Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Chi   di   noi   conosce   la   gravità   e   la   varietà   del   peccato?   Da   tanti   confessori   è   confermato   che   il   peccato   principale   che l'uomo   sente   di   rivelare   è   il   sesso.   Tanti   cristiani   che   non   hanno   tentazioni   sensuali   pensano   di   non   avere   peccato,   ma   la gelosia,   l'invidia,   la   malizia   e   la   perfidia,   come   li   ritengono?   Chi   conosce   la   legge   e   non   la   rispetta   è   contro   la   legge. Prendiamo   il   codice   civile   e   il   codice   spirituale,   cioè   il   Vangelo   e   il   catechismo,   quale   osserviamo   di   più   noi   cristiani?   Nel codice   dell'uomo   se   uno   ci   insulta   ci   difendiamo,   se   ci   provoca   lo   denunciamo,   se   ci   fa   del   male   noi   non   facciamo   del bene.   Il   buon   cristiano   non   giudica,   non   critica,   è   umile   e   caritatevole,   difende   la   verità   non   l’orgoglio.   La   vera   fede   si ottiene   rispettando   la   legge   di   Dio.    Essa   ci   viene   in   soccorso   quando   siamo   al   limite   della   sopportazione   umana,   ci   fa star   bene   quando   avremmo   tutti   i   motivi   per   essere   arrabbiati,   non   ci   trascina   nel   disastro   dell’egoismo   e   della   crudeltà. Certe   persone   reagiscono   in   modo   esagerato   e   con   cattiveria,   lasciandoci   senza   parole   per   dei   discorsi   che   potrebbero essere   benissimo   chiariti.   La   parola   di   Dio   va   presa   con   molta   serietà,   non   basta   pregare   per   risolvere   i   problemi   della vita.   Quella   non   è   fede.   Accettiamo   la   croce,   le   ingiustizie,   le   umiliazioni?   Abbiamo   mai   pensato   a   quanta   sofferenza abbiamo   creato   negli   altri?   La   fede   è   la   croce,   senza   di   essa   non   la   conosceremo   mai,   è   la   nostra   carta   vincente.      Poi possiamo   anche   evitare   le   sofferenze   amando   e   perdonando.   E’   il   tempo   che   ci   aiuta   ad   alleggerire   e   mitigare   la   croce più   pesante,   pregando   e   accettando,   non   arrabbiandoci   e   non   lasciandoci   prendere   da   quell'aceto   che   condisce   ogni   cosa che   facciamo.   Accogliamo   anche   quelle   cose   che   si   creano   senza   una   spiegazione,   facciamo   il   massimo   per   ricreare   la pace   e   per   evitare   quei   contrasti   che   si   protraggono   per   tutta   la   vita.   Se   sostenessimo   un   po’   di   più   la   legge   di   Dio   il mondo   sarebbe   diverso.   Il   nostro   cuore   sa   amare   e   odiare,   è   il   generatore   della   vita,   da   lì   fuoriesce   tutto.   Se   uno   ci   fa del   male   e   noi   continuiamo   ad   amare,   prevale   il   bene   e   improvvisamente   spariscono   tutti   i   sentimenti   controversi   di rabbia.   Non   ci   sono   altri   ragionamenti   che   tengono.   Potremmo   far   sentire   il   nostro   persecutore   inadeguato   e vigliacco,   non   si   permetterà   mai   di   farci   niente.    E’   stato   così   per   Gesù:   prima   lo   hanno   deriso   e   insultato,   poi   si sono   convertiti.   Il   Signore   ha   fatto   tutte   le   cose   con   chiarezza,   semplicità   e   potenza,   ci   ha   dato   ogni   possibilità   perché avessimo   a   migliorare   la   nostra   condizione.   La   sua   legge   limpidissima   non   ci   concede   replica.   All’inizio   la   creazione   era perfetta,   un   paradiso   terrestre,   e   oggi   sarebbe   stata   meravigliosa   se   avessimo   seguito   Gesù.   Invece   abbiamo   sfigurato l'opera   stupenda   della   natura   umana,   anziché   addobbarla   con   gesti   d’amore,   di   obbedienza   e   di   accettazione   del   difetto del   fratello.   È   come   se   vedessimo   deturpata   l'opera   d'arte   per   eccellenza,   la   Pietà   di   Michelangelo.   Perfino   la   natura   si ribella   e   i   fenomeni   atmosferici   sono   più   “rabbiosi”.   Perché   pensiamo   di   andare   a   scoprire   quello   che   ci   danneggia: l'interpretazione,   i   fatti   storici,   le   trame   oscure   dei   vari   personaggi?   Il   male   ci   prende   in   giro   perché   sa   che   questa materia   difficile   da   gestire   ci   affascina,   ci   prende   e   ci   confonde.   Siamo   stati   fatti   per   portare   confusione   o   pace? Rivelando   le   trame   sataniche   portiamo   terrore   e   paura,   vanifichiamo   tutto   con   la   nostra   stupida   lingua.   Chi   ha   la sapienza   preferisce   parlare   con   le   opere,   come   i   santi.   Il   bene   e   il   male   dipendono   da   noi,   anche   un   falso   sa   come potrebbe   amare   e   un   buono   come   potrebbe   imbrogliare.   Come   possiamo   parlare   del   Signore   se   sosteniamo   la   legge dell'uomo   che   ci   fa   scontrare?   Anche   durante   i   pellegrinaggi   basta   un   niente   per   tirar   fuori   da   noi   la   parte   peggiore.   La Madonna    è    venuta    principalmente    per    portarci    a    Gesù    non    attraverso    la    preghiera,    perché    poi    con    il    nostro comportamento   non   corretto   poniamo   degli   ostacoli.   Preghiamo   pure,   ma   diamo   valore   a   quello   che   facciamo.   Nelle cose    di    Dio    non    dobbiamo    dire    quello    che    pensiamo,    ma    pensare    a    quello    che    diciamo .    Per    la    nostra presunzione   e   il   nostro   disordine   mentale,   ci   stiamo   uccidendo   moralmente   in   misura   maggiore   di   quelli   uccisi   con   la spada.   Siamo   intolleranti   all'amore,   vogliamo   proporlo   secondo   la   nostra   logica   e   se   uno   dissente...   Ma   non   siamo intolleranti   alla   perfidia   e   alla   falsità.   La   legge   di   Dio   è   il   sentiero   che   ci   protegge,   mentre   il   peccato   è   la   natura   di   tutti i   nostri   problemi.    Quando   una   persona   non   è   a   posto   dentro,   prende   sempre   gli   esempi   negativi,   anche   degli   uomini   di Chiesa,   invece   la   persona   giusta   ha   il   suo   viso   riflesso   nella   positività   e   nella   fedeltà   dei   servi   del   Signore.   Noi   dovremmo dire   di   più   i   nostri   punti   negativi   al   fratello   (magari   potremmo   essere   aiutati)   ed   essere   più   coerenti   con   i   nostri sentimenti,   gioire   per   il   bene   dell'altro,   complimentarci.   Condividiamo   la   sincerità   non   la   furbizia.   Ammettiamo   di   avere tanto   sbagliato   e   di   aver   favorito   il   nostro   stile   di   vita.   Dio   ci   ha   dato   la   facoltà   di   dominare   non   solo   ogni   essere   su questa   terra,   ma   anche   di   autocontrollarci.   Quando   un   purosangue   viene   domato   diventa   il   miglior   puledro,   quel   cavallo imbizzarrito   è   il   nostro   orgoglio   ferito   e   un'anima   piena   di   rabbia   può   anche   uccidere.   L'aborto   è   un   orrore   davanti   al Signore commesso dall’uomo, che è la continuazione della creazione.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il codice di Dio e quello dell’uomo
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Chi   di   noi   conosce   la   gravità   e   la   varietà   del peccato?   Da   tanti   confessori   è   confermato   che   il peccato   principale   che   l'uomo   sente   di   rivelare   è il   sesso.   Tanti   cristiani   che   non   hanno   tentazioni sensuali   pensano   di   non   avere   peccato,   ma   la gelosia,   l'invidia,   la   malizia   e   la   perfidia,   come   li ritengono?   Chi   conosce   la   legge   e   non   la   rispetta è   contro   la   legge.   Prendiamo   il   codice   civile   e   il codice   spirituale,   cioè   il   Vangelo   e   il   catechismo, quale   osserviamo   di   più   noi   cristiani?   Nel   codice dell'uomo   se   uno   ci   insulta   ci   difendiamo,   se   ci provoca   lo   denunciamo,   se   ci   fa   del   male   noi   non facciamo   del   bene.   Il   buon   cristiano   non   giudica, non    critica,    è    umile    e    caritatevole,    difende    la verità   non   l’orgoglio.   La   vera   fede   si   ottiene rispettando   la   legge   di   Dio.    Essa   ci   viene   in soccorso      quando      siamo      al      limite      della sopportazione    umana,    ci    fa    star    bene    quando avremmo   tutti   i   motivi   per   essere   arrabbiati,   non ci    trascina    nel    disastro    dell’egoismo    e    della crudeltà.    Certe    persone    reagiscono    in    modo esagerato    e    con    cattiveria,    lasciandoci    senza parole    per    dei    discorsi    che    potrebbero    essere benissimo   chiariti.   La   parola   di   Dio   va   presa   con molta   serietà,   non   basta   pregare   per   risolvere   i problemi     della     vita.     Quella     non     è     fede. Accettiamo   la   croce,   le   ingiustizie,   le   umiliazioni? Abbiamo     mai     pensato     a     quanta     sofferenza abbiamo   creato   negli   altri?   La   fede   è   la   croce, senza    di    essa    non    la    conosceremo    mai,    è    la nostra    carta    vincente.        Poi    possiamo    anche evitare   le   sofferenze   amando   e   perdonando.   E’   il tempo   che   ci   aiuta   ad   alleggerire   e   mitigare   la croce   più   pesante,   pregando   e   accettando,   non arrabbiandoci    e    non    lasciandoci    prendere    da quell'aceto   che   condisce   ogni   cosa   che   facciamo. Accogliamo    anche    quelle    cose    che    si    creano senza   una   spiegazione,   facciamo   il   massimo   per ricreare   la   pace   e   per   evitare   quei   contrasti   che si   protraggono   per   tutta   la   vita.   Se   sostenessimo un   po’   di   più   la   legge   di   Dio   il   mondo   sarebbe diverso.   Il   nostro   cuore   sa   amare   e   odiare,   è   il generatore   della   vita,   da   lì   fuoriesce   tutto.   Se uno   ci   fa   del   male   e   noi   continuiamo   ad   amare, prevale    il    bene    e    improvvisamente    spariscono tutti   i   sentimenti   controversi   di   rabbia.   Non   ci sono   altri   ragionamenti   che   tengono.   Potremmo far   sentire   il   nostro   persecutore   inadeguato e   vigliacco,   non   si   permetterà   mai   di   farci niente.    E’   stato   così   per   Gesù:   prima   lo   hanno deriso    e    insultato,    poi    si    sono    convertiti.    Il Signore    ha    fatto    tutte    le    cose    con    chiarezza, semplicità   e   potenza,   ci   ha   dato   ogni   possibilità perché      avessimo      a      migliorare      la      nostra condizione.    La    sua    legge    limpidissima    non    ci concede     replica.     All’inizio     la     creazione     era perfetta,   un   paradiso   terrestre,   e   oggi   sarebbe stata    meravigliosa    se    avessimo    seguito    Gesù. Invece   abbiamo   sfigurato   l'opera   stupenda   della natura    umana,    anziché    addobbarla    con    gesti d’amore,    di    obbedienza    e    di    accettazione    del difetto     del     fratello.     È     come     se     vedessimo deturpata   l'opera   d'arte   per   eccellenza,   la   Pietà di   Michelangelo.   Perfino   la   natura   si   ribella   e   i fenomeni   atmosferici   sono   più   “rabbiosi”.   Perché pensiamo    di    andare    a    scoprire    quello    che    ci danneggia:    l'interpretazione,    i    fatti    storici,    le trame    oscure    dei    vari    personaggi?    Il    male    ci prende    in    giro    perché    sa    che    questa    materia difficile   da   gestire   ci   affascina,   ci   prende   e   ci confonde.      Siamo      stati      fatti      per      portare confusione   o   pace?   Rivelando   le   trame   sataniche portiamo   terrore   e   paura,   vanifichiamo   tutto   con la    nostra    stupida    lingua.    Chi    ha    la    sapienza preferisce   parlare   con   le   opere,   come   i   santi.   Il bene   e   il   male   dipendono   da   noi,   anche   un   falso sa    come    potrebbe    amare    e    un    buono    come potrebbe   imbrogliare.   Come   possiamo   parlare   del Signore   se   sosteniamo   la   legge   dell'uomo   che   ci fa   scontrare?   Anche   durante   i   pellegrinaggi   basta un   niente   per   tirar   fuori   da   noi   la   parte   peggiore. La   Madonna   è   venuta   principalmente   per   portarci a   Gesù   non   attraverso   la   preghiera,   perché   poi con     il     nostro     comportamento     non     corretto poniamo    degli    ostacoli.    Preghiamo    pure,    ma diamo   valore   a   quello   che   facciamo.   Nelle   cose di     Dio     non     dobbiamo     dire     quello     che pensiamo,   ma   pensare   a   quello   che   diciamo . Per   la   nostra   presunzione   e   il   nostro   disordine mentale,    ci    stiamo    uccidendo    moralmente    in misura   maggiore   di   quelli   uccisi   con   la   spada. Siamo   intolleranti   all'amore,   vogliamo   proporlo secondo   la   nostra   logica   e   se   uno   dissente...   Ma non   siamo   intolleranti   alla   perfidia   e   alla   falsità. La   legge   di   Dio   è   il   sentiero   che   ci   protegge, mentre   il   peccato   è   la   natura   di   tutti   i   nostri problemi.    Quando   una   persona   non   è   a   posto dentro,    prende    sempre    gli    esempi    negativi, anche   degli   uomini   di   Chiesa,   invece   la   persona giusta   ha   il   suo   viso   riflesso   nella   positività   e nella   fedeltà   dei   servi   del   Signore.   Noi   dovremmo dire    di    più    i    nostri    punti    negativi    al    fratello (magari   potremmo   essere   aiutati)   ed   essere   più coerenti   con   i   nostri   sentimenti,   gioire   per   il   bene dell'altro,      complimentarci.      Condividiamo      la sincerità   non   la   furbizia.   Ammettiamo   di   avere tanto   sbagliato   e   di   aver   favorito   il   nostro   stile   di vita.   Dio   ci   ha   dato   la   facoltà   di   dominare   non solo   ogni   essere   su   questa   terra,   ma   anche   di autocontrollarci.    Quando    un    purosangue    viene domato   diventa   il   miglior   puledro,   quel   cavallo imbizzarrito   è   il   nostro   orgoglio   ferito   e   un'anima piena   di   rabbia   può   anche   uccidere.   L'aborto   è   un orrore   davanti   al   Signore   commesso   dall’uomo, che è la continuazione della creazione.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile