Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
La   parola   di   Dio   è   stile   comportamentale   per   l'uomo.   La   conosciamo?   In   essa   c'è   una   verità   insostituibile.   Se   la conoscessimo   veramente   non   avremmo   quegli   squilibri   mentali   di   umore,   accetteremmo   il   giusto   e   l'ingiusto   con   un equilibrio   diverso.   Nei   momenti   grigi   che   tutti   passiamo   nella   vita,   essa   ci   toglie   l'insicurezza   e   la   paura.   Il   Signore   ci lascia   scegliere   il   bene   e   il   male,   nel   primo   caso   dobbiamo   accettare   cose   contro   la   ragione,   senza   mai   chiederci   il perché.   E   sentirci   i   peggiori,   in   difetto.   Non   pensiamo   di   essere   migliori   di   chi   non   va   in   chiesa,   perché   ciò   che   conta   è come   viviamo.   Il   male   si   annida   nell'uomo   fin   da   bambino   a   causa   del   contagio   dei   tempi   e   dei   luoghi   dove   vive.   Se davanti   a   sé   vede   solo   falsità,   furbizie,   tradimenti,   vigliaccherie,   volgarità   e   genitori   che   non   si   sopportano,   come   farà   a conoscere   il   bene?   La   parola   di   Dio   ci   mette   in   guardia   da   certe   situazioni   e   ci   dice   di   starne   lontano.   La   battaglia   più difficile   è   quella   dell'integrità   spirituale,   del   bene   contro   il   male   che   combattiamo   ventiquattro   ore   al   giorno,   ma   noi allegramente   andiamo   ad   occuparci   degli   errori   altrui.   Prima   di   replicare   a   una   domanda   pensiamo   alla   risposta   più conveniente   o   più   giusta?   Siamo   sicuri   di   rivelare   la   parola   di   Dio   o   siamo   impermeabili   ad   essa?   Stiamo   attenti   a parlarne,   perché   poi   diffondiamo   il   nostro   modo   di   vivere,   non   lo   stile   del   Vangelo.   Dovremmo   amare   senza   criticare, rivelare   la   gioia   anche   quando   portiamo   la   croce.   Ce   lo   vediamo   Gesù   che   critica   mentre   uno   gli   sputa   addosso?   La Chiesa   non   è   favorevole   all'enfasi   esteriore,   essa   non   ha   alcun   valore   davanti   alla   fede.   Quando   abbiamo   un   problema   ci mettiamo   forse   a   cantare   o   a   fare   la   Ola   come   allo   stadio?   Non   si   sconfigge   così   il   male.   Chi   è   formato   sulla   parola   di Dio   sente   dentro   una   forza   nel   gestire   il   momento   cruciale.    C'è   un   dislivello   enorme   tra   la   massima   gioia   e   la disperazione   più   grande,   com'è   possibile   per   il   cristiano?   Gesù   non   ha   rifiutato   la   croce   e   nemmeno   Giovanni   Battista   si   è ribellato,   tutti   i   santi   pur   passando   grandi   sofferenze   sembravano   persone   sane.   Quando   uno   ha   la   vera   fede   accetta anche   la   situazione   più   difficile,   non   è   in   balia   dell'emozione.    Non   bisogna   enfatizzare   quando   si   è   al   massimo   della contentezza,   ma   controllarsi,   e   nemmeno   lasciarsi   andare   alla   disperazione   quando   si   è   nel   momento   della prova.   Lamentandoci   non   cambiamo   la   sorte   di   certe   persone,   perché   non   accettiamo   subito   queste   situazioni,   pur   con la   sofferenza   nel   cuore?   Cerchiamo   di   vivere   nella   gioia   quello   che   ci   offre   la   vita,   non   penalizziamoci   con   rinunce   che   poi ci   fanno   essere   negativi   e   di   malumore,   soprattutto   in   famiglia.   Chi   ha   il   dono   del   discernimento   parla   d'amore,   non elenca   i   mali   della   società   o   della   Chiesa,   perché   è   stato   purificato   e   non   conosce   parola   cattiva.   E'   lo   spirito   cattivo   che critica   lo   spirito   buono.   Quando   uno   dice   che   prega   molto   e   critica,   non   possiede   lo   spirito   buono,   siamo   noi   che riveliamo   la   nostra   natura.   Per   rivelare   la   giusta   verità   bisogna   fare   tanta   purificazione   interiore,   l a   battaglia   più difficile   è   quella   di   tacere   quando   vorremmo   parlare,   pur   avendo   ragione.   Questo   è   il   dominio   di   sé.   Pensiamo: " in   questo   momento,   in   questa   situazione,   in   questa   prova,   Gesù   e   la   Madonna   come   si   comporterebbero?" .   Nella terribile   epoca   delle   violenze   romane   Maria   Santissima   si   è   mai   fermata   a   dire   a   un   aguzzino   che   era   un   demonio?   Ha sempre   parlato   d'amore   come   i   veri   cristiani   prima   di   essere   uccisi.   Quante   volte   noi   uccidiamo   con   la   lingua   (male- diciamo) persone con un carattere diverso dal nostro? Dobbiamo evitare certe insinuazioni che sono condannate da Dio. SONO TUTTI POSITIVI I GRUPPI DI PREGHIERA? Nei   monasteri   c'è   sempre   un   superiore,   non   è   che   ognuno   deve   dire   la   sua.   Così   il   patriarca   nelle   famiglie   sapeva mettere   ordine,   anche   se   era   antipatico.   Nella   libertà   è   peggiorata   la   condizione   familiare   e   in   politica   sono   accresciuti disordini   e   divisioni   con   l'aumentare   dei   politici.   Anche   il   proliferare   dei   gruppi   di   preghiera   ha   creato   disarmonia   e invidia.   Preghiamo   come   Gesù   ci   ha   insegnato?   Preghiamo   per   eliminare   le   nostre   colpe   o   i   difetti   degli   altri?   Non   solo non   sappiamo   che   cosa   sia   conveniente   chiedere,   ma   non   ce   lo   meritiamo.   L'unica   cosa   che   non   ha   orario,   un   limite, è   la   preghiera,   mentre   tutte   le   cose   della   vita   hanno   una   scadenza,   un   impegno   ben   preciso.      Non   proponiamo quantità   di   preghiere   da   recitare   a   una   tal   ora   o   in   un   tal   giorno   e   stiamo   attenti   a   chi   lo   fa.   Queste   cose   non   vengono dal   cielo,   magari   c'è   più   bisogno   che   una   persona   si   occupi   dei   propri   cari.      Sappiamo   solo   consigliare   preghiere   a   chi   è nella   disperazione?   Il   Signore   ha   detto:   Rallegratevi   con   quelli   che   sono   nella   gioia,   piangete   con   quelli   che   sono   nel pianto”   (Rom.12,15).   Mai   come   in   quest'epoca   imperversano   i   "guru"   (laici   e   sacerdoti)   che   parlano   in   un   modo sostenibile   e   si   propongono   come   carismatici.   Guidano   gruppi   dove   c'è   gelosia   e   invidia,   rivelano   cose   non   corrette   di altri.   I   veri   strumenti   sono   esaltati   da   Dio   non   da   sé   stessi,   non   creano   conflitti   ma   accettano   le   situazioni   in   famiglia,   nel lavoro   e   nella   società.   Come   nei   medicinali,   l'abuso   di   un'applicazione   spirituale   ha   delle   controindicazioni,   invece   di illuminare   ci   spegne   e   porta   via   tempo   alle   necessità   umane.   È   la   giusta   misura   che   conta,   l'equilibrio   nel   gestire   la materia e lo spirito.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Quel dislivello non ci deve essere
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
La    parola    di    Dio    è    stile    comportamentale    per l'uomo.   La   conosciamo?   In   essa   c'è   una   verità insostituibile.   Se   la   conoscessimo   veramente   non avremmo    quegli    squilibri    mentali    di    umore, accetteremmo    il    giusto    e    l'ingiusto    con    un equilibrio    diverso.    Nei    momenti    grigi    che    tutti passiamo   nella   vita,   essa   ci   toglie   l'insicurezza   e la   paura.   Il   Signore   ci   lascia   scegliere   il   bene   e   il male,   nel   primo   caso   dobbiamo   accettare   cose contro   la   ragione,   senza   mai   chiederci   il   perché. E   sentirci   i   peggiori,   in   difetto.   Non   pensiamo   di essere   migliori   di   chi   non   va   in   chiesa,   perché   ciò che    conta    è    come    viviamo.    Il    male    si    annida nell'uomo   fin   da   bambino   a   causa   del   contagio dei   tempi   e   dei   luoghi   dove   vive.   Se   davanti   a   vede       solo       falsità,       furbizie,       tradimenti, vigliaccherie,    volgarità    e    genitori    che    non    si sopportano,   come   farà   a   conoscere   il   bene?   La parola    di    Dio    ci    mette    in    guardia    da    certe situazioni   e   ci   dice   di   starne   lontano.   La   battaglia più   difficile   è   quella   dell'integrità   spirituale,   del bene      contro      il      male      che      combattiamo ventiquattro   ore   al   giorno,   ma   noi   allegramente andiamo   ad   occuparci   degli   errori   altrui.   Prima   di replicare   a   una   domanda   pensiamo   alla   risposta più    conveniente    o    più    giusta?    Siamo    sicuri    di rivelare   la   parola   di   Dio   o   siamo   impermeabili   ad essa?    Stiamo    attenti    a    parlarne,    perché    poi diffondiamo   il   nostro   modo   di   vivere,   non   lo   stile del   Vangelo.   Dovremmo   amare   senza   criticare, rivelare   la   gioia   anche   quando   portiamo   la   croce. Ce   lo   vediamo   Gesù   che   critica   mentre   uno   gli sputa    addosso?    La    Chiesa    non    è    favorevole all'enfasi    esteriore,    essa    non    ha    alcun    valore davanti   alla   fede.   Quando   abbiamo   un   problema ci   mettiamo   forse   a   cantare   o   a   fare   la   Ola   come allo   stadio?   Non   si   sconfigge   così   il   male.   Chi   è formato   sulla   parola   di   Dio   sente   dentro   una forza   nel   gestire   il   momento   cruciale.    C'è   un dislivello    enorme    tra    la    massima    gioia    e    la disperazione   più   grande,   com'è   possibile   per   il cristiano?    Gesù    non    ha    rifiutato    la    croce    e nemmeno   Giovanni   Battista   si   è   ribellato,   tutti   i santi       pur       passando       grandi       sofferenze sembravano    persone    sane.    Quando    uno    ha    la vera   fede   accetta   anche   la   situazione   più   difficile, non    è    in    balia    dell'emozione.     Non    bisogna enfatizzare    quando    si    è    al    massimo    della contentezza,    ma    controllarsi,    e    nemmeno lasciarsi   andare   alla   disperazione   quando   si è   nel   momento   della   prova.   Lamentandoci   non cambiamo   la   sorte   di   certe   persone,   perché   non accettiamo   subito   queste   situazioni,   pur   con   la sofferenza   nel   cuore?   Cerchiamo   di   vivere   nella gioia     quello     che     ci     offre     la     vita,     non penalizziamoci    con    rinunce    che    poi    ci    fanno essere    negativi    e    di    malumore,    soprattutto    in famiglia.   Chi   ha   il   dono   del   discernimento   parla d'amore,   non   elenca   i   mali   della   società   o   della Chiesa,   perché   è   stato   purificato   e   non   conosce parola   cattiva.   E'   lo   spirito   cattivo   che   critica   lo spirito   buono.   Quando   uno   dice   che   prega   molto e   critica,   non   possiede   lo   spirito   buono,   siamo   noi che   riveliamo   la   nostra   natura.   Per   rivelare   la giusta    verità    bisogna    fare    tanta    purificazione interiore,   l a   battaglia   più   difficile   è   quella   di tacere     quando     vorremmo     parlare,     pur avendo    ragione.    Questo    è    il    dominio    di    sé. Pensiamo:     " in     questo     momento,     in     questa situazione,   in   questa   prova,   Gesù   e   la   Madonna come   si   comporterebbero?" .   Nella   terribile   epoca delle   violenze   romane   Maria   Santissima   si   è   mai fermata    a    dire    a    un    aguzzino    che    era    un demonio?   Ha   sempre   parlato   d'amore   come   i   veri cristiani   prima   di   essere   uccisi.   Quante   volte   noi uccidiamo   con   la   lingua   (male-diciamo)   persone con   un   carattere   diverso   dal   nostro?   Dobbiamo evitare   certe   insinuazioni   che   sono   condannate da Dio. SONO TUTTI POSITIVI I GRUPPI DI PREGHIERA? Nei   monasteri   c'è   sempre   un   superiore,   non   è che   ognuno   deve   dire   la   sua.   Così   il   patriarca nelle   famiglie   sapeva   mettere   ordine,   anche   se era    antipatico.    Nella    libertà    è    peggiorata    la condizione   familiare   e   in   politica   sono   accresciuti disordini   e   divisioni   con   l'aumentare   dei   politici. Anche   il   proliferare   dei   gruppi   di   preghiera   ha creato    disarmonia    e    invidia.    Preghiamo    come Gesù   ci   ha   insegnato?   Preghiamo   per   eliminare   le nostre   colpe   o   i   difetti   degli   altri?   Non   solo   non sappiamo   che   cosa   sia   conveniente   chiedere,   ma non   ce   lo   meritiamo.   L'unica   cosa   che   non   ha orario,    un    limite,    è    la    preghiera,    mentre tutte   le   cose   della   vita   hanno   una   scadenza, un    impegno    ben    preciso.        Non    proponiamo quantità   di   preghiere   da   recitare   a   una   tal   ora   o in   un   tal   giorno   e   stiamo   attenti   a   chi   lo   fa. Queste   cose   non   vengono   dal   cielo,   magari   c'è più   bisogno   che   una   persona   si   occupi   dei   propri cari.      Sappiamo   solo   consigliare   preghiere   a   chi   è nella     disperazione?     Il     Signore     ha     detto: Rallegratevi    con    quelli    che    sono    nella    gioia, piangete     con     quelli     che     sono     nel     pianto” (Rom.12,15).      Mai      come      in      quest'epoca imperversano    i    "guru"    (laici    e    sacerdoti)    che parlano   in   un   modo   sostenibile   e   si   propongono come     carismatici.     Guidano     gruppi     dove     c'è gelosia   e   invidia,   rivelano   cose   non   corrette   di altri.   I   veri   strumenti   sono   esaltati   da   Dio   non   da sé   stessi,   non   creano   conflitti   ma   accettano   le situazioni   in   famiglia,   nel   lavoro   e   nella   società. Come   nei   medicinali,   l'abuso   di   un'applicazione spirituale    ha    delle    controindicazioni,    invece    di illuminare    ci    spegne    e    porta    via    tempo    alle necessità   umane.   È   la   giusta   misura   che   conta, l'equilibrio nel gestire la materia e lo spirito. Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi   sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile