Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Parecchi   di   noi   vogliono   sostenere   proprie   teorie   e   verità,   ma   così   facendo   contestano   quello   che   ha   rivelato    il    Signore    e   di   conseguenza   anche   la   Chiesa   creata   da   Gesù.   Se   pensiamo   che   c'è   un   qualcosa   di   imperfetto   ed   ingiusto,   in   ultima analisi,   pensiamo   che   sia   il   Signore   ad   avere   sbagliato,   ma   ragioniamo   così   solamente   perché   viviamo   in   modo   iniquo. Stiamo   attenti   quando   parliamo,   non   diciamo   cose   che   non   conosciamo   nei   fatti   esistenziali,   altrimenti   creiamo   danni   alla parola   di   Dio.   Abbiamo   capito   cosa   vuol   dire   aver   ricevuto   il   battesimo?   I   nostri   nonni   hanno   saputo   trasmetterci   i   valori principali   della   nostra   fede   (non   si   facevano   i   corsi   prematrimoniali   perché   erano   i   migliori   maestri),   mentre   noi   abbiamo svuotato   la   nostra   realtà   cristiana   pur   avendo   in   abbondanza   la   possibilità   di   educarci   sulla   parola   del   Signore.   Chi   ha sbagliato   di   più,   i   nostri   genitori   che   pur   non   conoscendo   hanno   confermato   e   difeso   o   noi   che   conoscendo   abbiamo distrutto?   La   mancanza   dei   veri   valori   della   vita   non   nasce   adesso   con   la   crisi,   ma   li   abbiamo   distrutti   quando   eravamo nel   benessere   e   ci   credevamo   i   padroni   del   mondo.   I   peccati   si   pagano   a   caro   prezzo   e   per   i   nostri   errori   le   prospettive dei   nostri   figli   sono   peggiori.   Perchè   farli   vivere   da   disperati?   Quando   pensiamo   male   di   qualcuno   nel   nostro   cuore   c’è   la malizia ,   l'anticamera   dell'inferno ;   è   una   brutta   cosa   giudicare   e   avere   il   pregiudizio.   Per   Maria   Santissima,   che   non ha   la   malizia   nel   cuore,   anche   il   peggiore   dei   peccatori   non   è   un   peccatore,   ma   una   persona   in   difficoltà.   Invece   di amarci   come   il   Signore   ci   ama,   vogliamo   penalizzarci   come   il   diavolo   ci   odia.   L'amore   non   ci   fa   mettere   in   contrasto   con un   parente   o   un   vicino,   anche   se   ci   perseguitano.   La   gioia   più   grande   è   offrire   al   Signore   l'ingiustizia   ricevuta,   perché siamo   subito   ripagati.   Invece   togliamo   la   parola   e   il   saluto   per   un'offesa,   per   difendere      l'onore.   Nel   giorno   del   giudizio quella   mancanza   è   l'elemento   di   condanna   peggiore,   perché   saremo   giudicati   da   come   avremo   amato   non   da   quante volte   siamo   andati   a   messa.   Tutto   è   vita   nell'universo   creato,   sentiamo   la   differenza   tra   l’aria   fresca   e   calda,   eppure   non la   vediamo.   Davanti   a   una   realtà   così   meravigliosa   dovremmo   solo   gioire.   L'allevatore   e   il   coltivatore   che   lavorano   con amore   danno   i   frutti   migliori,   persino   la   natura   ne   beneficia.   Se   a   un   figlio   diamo   ogni   tipo   di   benessere,   ma   non   l'amore, è   come   se   gli   avessimo   dato   niente.   L'amore   è   un   fatto   naturale   che   Dio   vuole ,   non   si   può   comperare   nè   sostituire con   nessun   elemento   materiale,   ma   deve   fuoriuscire   dal   cuore.   Togliamo   perciò   ogni   forma   di   gelosia,   rabbia   e   vendetta, portiamo   la   gioia   e   la   pazienza,   non   offendiamoci.   Chi   ama   e   ha   Dio   nel   cuore   esorcizza   il   male,   anche   mentre   dorme. Non   scandalizziamoci   di   chi   vive   in   maniera   diversa   dalla   nostra   o   segue   teorie   di   ogni   genere,   sono   figli   di   Dio   pure   loro, cerchiamo   di   dare   un   buon   consiglio,   ma   non   facciamoci   maledire   trattandoli   male.   Crediamo   veramente   nell'altra   vita?   I veri   cristiani   per   difendere   la   verità   andavano   fieri   al   martirio   davanti   ai   leoni,   per   molto   meno   noi   polemizziamo… Facciamo   un   esame   di   coscienza.   Quello   che   la   Madonna   può   concedere   su   di   noi,   l'ha   ottenuto   dopo   essere   salita   in cielo.   La   sua   Assunzione      non   è   un   fatto   scontato,   ma   il   risultato   di   una   vita   intera   nella   quale   ha   subito   ogni   sorta   di sofferenza,   umiliazione   e   tristezza.   Se   la   conoscessimo   potremmo   capire   che   non   c'è   niente   di   confuso,   di   agitato   e   di miracoloso.   Perché   andiamo   a   proporre   il   mondo   dei   cristiani   come   quello   delle   magie?   È   un'offesa!   Maria   Santissima   non crea   un   paese   super   magico   dove   avvengono   miracoli   ed   il   resto   è   nel   disinteresse   totale.   Così   si   decristianizza.   Sapendo che   l'uomo   è   già   “fuori”   di   suo   ed   ha   il   fremito   del   soprannaturale,   non   viene   a   peggiorare   le   cose.   Chissà   quante   guerre e   quanto   dolore   ha   già   fermato   in   ogni   parte   del   mondo.   Sappiamo   con   precisione   dove   c'è   più   bisogno   di   preghiere?   E se   fosse   fuori   casa   nostra   dove   non   ci   amiamo   più?   Siamo   così   allo   sbando   che   dobbiamo   inventare   anche   nelle   cose   del Signore.   Come   possiamo   dire   che   quella   cosa   ce   l'ha   suggerita   Gesù   mentre   pregavamo   davanti   al   Santissimo”?    Il Maestro   ci   ha   rivelato   la   natura   umana,   non   quella   divina,   ma   noi   facciamo   il   contrario.   L'unica   cosa   che   ci   può   portare   a un   comportamento   più   ordinato   e   corretto   è   la   parola   di   Dio.   La   conosciamo?   Sappiamo   il   Catechismo?   Chi   non   ama non   avrà   mai   Dio   nel   cuore ,   questo   dobbiamo   rivelare.   Però   il   male   ci   mette   davanti   dei   risultati   senza   nessuna   fatica, magici,   che   non   solo   ci   convincono,   ma   ci   fanno   convincere   anche   gli   altri.   È   questa   la   formazione   della   nostra   fede? Vedendo   il   deterioramento   dell'ambiente   umano   negli   ultimi   anni,   ci   deve   far   riflettere.   È   mai   possibile   che   figli   di   una stessa   madre   si   odiano   per   una   eredità?   E   vanno   in   Chiesa?   Chi   ama   veramente   deve   mettere   in   preventivo   di   rimetterci, perché   c'è   sempre   chi   se   ne   approfitta.   Non   dobbiamo   lamentarci   o   legarci   al   dito   l’offesa,   perché   il   diavolo   mette   ogni sorta   di   trappola   a   chi   ha   deciso   di   diventare   servo   del   Signore.      Se   abbiamo   Dio   nel   cuore   saliamo   in   croce   senza   paura: abbiamo   la   pazienza   quando   riceviamo   un'umiliazione   o   per   “un   euro”   siamo   pronti   a   fare   la   guerra?   Sentiamoci   coinvolti anche   sugli   errori   degli   altri,   altrimenti   pecchiamo   di   omissione.   Non   è   il   caso   di   far   guerra,   ma   in   disparte   possiamo correggere il fratello.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Abbiamo Dio nel cuore?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Parecchi   di   noi   vogliono   sostenere   proprie   teorie e   verità,   ma   così   facendo   contestano   quello   che ha   rivelato    il    Signore    e    di   conseguenza   anche   la Chiesa   creata   da   Gesù.   Se   pensiamo   che   c'è   un qualcosa    di    imperfetto    ed    ingiusto,    in    ultima analisi,    pensiamo    che    sia    il    Signore    ad    avere sbagliato,   ma   ragioniamo   così   solamente   perché viviamo   in   modo   iniquo.   Stiamo   attenti   quando parliamo,   non   diciamo   cose   che   non   conosciamo nei   fatti   esistenziali,   altrimenti   creiamo   danni   alla parola   di   Dio.   Abbiamo   capito   cosa   vuol   dire   aver ricevuto    il    battesimo?    I    nostri    nonni    hanno saputo   trasmetterci   i   valori   principali   della   nostra fede    (non    si    facevano    i    corsi    prematrimoniali perché    erano    i    migliori    maestri),    mentre    noi abbiamo   svuotato   la   nostra   realtà   cristiana   pur avendo   in   abbondanza   la   possibilità   di   educarci sulla   parola   del   Signore.   Chi   ha   sbagliato   di   più,   i nostri   genitori   che   pur   non   conoscendo   hanno confermato    e    difeso    o    noi    che    conoscendo abbiamo   distrutto?   La   mancanza   dei   veri   valori della   vita   non   nasce   adesso   con   la   crisi,   ma   li abbiamo   distrutti   quando   eravamo   nel   benessere e   ci   credevamo   i   padroni   del   mondo.   I   peccati   si pagano   a   caro   prezzo   e   per   i   nostri   errori   le prospettive   dei   nostri   figli   sono   peggiori.   Perchè farli   vivere   da   disperati?   Quando   pensiamo   male di    qualcuno    nel    nostro    cuore    c’è    la    malizia , l'anticamera   dell'inferno ;   è   una   brutta   cosa giudicare    e    avere    il    pregiudizio.    Per    Maria Santissima,    che    non    ha    la    malizia    nel    cuore, anche    il    peggiore    dei    peccatori    non    è    un peccatore,   ma   una   persona   in   difficoltà.   Invece   di amarci     come     il     Signore     ci     ama,     vogliamo penalizzarci   come   il   diavolo   ci   odia.   L'amore   non ci   fa   mettere   in   contrasto   con   un   parente   o   un vicino,   anche   se   ci   perseguitano.   La   gioia   più grande   è   offrire   al   Signore   l'ingiustizia   ricevuta, perché   siamo   subito   ripagati.   Invece   togliamo   la parola   e   il   saluto   per   un'offesa,   per   difendere     l'onore.   Nel   giorno   del   giudizio   quella   mancanza è     l'elemento     di     condanna     peggiore,     perché saremo   giudicati   da   come   avremo   amato   non   da quante   volte   siamo   andati   a   messa.   Tutto   è   vita nell'universo   creato,   sentiamo   la   differenza   tra l’aria    fresca    e    calda,    eppure    non    la    vediamo. Davanti   a   una   realtà   così   meravigliosa   dovremmo solo    gioire.    L'allevatore    e    il    coltivatore    che lavorano    con    amore    danno    i    frutti    migliori, persino   la   natura   ne   beneficia.   Se   a   un   figlio diamo   ogni   tipo   di   benessere,   ma   non   l'amore,   è come   se   gli   avessimo   dato   niente.   L'amore   è   un fatto    naturale    che    Dio    vuole ,    non    si    può comperare    nè    sostituire    con    nessun    elemento materiale,     ma     deve     fuoriuscire     dal     cuore. Togliamo   perciò   ogni   forma   di   gelosia,   rabbia   e vendetta,   portiamo   la   gioia   e   la   pazienza,   non offendiamoci.    Chi    ama    e    ha    Dio    nel    cuore esorcizza    il    male,    anche    mentre    dorme.    Non scandalizziamoci   di   chi   vive   in   maniera   diversa dalla   nostra   o   segue   teorie   di   ogni   genere,   sono figli   di   Dio   pure   loro,   cerchiamo   di   dare   un   buon consiglio,   ma   non   facciamoci   maledire   trattandoli male.   Crediamo   veramente   nell'altra   vita?   I   veri cristiani   per   difendere   la   verità   andavano   fieri   al martirio   davanti   ai   leoni,   per   molto   meno   noi polemizziamo…   Facciamo   un   esame   di   coscienza. Quello   che   la   Madonna   può   concedere   su   di   noi, l'ha   ottenuto   dopo   essere   salita   in   cielo.   La   sua Assunzione        non    è    un    fatto    scontato,    ma    il risultato   di   una   vita   intera   nella   quale   ha   subito ogni   sorta   di   sofferenza,   umiliazione   e   tristezza. Se   la   conoscessimo   potremmo   capire   che   non   c'è niente    di    confuso,    di    agitato    e    di    miracoloso. Perché   andiamo   a   proporre   il   mondo   dei   cristiani come    quello    delle    magie?    È    un'offesa!    Maria Santissima   non   crea   un   paese   super   magico   dove avvengono   miracoli   ed   il   resto   è   nel   disinteresse totale.   Così   si   decristianizza.   Sapendo   che   l'uomo è    già    “fuori”    di    suo    ed    ha    il    fremito    del soprannaturale,   non   viene   a   peggiorare   le   cose. Chissà    quante    guerre    e    quanto    dolore    ha    già fermato   in   ogni   parte   del   mondo.   Sappiamo   con precisione   dove   c'è   più   bisogno   di   preghiere?   E se   fosse   fuori   casa   nostra   dove   non   ci   amiamo più?    Siamo    così    allo    sbando    che    dobbiamo inventare   anche   nelle   cose   del   Signore.   Come possiamo   dire   che   quella   cosa   ce   l'ha   suggerita Gesù   mentre   pregavamo   davanti   al   Santissimo”?   Il   Maestro   ci   ha   rivelato   la   natura   umana,   non quella    divina,    ma    noi    facciamo    il    contrario. L'unica     cosa     che     ci     può     portare     a     un comportamento    più    ordinato    e    corretto    è    la parola    di    Dio.    La    conosciamo?    Sappiamo    il Catechismo?   Chi   non   ama   non   avrà   mai   Dio nel    cuore ,    questo    dobbiamo    rivelare.    Però    il male   ci   mette   davanti   dei   risultati   senza   nessuna fatica,   magici,   che   non   solo   ci   convincono,   ma   ci fanno    convincere    anche    gli    altri.    È    questa    la formazione     della     nostra     fede?     Vedendo     il deterioramento   dell'ambiente   umano   negli   ultimi anni,   ci   deve   far   riflettere.   È   mai   possibile   che figli    di    una    stessa    madre    si    odiano    per    una eredità?   E   vanno   in   Chiesa?   Chi   ama   veramente deve   mettere   in   preventivo   di   rimetterci,   perché c'è   sempre   chi   se   ne   approfitta.   Non   dobbiamo lamentarci    o    legarci    al    dito    l’offesa,    perché    il diavolo   mette   ogni   sorta   di   trappola   a   chi   ha deciso    di    diventare    servo    del    Signore.        Se abbiamo   Dio   nel   cuore   saliamo   in   croce   senza paura:    abbiamo    la    pazienza    quando    riceviamo un'umiliazione   o   per   “un   euro”   siamo   pronti   a fare   la   guerra?   Sentiamoci   coinvolti   anche   sugli errori     degli     altri,     altrimenti     pecchiamo     di omissione.   Non   è   il   caso   di   far   guerra,   ma   in disparte possiamo correggere il fratello.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile