   ha   Dio   nel   cuore   conferma   ogni   parola   del   Vangelo,   non   i   propri ragionamenti.   Possiamo   anche   sperimentare   di   piangere   di   gioia   quando   la   legge   dell'uomo   ci   penalizza.   Davanti   alle prove   della   vita,   consapevolmente   o   inconsapevolmente,   sosteniamo   di   più   la   legge   dell'uomo   o   la   legge   di   Dio?   La   prima vuole   che   ci   difendiamo,   nella   seconda   ci   difende   Dio.   Però   bisogna   avere   pazienza   e   non   lamentarsi.   In   realtà   non   ci rendiamo   conto   com’è   bello   essere   figli   di   Dio.   Quando   si   dice   che   è   difficile   perdonare   con   il   cuore,   si   dimostra   di   essere molto   lontani   dalla   richiesta   principale   che   il   Signore   ci   ha   fatto   nel   Nuovo   Testamento.   Se   raggiungeremo   la   giusta fede   ci   sentiremo   indegni   anche   di   perdonare ,   perché   davanti   all’ingiustizia   ricevuta,   riconosceremo   di   aver   causato anche   noi   del   male   ad   altre   persone   e   di   essere   stati   perdonati   da   Dio.   Il   Signore   ci   userà   misericordia   se   noi   saremo stati   misericordiosi.   Chi   si   sente   degno   di   perdonare   aumenta   nell'orgoglio,   pensa   solo   di   aver   ricevuto   ingiustizie   e   di essere   nel   giusto.   Che   bello   se   ci   umiliassimo   davanti   a   Dio   dopo   che   uno   ci   ha   fatto   una   cosa   orribile,   non   lo condanneremmo,   chiederemmo   al   Signore   di   perdonarlo.   Chi   non   è   esente   da   errori,   come   può   non   perdonare?   È   il nostro   nemico   che   ci   fa   mettere   Dio   al   primo   posto :   quanti   di   noi   ritornano   al   Signore   dopo   un   enorme   sofferenza per   essere   stati   massacrati,   traditi,   offesi?   Invece   i   nostri   affetti   più   cari   ci   coinvolgono   e   ci   fanno   mettere   Dio   al   secondo posto.   Chi   di   noi   avrebbe   accettato   la   prova   di   Abramo?   Se   metteremo   Dio   al   primo   posto   avremo   l'umiltà,   la   carità, l'amore,   non   oseremo   neanche   perdonare   per   il   peso   dei   nostri   peccati.   Il   nostro   giogo   sarà   leggero   e   avremo   gli anticorpi   necessari   per   guarire   da   tutte   le   malattie.   Ci   sentiremo   persino   indegni   di   non   meritarci   la   sofferenza.   È   questo il   pensiero   che   dovrebbe   essere   consolidato   nel   cuore   di   tutti   i   cristiani,   non   l'apostasia.   Quando   sentiamo   che   uomini   di Chiesa   hanno   commesso   errori,   non   critichiamo   e   non   giudichiamo.   Facciamo   un   esame   di   coscienza   e   chiediamoci   se noi,   che   frequentiamo   la   casa   del   Signore,   abbiamo   aumentato   la   credibilità   della   Chiesa   oppure   l'abbiamo diminuita .   Siamo   stati   degni   di   rappresentare   la   parola   del   Signore?   La   Chiesa   intesa   come   dimora   del   Signore   è   santa e   pura   da   sempre,   quella   gestita   dall'uomo   sappiamo   che   ha   qualche   difetto.   Amiamo   veramente   la   nostra   Chiesa? Cerchiamo   di   intervenire   sulla   nostra   persona   perché   sugli   altri   non   possiamo   far   niente,   se   non   offrire   qualche   fioretto. La   Chiesa   deve   essere   povera   nel   senso   che   non   deve   farsi   prendere   dalle   vanità,   se   andiamo   a   dire   che   deve   vendere tutto,   come   farà   a   mantenersi?   Piuttosto   priviamoci   delle   nostre   ricchezze.   I   preti   lavorano   per   la   nostra   anima,   perché osiamo criticarli e li pretendiamo poveri?   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Chi ha la fede giusta non cade in tentazione
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi dell Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
Un deserto  sul Misma
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  I      nostri      discorsi      sono      sempre      terreni, difficilmente   raggiungono   la   Patria   Celeste   perché non   conosciamo   questa   verità,   né   la   potenza   di Dio.    Il    nostro    Creatore    è    un    mistero,    non possiamo   spiegarlo,   evitiamo   di   scontrarci   con   le nostre    opinioni.    Dobbiamo    invece    pensare    se corrispondiamo   a   quello   che   il   Signore   ci   chiede, che    è    scritto    da    millenni    sulla    Bibbia.    Non dimentichiamoci   che   il   male   peggiore   di   questi tempi   è   l'apostasia,   del   cristiano   che   non   crede come   dovrebbe   credere.   Siamo   pronti   a   salire   in croce   per   il   nostro   fratello   o   a   metterlo   in   croce? Salgono   molte   preghiere   ma   poche   azioni   degne di     un     cristiano.     Nel     giudizio     finale     sarà determinante     la     carità     e     l'amore,     non     le preghiere   o   i   propositi:   in   quel   momento   avremo davanti   tutte   le   nostre   azioni   e   sapremo   come poteva   essere   la   nostra   vita   se   avessimo   amato   e perdonato   di   più.   La   mano   di   Maria   Santissima interviene    non    solo    ad    evitare    i    mali,    ma    a mitigarli,    a    non    permettere    che    si    realizzino completamente.   Il   modo   migliore   di   consolarla   è quello    di    amarci    e    perdonarci,    così    veniamo subito   ripagati   di   gioia   dal   Signore.   La   nostra preghiera   non   è   vana,   ma   cerchiamo   di   essere giusti   e   di   migliorarci,   per   non   demolire   alla   sera quello   che   di   buono   abbiamo   costruito   durante   il giorno.   L'odio   viene   dall’uomo,   se   vogliamo   far star   bene   l'anima   dobbiamo   penalizzare   il   corpo, la   ragione.   Ci   rendiamo   conto   che   anche   la   morte è   vita?   Quando   diciamo   che   è   difficile   non peccare,   dichiariamo   che   la   nostra   fede   non è    giusta.     Se    ne    avessimo    capiremmo    che    è facilissimo   comportarsi   come   il   Signore   chiede. Andare    spesso    a    confessarsi    significa    avere continuamente    delle    lacune,    mentre    i    santi    si accostavano    a    questo    sacramento    perché    si sentivano   indegni,   non   peccatori.   I   nostri   pensieri sono   tutti   puri   come   l'acqua   limpida?   Come   può un   peccatore   consigliare   la   retta   via?   Noi   siamo dubbiosi   perché   al   primo   posto   mettiamo   tutti   i nostri   impegni   e   le   nostre   necessità,   poi   viene   il Signore.   Siamo   contenti?   Troppo   spesso   i   genitori che    compiono    sacrifici    per    i    figli    non    sono ripagati.    Se    vogliamo    amare    Dio    dobbiamo odiare   i   nostri   cari ,   ciò   metterli   in   secondo   piano. Indichiamo    la    via    della    luce    alle    persone    o diciamo    che    con    due    novene    risolvono    tutti    i problemi?   Con   quale   stato   d'animo   preghiamo? Cosa   ne   è   dei   doni   che   abbiamo   ricevuto   nel battesimo?   Il   problema   di   questo   mondo   è   la colpa   del   peccato.   Chi   ha   Dio   nel   cuore   conferma ogni      parola      del      Vangelo,      non      i      propri ragionamenti.   Possiamo   anche   sperimentare   di piangere   di   gioia   quando   la   legge   dell'uomo   ci penalizza.     Davanti     alle     prove     della     vita, consapevolmente         o         inconsapevolmente, sosteniamo   di   più   la   legge   dell'uomo   o   la   legge   di Dio?    La    prima    vuole    che    ci    difendiamo,    nella seconda    ci    difende    Dio.    Però    bisogna    avere pazienza    e    non    lamentarsi.    In    realtà    non    ci rendiamo   conto   com’è   bello   essere   figli   di   Dio. Quando   si   dice   che   è   difficile   perdonare   con   il cuore,   si   dimostra   di   essere   molto   lontani   dalla richiesta   principale   che   il   Signore   ci   ha   fatto   nel Nuovo     Testamento.     Se     raggiungeremo     la giusta   fede   ci   sentiremo   indegni   anche   di perdonare ,       perché       davanti       all’ingiustizia ricevuta,   riconosceremo   di   aver   causato   anche noi   del   male   ad   altre   persone   e   di   essere   stati perdonati   da   Dio.   Il   Signore   ci   userà   misericordia se   noi   saremo   stati   misericordiosi.   Chi   si   sente degno   di   perdonare   aumenta   nell'orgoglio,   pensa solo   di   aver   ricevuto   ingiustizie   e   di   essere   nel giusto.   Che   bello   se   ci   umiliassimo   davanti   a   Dio dopo   che   uno   ci   ha   fatto   una   cosa   orribile,   non   lo condanneremmo,    chiederemmo    al    Signore    di perdonarlo.   Chi   non   è   esente   da   errori,   come   può non   perdonare?   È   il   nostro   nemico   che   ci   fa mettere    Dio    al    primo    posto :    quanti    di    noi ritornano   al   Signore   dopo   un   enorme   sofferenza per   essere   stati   massacrati,   traditi,   offesi?   Invece i   nostri   affetti   più   cari   ci   coinvolgono   e   ci   fanno mettere   Dio   al   secondo   posto.   Chi   di   noi   avrebbe accettato   la   prova   di   Abramo?   Se   metteremo   Dio al     primo     posto     avremo     l'umiltà,     la     carità, l'amore,   non   oseremo   neanche   perdonare   per   il peso    dei    nostri    peccati.    Il    nostro    giogo    sarà leggero    e    avremo    gli    anticorpi    necessari    per guarire   da   tutte   le   malattie.   Ci   sentiremo   persino indegni   di   non   meritarci   la   sofferenza.   È   questo   il pensiero    che    dovrebbe    essere    consolidato    nel cuore   di   tutti   i   cristiani,   non   l'apostasia.   Quando sentiamo   che   uomini   di   Chiesa   hanno   commesso errori,     non     critichiamo     e     non     giudichiamo. Facciamo   un   esame   di   coscienza   e   chiediamoci   se noi,    che    frequentiamo    la    casa    del    Signore, abbiamo     aumentato     la     credibilità     della Chiesa    oppure    l'abbiamo    diminuita .    Siamo stati     degni     di     rappresentare     la     parola     del Signore?    La    Chiesa    intesa    come    dimora    del Signore   è   santa   e   pura   da   sempre,   quella   gestita dall'uomo    sappiamo    che    ha    qualche    difetto. Amiamo   veramente   la   nostra   Chiesa?   Cerchiamo di   intervenire   sulla   nostra   persona   perché   sugli altri    non    possiamo    far    niente,    se    non    offrire qualche   fioretto.   La   Chiesa   deve   essere   povera nel    senso    che    non    deve    farsi    prendere    dalle vanità,    se    andiamo    a    dire    che    deve    vendere tutto,     come     farà     a     mantenersi?     Piuttosto priviamoci   delle   nostre   ricchezze.   I   preti   lavorano per   la   nostra   anima,   perché   osiamo   criticarli   e   li pretendiamo poveri?  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile