Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  In   tutti   i   cambiamenti   che   conosciamo,   noi   cristiani   abbiamo   cercato   di   favorire   la   legge   dell'uomo   o   la   parola   di   Dio? Perché   si   fa   di   tutto   per   eliminare   la   parte   da   conservare?   Quale   fratello   cristiano   ne   è   a   conoscenza   e   la   vive   nella   giusta misura?   Nonostante   i   disastri   che   abbiamo   causato   il   Creato   di   Dio   ancora   oggi   è   stupendo,   è   possibile   vedere   la   bellezza della   luminosità   della   sorgente   della   vita.   Ma   l’abbiamo   troppo   oscurata   e   ci   siamo   troppo   allontanati.   Ci   avviammo allegramente   e   spensierati   verso   lo   sfacelo   e   la   distruzione,   pensando   di   cantare   vittoria   solo   perché   preghiamo.   È allucinante!   Nessuna   generazione   è   più   colpevole   della   nostra.   Chi   pensa   di   portare   al   monte   un   macigno   giù   nella   valle? È   meglio   non   lasciarlo   rotolare   verso   il   basso,   perché   poi   non   si   riesce   a   riportarlo   nella   sua   sede   naturale.   Anzi,   quando scende   devasta   tutto   quello   che   trova   portando   distruzione   e   morte.   Avviene   così   anche   quando   spostiamo   le   verità   della fede,   facendole   diventare   solamente   materia   di   discussione.   Come   possiamo   recuperarle?   Nessuno   avrebbe   dovuto muoverle    dalla    loro    sede    naturale.    All'epoca    per    avere    un    chilo    di    grano    o    per    vendemmiare    serviva    un    lungo procedimento,   oggi   siamo   migliorati,   raccogliamo   più   frutti   in   pochi   istanti.   Con   la   fede   abbiamo   fatto   l'esatto   contrario. Se   avessimo   seguito   la   stessa   strada   raccoglieremmo   frutti   strepitosi   e   la   storia   dell'uomo   sarebbe   meravigliosa, stupenda.   Perché   le   migliorie   che   ci   hanno   portato   un   benessere   in   tutti   gli   ambiti   della   vita,   non   hanno   funzionato   nella parola   di   Dio?   Invece   di   conservarla   o   migliorarla,   potevamo   almeno   evitare   di   distruggerla.   E   non   diamo   colpa   al diavolo.   Tutti   siamo   stati   contagiati   dal   progresso,   persino   tanti   uomini   di   chiesa.   Oggi   abbiamo   vergogna   a   parlare   di Dio,   di   carità   e   di   amore,   per   timore   che   gli   altri   se   ne   approfittino   di   noi.   Ma   il   Vangelo   non   si   può   falsificare.   Più   che pensare    di    raccogliere    un    premio    per    il    nostro    comportamento,    cerchiamo    almeno    di    avere    l'atteggiamento    del pubblicano   che   si   “batteva   il   petto”.   Ci   è   sfuggito   anche   questo   particolare:   la   zizzania   ricresce   quando   la   pieghiamo, ma   il   grano   no .   Perché?   Eppure   entrambe   le   piante   maturano   nello   stesso   campo.   Ricresce   l'erbaccia   ma   non   tutto quello   che   dà   frutto.   Significa   che   il   male,   la   gelosia   e   l'invidia,   se   non   li   sradichiamo   dal   nostro   cuore   cresceranno sempre.   " Tu   sei   l'eco   limpido   di   una   sorgente   di   vita   che   mai   nessuno   dimenticherà ",   ecco   come   Roberto   è   stato definito   da   Maria   Santissima,   che   poi   aggiunge:   " Verseremo   grandi   lacrime   di   soddisfazione,   però   prima   il   solco   sarà profondo   e   la   fatica   sarà   enorme" .   Che   cosa   ci   impedisce   di   essere   coloro   per   cui   Dio   ci   ha   creati?   Possiamo   gustare   tutto ciò   che   il   Signore   ha   fatto,   ma   non   i   frutti   della   carne   che   sono   droga,   alcolismo,   prostituzione.   Se   fossimo   a   conoscenza della   reale   situazione   che   sta   vivendo   la   Chiesa,   capiremmo   che   è   tutto   alla   deriva   e   sta   fuoriuscendo   da   ogni   controllo. Come   potranno   questi   poveri   sacerdoti   che   vogliono   il   bene   della   Chiesa,   essere   conservatori   e   progressisti?   Si   perché bisogna   progredire   e   conservare.   Non   si   portano   dei   prodotti   al   macero   per   mantenere   il   prezzo   alto,   quando   la   gente muore   di   fame.   Non   diamo   per   scontato   che   la   terra   dia   sempre   frutto,   i   salmi   che   lo   ricordano.   I   veri   valori   della   vita sono   distrutti,   si   parla   solo   di   diritti   dell'uomo,   ma   quelli   li   ha   concessi   Dio   nel   momento   in   cui   abbiamo   fatto   i   nostri doveri.   Non   ce   li   toglierà   mai,   siamo   noi   che   non   abbiamo   dato   a   Dio   ciò   che   è   di   Dio.   Il   Signore   non   è   morto   in   croce espiando i nostri peccati, per farci continuare a peccare. SOSTENIAMO LA VOCE DELL'AMORE I   nostri   discorsi   parlano   di   bene   o   delle   ingiustizie   del   mondo?   Esse   ci   disorientano,   eppure   l'uomo   è   più   propenso   a raccontare   i   difetti   delle   persone   e   ad   accusare   gli   altri.   Le   nostre   azioni   poi   sono   il   frutto   dei   nostri   ragionamenti.   Ci unisce   di   più   ciò   che   deve   unire   o   ciò   che   divide?   Sui   giornali   e   nei   dibattiti   si   giudica   e   si   critica   continuamente;   come possono   i   governi   decidere   le   leggi   migliori   in   una   bolgia   infernale   dove   ognuno   si   scaglia   contro   l'altro?   Perché   facciamo così   fatica   ad   amarci   e   accettarci?   Eppure   la   nostra   salute   ha   tutto   da   guadagnare   quando   perdoniamo.   Vogliamo resistere   alle   cose   migliori   che   edificano   perché   vanno   contro   la   logica   e   l'orgoglio,   ci   mettono   nella   condizione   di chiedere   scusa   e   di   dire   la   verità,   anche   quando   è   “scomoda”.   Sorprende      come   in   tutte   le   epoche   della   storia,   l'uomo riesca   a   scoprire   le   maldicenze   e   gli   errori   dei   suoi   simili,   portando   sempre   in   evidenza   la   disgregazione   e   i   fatti   di cronaca.   Non   fa   così   quando   ci   sono   delle   testimonianze   piene   d'amore:   lì   sorvola.   In   che   misura   ricordiamo   il   bene   di   chi ci   ha   preceduto?   Anche   la   vita   dei   Papi   e   dei   personaggi   pubblici   viene   messa   sul   “patibolo”   perché   siamo   incuriositi   e attratti   dalla   negatività.   Manchiamo   molto   di   conoscenza,   ognuno   di   noi   dice   fiumi   di   parole   senza   conoscere   la   realtà   di quello   che   è   accaduto.   Questi   fatti   storici   a   lungo   andare   sono   contagiosi,   ci   rattristano   nel   cuore   e   ci   rendono   diffidenti verso    il    prossimo.    E'    come    invitare    a    casa    nostra    il    maligno.    Non    seguiamo    la    cultura    della    polemica    e    della disapprovazione, anche se in ogni ambiente sociale c'è sicuramente stato qualche errore.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Tutto è andato alla deriva
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  In    tutti    i    cambiamenti    che    conosciamo,    noi cristiani    abbiamo    cercato    di    favorire    la    legge dell'uomo   o   la   parola   di   Dio?   Perché   si   fa   di   tutto per    eliminare    la    parte    da    conservare?    Quale fratello   cristiano   ne   è   a   conoscenza   e   la   vive nella   giusta   misura?   Nonostante   i   disastri   che abbiamo   causato   il   Creato   di   Dio   ancora   oggi   è stupendo,    è    possibile    vedere    la    bellezza    della luminosità   della   sorgente   della   vita.   Ma   l’abbiamo troppo   oscurata   e   ci   siamo   troppo   allontanati.   Ci avviammo    allegramente    e    spensierati    verso    lo sfacelo    e    la    distruzione,    pensando    di    cantare vittoria    solo    perché    preghiamo.    È    allucinante! Nessuna     generazione     è     più     colpevole     della nostra.    Chi    pensa    di    portare    al    monte    un macigno   giù   nella   valle?   È   meglio   non   lasciarlo rotolare   verso   il   basso,   perché   poi   non   si   riesce   a riportarlo   nella   sua   sede   naturale.   Anzi,   quando scende   devasta   tutto   quello   che   trova   portando distruzione   e   morte.   Avviene   così   anche   quando spostiamo     le     verità     della     fede,     facendole diventare    solamente    materia    di    discussione. Come    possiamo    recuperarle?    Nessuno    avrebbe dovuto     muoverle     dalla     loro     sede     naturale. All'epoca    per    avere    un    chilo    di    grano    o    per vendemmiare    serviva    un    lungo    procedimento, oggi   siamo   migliorati,   raccogliamo   più   frutti   in pochi   istanti.   Con   la   fede   abbiamo   fatto   l'esatto contrario.   Se   avessimo   seguito   la   stessa   strada raccoglieremmo     frutti     strepitosi     e     la     storia dell'uomo      sarebbe      meravigliosa,      stupenda. Perché    le    migliorie    che    ci    hanno    portato    un benessere   in   tutti   gli   ambiti   della   vita,   non   hanno funzionato     nella     parola     di     Dio?     Invece     di conservarla     o     migliorarla,     potevamo     almeno evitare    di    distruggerla.    E    non    diamo    colpa    al diavolo.      Tutti      siamo      stati      contagiati      dal progresso,   persino   tanti   uomini   di   chiesa.   Oggi abbiamo   vergogna   a   parlare   di   Dio,   di   carità   e   di amore,   per   timore   che   gli   altri   se   ne   approfittino di   noi.   Ma   il   Vangelo   non   si   può   falsificare.   Più che    pensare    di    raccogliere    un    premio    per    il nostro    comportamento,    cerchiamo    almeno    di avere    l'atteggiamento    del    pubblicano    che    si “batteva   il   petto”.   Ci   è   sfuggito   anche   questo particolare:    la    zizzania    ricresce    quando    la pieghiamo,   ma   il   grano   no .   Perché?   Eppure entrambe     le     piante     maturano     nello     stesso campo.   Ricresce   l'erbaccia   ma   non   tutto   quello che   dà   frutto.   Significa   che   il   male,   la   gelosia   e l'invidia,   se   non   li   sradichiamo   dal   nostro   cuore cresceranno   sempre.   " Tu   sei   l'eco   limpido   di una    sorgente    di    vita    che    mai    nessuno dimenticherà ",    ecco    come    Roberto    è    stato definito   da   Maria   Santissima,   che   poi   aggiunge: " Verseremo   grandi   lacrime   di   soddisfazione,   però prima    il    solco    sarà    profondo    e    la    fatica    sarà enorme" .   Che   cosa   ci   impedisce   di   essere   coloro per   cui   Dio   ci   ha   creati?   Possiamo   gustare   tutto ciò   che   il   Signore   ha   fatto,   ma   non   i   frutti   della carne   che   sono   droga,   alcolismo,   prostituzione. Se   fossimo   a   conoscenza   della   reale   situazione che   sta   vivendo   la   Chiesa,   capiremmo   che   è   tutto alla   deriva   e   sta   fuoriuscendo   da   ogni   controllo. Come    potranno    questi    poveri    sacerdoti    che vogliono   il   bene   della   Chiesa,   essere   conservatori e   progressisti?   Si   perché   bisogna   progredire   e conservare.    Non    si    portano    dei    prodotti    al macero   per   mantenere   il   prezzo   alto,   quando   la gente   muore   di   fame.   Non   diamo   per   scontato che   la   terra   dia   sempre   frutto,   i   salmi   che   lo ricordano.   I   veri   valori   della   vita   sono   distrutti,   si parla    solo    di    diritti    dell'uomo,    ma    quelli    li    ha concessi   Dio   nel   momento   in   cui   abbiamo   fatto   i nostri   doveri.   Non   ce   li   toglierà   mai,   siamo   noi che   non   abbiamo   dato   a   Dio   ciò   che   è   di   Dio.   Il Signore   non   è   morto   in   croce   espiando   i   nostri peccati, per farci continuare a peccare. SOSTENIAMO LA VOCE DELL'AMORE I   nostri   discorsi   parlano   di   bene   o   delle   ingiustizie del   mondo?   Esse   ci   disorientano,   eppure   l'uomo è    più    propenso    a    raccontare    i    difetti    delle persone   e   ad   accusare   gli   altri.   Le   nostre   azioni poi    sono    il    frutto    dei    nostri    ragionamenti.    Ci unisce   di   più   ciò   che   deve   unire   o   ciò   che   divide? Sui   giornali   e   nei   dibattiti   si   giudica   e   si   critica continuamente;   come   possono   i   governi   decidere le    leggi    migliori    in    una    bolgia    infernale    dove ognuno   si   scaglia   contro   l'altro?   Perché   facciamo così    fatica    ad    amarci    e    accettarci?    Eppure    la nostra    salute    ha    tutto    da    guadagnare    quando perdoniamo.   Vogliamo   resistere   alle   cose   migliori che   edificano   perché   vanno   contro   la   logica   e l'orgoglio,   ci   mettono   nella   condizione   di   chiedere scusa    e    di    dire    la    verità,    anche    quando    è “scomoda”.   Sorprende      come   in   tutte   le   epoche della     storia,     l'uomo     riesca     a     scoprire     le maldicenze   e   gli   errori   dei   suoi   simili,   portando sempre   in   evidenza   la   disgregazione   e   i   fatti   di cronaca.    Non    fa    così    quando    ci    sono    delle testimonianze   piene   d'amore:   lì   sorvola.   In   che misura   ricordiamo   il   bene   di   chi   ci   ha   preceduto? Anche   la   vita   dei   Papi   e   dei   personaggi   pubblici viene     messa     sul     “patibolo”     perché     siamo incuriositi   e   attratti   dalla   negatività.   Manchiamo molto   di   conoscenza,   ognuno   di   noi   dice   fiumi   di parole   senza   conoscere   la   realtà   di   quello   che   è accaduto.   Questi   fatti   storici   a   lungo   andare   sono contagiosi,   ci   rattristano   nel   cuore   e   ci   rendono diffidenti   verso   il   prossimo.   E'   come   invitare   a casa   nostra   il   maligno.   Non   seguiamo   la   cultura della   polemica   e   della   disapprovazione,   anche   se in   ogni   ambiente   sociale   c'è   sicuramente   stato qualche errore.

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                       Tutto è andato alla deriva
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile