Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Quando   più   di   20   anni   fa   Maria   Santissima   disse   a   Roberto:   " Prega   molto   figlio   mio   perché   per   l'umanità   si   prospettano rotture   inimmaginabili ",   sapeva   che   non   c'erano   molte   speranze   per   migliorare   la   situazione      e   mai   come   oggi   è   attuale la   missione   del   Misma   di   conservare   la   parola   di   Dio   e   la   fede.   E'   sbalorditivo   vedere   come   il   pericolo   immane   che   noi stiamo   vivendo   non   ci   sorprenda   affatto.   Non   serve   collegarsi   ai   tempi   passati   e   portare   all'infinito   certi   ricordi,   perché nessuna   epoca   ha   avuto   davanti   un   disastro   totale   come   il   nostro.   In   passato   la   Chiesa   affrontava   pericoli   che   venivano da   una   parte   del   mondo,   ma   in   questo   tempo   è   attaccata   da   tutte   le   parti,   persino   dai   consacrati.   Abbiamo   costretto   la nostra   Chiesa   ad   affrontare   temi   anticristiani   per   modificare   addirittura   la   verità   fondamentale   della   famiglia,   ciò   che   Dio ha   unito.   Non   guardiamola   con   occhio   polemico,   essa   vuole   dare   la   possibilità   a   tutti   di   recuperare.   Non   fanno   certo   un Sinodo   perché   le   cose   vanno   bene.   Quando   c'è   un   cambiamento   radicale   c'è   sempre   stato   un   pedaggio   da   pagare,   solo dopo   ci   si   rende   conto   della   gravità   delle   leggi   approvate   in   nome   del   progresso   e   della   libertà.   Come   le   controindicazioni di   un   medicinale   a   volte   sono   più   micidiali   del   beneficio.   Quale   tema   dovrà   affrontare   in   futuro   la   Chiesa?   C'è   da meditare   e   da   preoccuparci.   Chi   la   perseguita   di   più   sono   i   cristiani,   coloro   che   dovrebbero   rivelare   la   fede.   Chi   di   noi vive   i   comandamenti   e   onora   il   nome   di   Maria   Santissima?   Esso   viene   usato   in   un   modo   improprio,   ci   sentiamo   padroni di   quello   che   è   di   proprietà   della   Madonna.   Nelle   nostre   famiglie   stiamo   vivendo   il   disastro   della   dignità,   siamo disastrosamente   dignitosi.   Non   parliamo   mai   come   Gesù   ci   ha   insegnato,   ma   pensiamo   di   difendere   la   nostra   parte accusando   gli   altri.   Dove   vediamo   una   persona   giusta?   Chi   non   vuole   seguire   la   Chiesa,   che   è   la   dimora   di   Dio,   vada   in un   collegio   sindacale.   Il   diavolo   sta   ridendo   molto   perché   non   c'è   nessuna   comprensione   tra   di   noi,   siamo   talmente   stati abituati   a   trasgredire   che   non   ci   rendiamo   conto   di   quello   che   stiamo   facendo.   Addirittura   nel   giorno   più   bello   del matrimonio   non   si   invitano   alcuni   parenti   per   degli   screzi.   Non   è   una   benedizione   per   gli   sposi   questa,   non   perdiamo   la fede   per   così   poco.   Come   si   può   pregare   avendo   nel   cuore   sentimenti   controversi?   Dobbiamo   essere   naturali   e   genuini, solo   ciò   che   fuoriesce   dal   cuore   ha   un   effetto   benevolo   sulle   altre   persone,   mentre   l'ipocrisia   di   chi   recita   con   gesti esteriori   è   subito   notata.   Tanti   dicono   di   star   bene   quando   pregano,   ma   se   il   nostro   benessere   finisce   con   l'ultima   "Ave Maria"   è   un   bene   psicologico,   più   pericoloso   per   la   mente   dell'uomo   di   un   cammino   naturale.   Proviamo   a   non   pregare per   una   settimana .   Rinunciamo   per   quelli   che   pregano   male,   così   siamo   solidali   con   il   Signore   per   tutte   le   preghiere ingiuste   che   ha   ricevuto.   Magari   ci   fa   molto   soffrire,   ci   fa   capire   quanto   è   prezioso   quel   momento   che   diamo   per scontato.   Ma   chi   pensa   di   pregare   per   ottenere   tutto,   si   illude.   Ce   l'ha   ricordato   la   Madonna:   " Quante   volte   figli   miei   le preghiere   feriscono   il   cuore   di   mio   Figlio "...   Perché   una   cosa   così   preziosa   non   la   rendiamo   più   pulita   con   l'amore   e   il perdono?   Proviamo   ad   arrivare   sulla   soglia   della   Chiesa   e   dire:   " non   sono   degno   di   entrare”   oppure    “non   entro   per   coloro che   non   la   frequentano   in   modo   corretto ".   Vedremo   come   la   nostra   preghiera   diventerà   bella.   Dobbiamo   avere   la nostalgia   e   il   desiderio   di   quel   bene   che   per   tanto   tempo   abbiamo   avuto   e   non   l’abbiamo   valorizzato.   E'   come   se capissimo   l'importanza   di   avere   nelle   nostre   case   la   corrente   elettrica   o   l'acqua   solo   dopo   che   ci   sono   state   tolte.   Se   uno prega   pensando   di   essere   gradito   al   Signore,   continuerà   con   le   brutte   abitudini   che   il   mondo   ormai   ha   radicato   dentro   di noi.   Veniamo   da   una   cultura   pagana   perché   abbiamo   idolatrato   il   benessere   a   scapito   della   nostra   fede.   Essa   non   viene dall'orazione   che   è   lode,   ma   con   la   parola   di   Dio   che   è   prova   e   vita   vissuta.   Troverà   ancora   la   fede   Gesù   al   suo   ritorno? Per   essere   cristiani   ci   vuole   l'equilibrio   perfetto,   mentre   l'esagerazione   in   difetto   o   in   eccesso   ci   porta   alla disgregazione.    Desideriamo   veramente   il   bene   dell'altro?   Se   accettiamo   l'ingiustizia   ricevuta,   trionferemo   sul   male   in un'altra   misura.   Il   Signore   ha   scritto   la   prima   lettera   della   vita   dell'uomo   nella   Genesi,   ma   anche   l'ultima,   ammonendo chi   oserà   aggiungere   o   togliere   anche   una   sola   parola   dalla   Bibbia.   Abbiamo   capito   l'Apocalisse?   Non   è   una   storia drammatica,   ma   dolce   come   il   miele   perché   noi   siamo   i   vittoriosi.   Nessun   popolo   è   stato   perseguitato   come   gli   ebrei   e   i cristiani,   eppure   nessuno   li   ha   estinti,      mentre   quelli   che      adoravano   idoli   e   ogni   tipo   di   teoria,   sono   spariti.   Perché   ci comportiamo   da   perdenti?   Il   popolo   perseguitato   è   il   vincitore:   Dio   è   con   il   popolo   eletto   e   ha   vinto   la   morte.   Dov'è   la nostra   gioia?   Coraggio,   viviamo   come   il   Signore   ci   chiede,   anche   se   in   certi   momenti   la   prova   è   disumana,   trionferemo   in virtù   di   coloro   che   hanno   versato   sangue   nel   modo   più   crudele.   Tutto   è   stato   confermato   nelle   Sacre   Scritture,   cogliamo     "l'attimo   fuggente",   condiamo   con   l'amore   e   la   carità   ogni   nostra   azione   perché   non   è   approvando   una   legge   che   il mondo cambierà in meglio. Com'è bello entrare insieme nella casa del Signore, cioè nella sua parola!   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Il disastro della dignità
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Quando   più   di   20   anni   fa   Maria   Santissima   disse a   Roberto:   " Prega   molto   figlio   mio   perché   per l'umanità   si   prospettano   rotture   inimmaginabili ", sapeva    che    non    c'erano    molte    speranze    per migliorare    la    situazione        e    mai    come    oggi    è attuale   la   missione   del   Misma   di   conservare   la parola   di   Dio   e   la   fede.   E'   sbalorditivo   vedere come   il   pericolo   immane   che   noi   stiamo   vivendo non   ci   sorprenda   affatto.   Non   serve   collegarsi   ai tempi   passati   e   portare   all'infinito   certi   ricordi, perché    nessuna    epoca    ha    avuto    davanti    un disastro    totale    come    il    nostro.    In    passato    la Chiesa   affrontava   pericoli   che   venivano   da   una parte     del     mondo,     ma     in     questo     tempo     è attaccata   da   tutte   le   parti,   persino   dai   consacrati. Abbiamo   costretto   la   nostra   Chiesa   ad   affrontare temi    anticristiani    per    modificare    addirittura    la verità   fondamentale   della   famiglia,   ciò   che   Dio   ha unito.    Non    guardiamola    con    occhio    polemico, essa     vuole     dare     la     possibilità     a     tutti     di recuperare.   Non   fanno   certo   un   Sinodo   perché   le cose   vanno   bene.   Quando   c'è   un   cambiamento radicale   c'è   sempre   stato   un   pedaggio   da   pagare, solo   dopo   ci   si   rende   conto   della   gravità   delle leggi   approvate   in   nome   del   progresso   e   della libertà.      Come      le      controindicazioni      di      un medicinale     a     volte     sono     più     micidiali     del beneficio.   Quale   tema   dovrà   affrontare   in   futuro la   Chiesa?   C'è   da   meditare   e   da   preoccuparci.   Chi la   perseguita   di   più   sono   i   cristiani,   coloro   che dovrebbero    rivelare    la    fede.    Chi    di    noi    vive    i comandamenti     e     onora     il     nome     di     Maria Santissima?    Esso    viene    usato    in    un    modo improprio,   ci   sentiamo   padroni   di   quello   che   è   di proprietà   della   Madonna.   Nelle   nostre   famiglie stiamo   vivendo   il   disastro   della   dignità,   siamo disastrosamente    dignitosi.    Non    parliamo    mai come    Gesù    ci    ha    insegnato,    ma    pensiamo    di difendere    la    nostra    parte    accusando    gli    altri. Dove   vediamo   una   persona   giusta?   Chi   non   vuole seguire   la   Chiesa,   che   è   la   dimora   di   Dio,   vada   in un   collegio   sindacale.   Il   diavolo   sta   ridendo   molto perché   non   c'è   nessuna   comprensione   tra   di   noi, siamo   talmente   stati   abituati   a   trasgredire   che non    ci    rendiamo    conto    di    quello    che    stiamo facendo.    Addirittura    nel    giorno    più    bello    del matrimonio    non    si    invitano    alcuni    parenti    per degli   screzi.   Non   è   una   benedizione   per   gli   sposi questa,    non    perdiamo    la    fede    per    così    poco. Come     si     può     pregare     avendo     nel     cuore sentimenti   controversi?   Dobbiamo   essere   naturali e   genuini,   solo   ciò   che   fuoriesce   dal   cuore   ha   un effetto    benevolo    sulle    altre    persone,    mentre l'ipocrisia   di   chi   recita   con   gesti   esteriori   è   subito notata.     Tanti     dicono     di     star     bene     quando pregano,   ma   se   il   nostro   benessere   finisce   con l'ultima   "Ave   Maria"   è   un   bene   psicologico,   più pericoloso   per   la   mente   dell'uomo   di   un   cammino naturale.   Proviamo   a   non   pregare   per   una settimana .   Rinunciamo   per   quelli   che   pregano male,   così   siamo   solidali   con   il   Signore   per   tutte le   preghiere   ingiuste   che   ha   ricevuto.   Magari   ci   fa molto   soffrire,   ci   fa   capire   quanto   è   prezioso   quel momento   che   diamo   per   scontato.   Ma   chi   pensa di   pregare   per   ottenere   tutto,   si   illude.   Ce   l'ha ricordato   la   Madonna:   " Quante   volte   figli   miei   le preghiere    feriscono    il    cuore    di    mio    Figlio "... Perché   una   cosa   così   preziosa   non   la   rendiamo più   pulita   con   l'amore   e   il   perdono?   Proviamo   ad arrivare   sulla   soglia   della   Chiesa   e   dire:   " non sono   degno   di   entrare”   oppure    “non   entro   per coloro   che   non   la   frequentano   in   modo   corretto ". Vedremo    come    la    nostra    preghiera    diventerà bella.   Dobbiamo   avere   la   nostalgia   e   il   desiderio di   quel   bene   che   per   tanto   tempo   abbiamo   avuto e     non     l’abbiamo     valorizzato.     E'     come     se capissimo   l'importanza   di   avere   nelle   nostre   case la   corrente   elettrica   o   l'acqua   solo   dopo   che   ci sono    state    tolte.    Se    uno    prega    pensando    di essere    gradito    al    Signore,    continuerà    con    le brutte   abitudini   che   il   mondo   ormai   ha   radicato dentro   di   noi.   Veniamo   da   una   cultura   pagana perché   abbiamo   idolatrato   il   benessere   a   scapito della   nostra   fede.   Essa   non   viene   dall'orazione che   è   lode,   ma   con   la   parola   di   Dio   che   è   prova   e vita   vissuta.   Troverà   ancora   la   fede   Gesù   al   suo ritorno?     Per      essere      cristiani      ci      vuole l'equilibrio   perfetto,   mentre   l'esagerazione in     difetto     o     in     eccesso     ci     porta     alla disgregazione.    Desideriamo   veramente   il   bene dell'altro?    Se    accettiamo    l'ingiustizia    ricevuta, trionferemo    sul    male    in    un'altra    misura.    Il Signore    ha    scritto    la    prima    lettera    della    vita dell'uomo     nella     Genesi,     ma     anche     l'ultima, ammonendo    chi    oserà    aggiungere    o    togliere anche    una    sola    parola    dalla    Bibbia.    Abbiamo capito      l'Apocalisse?      Non      è      una      storia drammatica,   ma   dolce   come   il   miele   perché   noi siamo     i     vittoriosi.     Nessun     popolo     è     stato perseguitato   come   gli   ebrei   e   i   cristiani,   eppure nessuno     li     ha     estinti,          mentre     quelli     che       adoravano   idoli   e   ogni   tipo   di   teoria,   sono   spariti. Perché    ci    comportiamo    da    perdenti?    Il    popolo perseguitato   è   il   vincitore:   Dio   è   con   il   popolo eletto   e   ha   vinto   la   morte.   Dov'è   la   nostra   gioia? Coraggio,    viviamo    come    il    Signore    ci    chiede, anche   se   in   certi   momenti   la   prova   è   disumana, trionferemo   in   virtù   di   coloro   che   hanno   versato sangue    nel    modo    più    crudele.    Tutto    è    stato confermato     nelle     Sacre     Scritture,     cogliamo       "l'attimo   fuggente",   condiamo   con   l'amore   e   la carità     ogni     nostra     azione     perché     non     è approvando   una   legge   che   il   mondo   cambierà   in meglio.   Com'è   bello   entrare   insieme   nella   casa del Signore, cioè nella sua parola!  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                          Il disastro della dignità
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile