Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
     Chi   determina   il   bene   e   il   male   nell'uomo?   È   l'uomo   stesso,   non   il   Signore   o   il   diavolo.   Sono   due   sentimenti   diversi   che generano   uno   scompenso   comportamentale.   Qual   è   la   linea   più   forte   dentro   di   noi?   Quella   dell'anima   penalizza   il   corpo   e viceversa,   perché   ciò   che   fa   bene   a   uno   purtroppo   non   fa   bene   all'altro:   " Camminate   secondo   lo   Spirito   e   non   sarete portati   a   soddisfare   i   desideri   della   carne;   la   carne   infatti   ha   desideri   contrari   allo   Spirito   e   lo   Spirito   ha   desideri   contrari alla   carne;   queste   cose   si   oppongono   a   vicenda,   sicché   voi   non   fate   quello   che   vorreste"   (Gal.5,16-17) .    La   parte dell'anima   è   delicata,   dolce,   sensibile,   arrendevole,   si   lascia   anche   sopraffare   da   quella   prepotente   ed   egoista   della carne.   Quest'ultima   non   sa   rinunciare,   diventa   vorace,      vuole   eliminare   la   parte   scomoda   che   è   in   noi   e   asseconda   i nostri   desideri   fino   a   quando   non   la   saziamo   con   il   frutto   succulento   della   seduzione:   " Ciascuno   piuttosto   è   tentato   dalla propria   concupiscenza   che   lo   attrae   e   lo   seduce;   poi   la   concupiscenza   concepisce   e   genera   il   peccato,   che   quand'è consumato,   produce   la   morte"   (Gc.   1,14).    Ricordiamoci   che   lo   spirito   è   forte,   non   la   carne .   La   parte   fisica   non   può essere   condivisa   con   nessuno,   entra   nelle   tenebre   dell'avarizia,   dell'avidità,   è   schiava   di   se   stessa,   mentre   quella spirituale   entra   nella   luce   dell'amore   e   della   carità,   non   è   falsa,   è   benevola   con   tutti,   è   a   vantaggio   del   bene   comune, della   famiglia,   del   posto   di   lavoro,   risana   ogni   cosa.   Se   vogliamo   far   gioire   l'anima   dobbiamo   limitare   i   richiami   del   corpo che   devono   essere   corretti,   non   peccaminosi.   La   sensualità   ha   corrotto   il   mondo,   quando   diventa   un   vizio   il   male   si prende   gioco   di   noi   anche   se   cerchiamo   di   rimediare   facendo   opere   di   bene   e   di   volontariato.   La   cosa   bella   è   vincere   la battaglia   personale   e   poi   fare   il   bene,   liberi,   puri,   con   amore.   Scivolando   nel   peccato   siamo   tristi   e   rattristiamo   le persone   che   ci   sono   vicine,   perché   le   nostre   dipendenze   (alcol,   droga,   sesso,   avidità   di   denaro ...)   ci   fanno   abusare della    bontà    dei    buoni.    Come    possiamo    allontanare    ciò    che    desideriamo?    Non    dobbiamo    confessarci    cercando    di giustificare   le   nostre   debolezze,   è   ipocrisia.   Solo   chiudendo   a   certi   richiami   possiamo   riempirci   della   parola   di   Dio   e scacciare   il   male   che   è   in   noi.   Per   favorire   l'anima   dobbiamo   penalizzare   il   corpo,   la   ragione,   la   soddisfazione, l'orgoglio,    dobbiamo   togliere   tutto   quello   che   impedisce   a   Maria   Santissima   di   realizzare   ciò   che   intende   offrirci.   Ce   l'ha suggerito   dal   monte   Misma.   Ma   noi   diamo   più   risonanza   a   messaggi   meno   profondi   che   vengono   da   chissà   dove,   perché hanno   un   contorno   più   pubblicizzato.   Il   male   si   scaccia   quando   non   nutriamo   le   passioni   negative   della   carne:   " Da   che cosa   derivano   le   guerre   e   le   liti   che   sono   in   mezzo   a   voi?   Non   vengono   forse   dalle   vostre   passioni   che   combattono   nelle vostre   membra?   ...   Chi   dunque   vuole   essere   amico   del   mondo   si   rende   nemico   di   Dio "   (Gc.4,1-4).   Perché   ci   lasciamo abbindolare   da   false   verità   non   sostenute   dall'amore?   Il   peccato   è   non   avere   i   sentimenti   che   determinano   il   successo della   parte   migliore   dentro   di   noi.   Se   non   mettiamo   un   po'   di   ordine   in   questi   passaggi   non   vedremo   mai   i   risultati sperati   anche   dopo   anni   di   preghiere.   Chi   reagisce   all'umiliazione   sta   dalla   parte   di   colui   che   suggerirà   sempre   sentimenti contraddittori   allo   spirito   e   apre   le   porte   al   male.   Chi   invece   sostiene   l'anima   ha   Dio   dentro   di   sé   (non   un   Dio   mentale) perchè   ama,   non   critica   e   non   giudica.   La   sua   preghiera   è   una   bomba   micidiale   contro   il   male.   Accetta   la   croce,   ma   ha una   gioia   che   non   è   paragonabile   a   tutti   i   successi,   i   piaceri   e   le   ricchezze   del   mondo.   Può   andare   in   estasi   e   gustare veramente   le   primizie   della   creazione   di   Dio.   Dimostriamo   i   frutti   dello   Spirito?   Il   diavolo   e   l'acqua   santa   non   stanno insieme,   non   si   può   servire    Dio   e   mammona ,   se   l'attività   principale   è   quella   materiale   non   possiamo   confermare   il   bene. Tante   sensazioni   ed   emozioni   sono   svanite   nel   nulla   perchè   erano   un   fatto   mentale,   non   spirituale.   Abbiamo   troppo basato   solamente   sulla   preghiera   la   nostra   vita   cristiana   e   pensiamo   che   principalmente   offendono   il   Signore   coloro   che non   vanno   a   messa.   Ci   possono   essere   delle   buone   persone   atee   e   dei   pessimi   cristiani:   se   la   nostra   attività   principale non   è   sana,   facciamo   marcire   tutto   ciò   che   ci   viene   a   contatto,   anche   se   frequentiamo   la   chiesa.   Dire   " prega   e   otterrai "   è come   dire   a   una   persona   mediocre   di   andare   sul   ring   a   combattere   con   il   campione   del   mondo,   illudendola   di   vincere. Senza   Dio   nel   cuore   mandiamo   le   persone   alla   distruzione.   Prima   di   tutto   scopriamo   che   cosa   hanno   nel   cuore, riportiamole   alle   verità   della   nostra   fede.   Se   uno   prende   sostanze   eccitanti,   il   doping,   dà   più   vigore   all'attività   che   in   quel momento   vuol   fare,   qualsiasi   essa   sia.   Così   la   preghiera   è   il   doping   dell'anima,   ma   se   quest'ultima   non   è   la nostra   attività   principale,   la   sua   forza   va   a   intensificare   quella   del   corpo.    Chi   prega   senza   avere   un'attività principale   positiva,   aumenta   quell'altra,   non   accetta   più   il   male   e   accresce   la   durezza   contro   la   pecorella   smarrita. Diventa   giudice   ancora   più   spietato   perchè   ha   l'avidità   spirituale.   Quante   volte   si   vedono   persone   con   un   carico   immenso di   preghiere   che   non   concedono   nessun   errore   al   prossimo,   sanno   solo   condannare   e   si   scandalizzano   di   tutto   ciò   che   è errore!   Dov'è   la   carità?   Pregano   e   peggiorano   la   propria   situazione.   Chi   sostiene   la   parte   spirituale   non   è   permaloso,   non si   offende,   non   si   lascia   provocare,   parla   con   bontà   e   mansuetudine,   chi   invece   sostiene   la   materia   ha   già   il   "sangue   alla testa",   non   ragiona   più,   è   geloso,   malizioso,   falso,   arrogante,   presuntuoso.   Se   la   Madonna   ci   ha   rivelato   che    molte   delle nostre   preghiere   feriscono   il   cuore   di   suo   Figlio,   significa   che   non   son   dette   con   bontà.   Un   nostro   piccolo   fioretto,   una buona   parola,   l'invito   ad   amare   piuttosto   che   a   far   valere   le   proprie   ragioni,   può   diventare   un   salvagente   per   tanti   che stanno naufragando nel mondo.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Qual’è la nostra attività principale?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Chi    determina    il    bene    e    il    male    nell'uomo?    È l'uomo   stesso,   non   il   Signore   o   il   diavolo.   Sono due     sentimenti     diversi     che     generano     uno scompenso   comportamentale.   Qual   è   la   linea   più forte   dentro   di   noi?   Quella   dell'anima   penalizza   il corpo   e   viceversa,   perché   ciò   che   fa   bene   a   uno purtroppo    non    fa    bene    all'altro:    " Camminate secondo    lo    Spirito    e    non    sarete    portati    a soddisfare   i   desideri   della   carne;   la   carne   infatti ha   desideri   contrari   allo   Spirito   e   lo   Spirito   ha desideri    contrari    alla    carne;    queste    cose    si oppongono   a   vicenda,   sicché   voi   non   fate   quello che   vorreste"   (Gal.5,16-17) .    La   parte   dell'anima è   delicata,   dolce,   sensibile,   arrendevole,   si   lascia anche   sopraffare   da   quella   prepotente   ed   egoista della    carne.    Quest'ultima    non    sa    rinunciare, diventa     vorace,          vuole     eliminare     la     parte scomoda    che    è    in    noi    e    asseconda    i    nostri desideri    fino    a    quando    non    la    saziamo    con    il frutto    succulento    della    seduzione:    " Ciascuno piuttosto   è   tentato   dalla   propria   concupiscenza che   lo   attrae   e   lo   seduce;   poi   la   concupiscenza concepisce    e    genera    il    peccato,    che    quand'è consumato,     produce     la     morte"     (Gc.     1,14).   Ricordiamoci    che    lo    spirito    è    forte,    non    la carne .   La   parte   fisica   non   può   essere   condivisa con    nessuno,    entra    nelle    tenebre    dell'avarizia, dell'avidità,   è   schiava   di   se   stessa,   mentre   quella spirituale    entra    nella    luce    dell'amore    e    della carità,   non   è   falsa,   è   benevola   con   tutti,   è   a vantaggio   del   bene   comune,   della   famiglia,   del posto   di   lavoro,   risana   ogni   cosa.   Se   vogliamo   far gioire   l'anima   dobbiamo   limitare   i   richiami   del corpo      che      devono      essere      corretti,      non peccaminosi.   La   sensualità   ha   corrotto   il   mondo, quando   diventa   un   vizio   il   male   si   prende   gioco   di noi    anche    se    cerchiamo    di    rimediare    facendo opere   di   bene   e   di   volontariato.   La   cosa   bella   è vincere   la   battaglia   personale   e   poi   fare   il   bene, liberi,   puri,   con   amore.   Scivolando   nel   peccato siamo   tristi   e   rattristiamo   le   persone   che   ci   sono vicine,   perché   le   nostre   dipendenze   (alcol,   droga, sesso,   avidità   di   denaro ...)   ci   fanno   abusare della      bontà      dei      buoni.      Come      possiamo allontanare   ciò   che   desideriamo?   Non   dobbiamo confessarci    cercando    di    giustificare    le    nostre debolezze,    è    ipocrisia.    Solo    chiudendo    a    certi richiami   possiamo   riempirci   della   parola   di   Dio   e scacciare    il    male    che    è    in    noi.    Per    favorire l'anima    dobbiamo    penalizzare    il    corpo,    la ragione,       la       soddisfazione,       l'orgoglio,   dobbiamo   togliere   tutto   quello   che   impedisce   a Maria   Santissima   di   realizzare   ciò   che   intende offrirci.   Ce   l'ha   suggerito   dal   monte   Misma.   Ma noi    diamo    più    risonanza    a    messaggi    meno profondi    che    vengono    da    chissà    dove,    perché hanno   un   contorno   più   pubblicizzato.   Il   male   si scaccia     quando     non     nutriamo     le     passioni negative   della   carne:   " Da   che   cosa   derivano   le guerre   e   le   liti   che   sono   in   mezzo   a   voi?   Non vengono     forse     dalle     vostre     passioni     che combattono   nelle   vostre   membra?   ...   Chi   dunque vuole   essere   amico   del   mondo   si   rende   nemico   di Dio "   (Gc.4,1-4).   Perché   ci   lasciamo   abbindolare da    false    verità    non    sostenute    dall'amore?    Il peccato      è      non      avere      i      sentimenti      che determinano    il    successo    della    parte    migliore dentro   di   noi.   Se   non   mettiamo   un   po'   di   ordine in   questi   passaggi   non   vedremo   mai   i   risultati sperati    anche    dopo    anni    di    preghiere.    Chi reagisce   all'umiliazione   sta   dalla   parte   di   colui che   suggerirà   sempre   sentimenti   contraddittori allo   spirito   e   apre   le   porte   al   male.   Chi   invece sostiene   l'anima   ha   Dio   dentro   di   sé   (non   un   Dio mentale)   perchè   ama,   non   critica   e   non   giudica. La   sua   preghiera   è   una   bomba   micidiale   contro   il male.   Accetta   la   croce,   ma   ha   una   gioia   che   non è   paragonabile   a   tutti   i   successi,   i   piaceri   e   le ricchezze    del    mondo.    Può    andare    in    estasi    e gustare   veramente   le   primizie   della   creazione   di Dio.   Dimostriamo   i   frutti   dello   Spirito?   Il   diavolo e   l'acqua   santa   non   stanno   insieme,   non   si   può servire    Dio   e   mammona ,   se   l'attività   principale   è quella    materiale    non    possiamo    confermare    il bene.   Tante   sensazioni   ed   emozioni   sono   svanite nel   nulla   perchè   erano   un   fatto   mentale,   non spirituale.    Abbiamo    troppo    basato    solamente sulla     preghiera     la     nostra     vita     cristiana     e pensiamo     che     principalmente     offendono     il Signore    coloro    che    non    vanno    a    messa.    Ci possono   essere   delle   buone   persone   atee   e   dei pessimi   cristiani:   se   la   nostra   attività   principale non   è   sana,   facciamo   marcire   tutto   ciò   che   ci viene    a    contatto,    anche    se    frequentiamo    la chiesa.   Dire   " prega   e   otterrai "   è   come   dire   a   una persona     mediocre     di     andare     sul     ring     a combattere     con     il     campione     del     mondo, illudendola    di    vincere.    Senza    Dio    nel    cuore mandiamo   le   persone   alla   distruzione.   Prima   di tutto    scopriamo    che    cosa    hanno    nel    cuore, riportiamole   alle   verità   della   nostra   fede.   Se   uno prende    sostanze    eccitanti,    il    doping,    dà    più vigore   all'attività   che   in   quel   momento   vuol   fare, qualsiasi   essa   sia.   Così   la   preghiera   è   il   doping dell'anima,    ma    se    quest'ultima    non    è    la nostra   attività   principale,   la   sua   forza   va   a intensificare    quella    del    corpo.     Chi    prega senza     avere     un'attività     principale     positiva, aumenta   quell'altra,   non   accetta   più   il   male   e accresce   la   durezza   contro   la   pecorella   smarrita. Diventa   giudice   ancora   più   spietato   perchè   ha l'avidità     spirituale.     Quante     volte     si     vedono persone   con   un   carico   immenso   di   preghiere   che non   concedono   nessun   errore   al   prossimo,   sanno solo   condannare   e   si   scandalizzano   di   tutto   ciò che     è     errore!     Dov'è     la     carità?     Pregano     e peggiorano   la   propria   situazione.   Chi   sostiene   la parte   spirituale   non   è   permaloso,   non   si   offende, non    si    lascia    provocare,    parla    con    bontà    e mansuetudine,   chi   invece   sostiene   la   materia   ha già    il    "sangue    alla    testa",    non    ragiona    più,    è geloso,   malizioso,   falso,   arrogante,   presuntuoso. Se   la   Madonna   ci   ha   rivelato   che    molte   delle nostre   preghiere   feriscono   il   cuore   di   suo   Figlio, significa   che   non   son   dette   con   bontà.   Un   nostro piccolo    fioretto,    una    buona    parola,    l'invito    ad amare    piuttosto    che    a    far    valere    le    proprie ragioni,   può   diventare   un   salvagente   per   tanti che stanno naufragando nel mondo.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile