Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Come   può   un   direttore   d'orchestra   avere   dei   meriti   quando   ha   davanti   dei   musicisti   individualisti?   Basta   una   nota   stonata per   fare   stonare   tutto.   Il   direttore   d'orchestra   è   Dio   che   ha   creato   l'universo,   quale   rispetto   gli   dimostriamo?   In   che misura   amiamo?   Siamo   impegnati   veramente   a   salvaguardare   un   patrimonio   che   non   è   nostro?      Il   peccato   più   grave   è quello   contro   lo   Spirito   Santo   di   chi   conosce   la   verità   e   non   la   rivela   agli   altri   con   la   propria   vita.   Il   Signore   accetta   i peccatori   non   gli   ipocriti,   concede   grazie   e   benedizioni   a   chi   gli   è   fedele.   Perché   facciamo   tutto   tranne   quello   che   ci chiede?   Pensiamo   a   come   sarà   il   futuro,   ragioniamo   sul   passato   e   non   sappiamo   vivere   l'attimo   presente   che   ci   riguarda. La   libertà   che   il   Signore   ci   ha   concesso   dobbiamo   utilizzarla   per   dimostrare   con   le   azioni   (non   i   propositi)   chi   è   Dio   per noi.   Se   non   sappiamo   rinunciare   a   una   caramella,   vuol   dire   che   Dio   dentro   di   noi   vale   meno   di   essa.   Se   non   riusciamo   a sopportare   la   persona   che   abbiamo   davanti   vuol   dire   che   Dio   è   ancora   più   piccolo   di   quella   sciocchezza,   obiettivamente discutibile,   che   non   riusciamo   ad   accettare.   Come   possiamo   dire   che   Dio   è   tutto   per   noi?   La   nostra   infelicità   è   causata   da proposte   volute   da   noi,   non   possiamo   sostituire   quello   che   dice   il   Signore.   Se   l'avessimo   nel   cuore   non   ci   soffermeremmo a   guardare   i   difetti   degli   altri,   resisteremmo   agli   attacchi   e   alle   provocazioni   del   mondo.   Rispettare   la   legge   di   Dio   è totalmente   contrario   alla   nostra   ragione,   però   ci   rende   più   gioiosi   e   contenti,   dovremmo   ringraziarlo   che   ci   concede   di compiere   buone   azioni.   Dio   ha   avuto   poca   importanza   dentro   di   noi   e   lo   vediamo   in   un   modo   vantaggioso.   Siamo   pronti ad   accettare   la   sconfitta   della   nostra   ragione,   della   gelosia   e   dell'invidia   o   ha   più   valenza   il   richiamo   mondano?   Perché non   ci   sciogliamo   davanti   al   miracolo   della   vita   che   nasce,   a   un   fiore   che   sboccia?   Potremmo   vedere   il   nostro   coniuge   con occhi   meravigliosi...   Come   possiamo   noi   cristiani   proporre   nuove   abitudini   di   vita   quando   rifiutiamo   la   legge   principale   di Dio?   Difendiamo   ciò   che   abbiamo   ricevuto   nel   battesimo!   Invece   pretendiamo   di   peccare   senza   essere   puniti , pensiamo   solo   a   soddisfare   il   sentimento   umano    e   chiediamo   cose   che   fanno   solamente   gloriare   il   diavolo.   Che   bello evitare   una   sofferenza   a   un   nostro   simile   e   durante   la   notte   pensare   a   come   avremmo   potuto   fare   meglio   quell'azione gradita   da   Dio!   E   aspettare   ancora   la   possibilità   di   riversare   la   nostra   armonia   corporale   e   spirituale   sulla   persona   che   ne ha   tanto   bisogno...      C'è   una   parte   che   non   vuole   permetterci   di   diventare   buoni,   è   cattiva,   violenta,   disumana,   vuole distruggerci.   È   terribile!   Non   ci   disturberà   quando   viviamo   da   libertini,   ma   solo   se   progrediamo   nella   fede.   Le   vigliaccate dell'umano   sono   le   tribolazioni   che   i   santi   hanno   dovuto   accettare.   Cosa   siamo   pronti   a   fare   per   il   Signore?   Riusciamo   a dire   "ti   voglio   bene"    al   coniuge   che   ci   dà   fastidio?   Quando   non   riusciamo   a   vincere   il   più   piccolo   dei   nostri   difetti   e   ad accettare   la   sconfitta   della   nostra   lingua   che   crea   tanta   sofferenza,   eliminiamo   Dio.   Che   bello   se   moglie   e   marito   si complimentassero   a   vicenda,   invece   di   accusarsi   dovrebbero   accettare   con   amore   anche   il   tradimento:   " Fa   niente   se   sei andato   con   l'amante…".    Chi   ha   sbagliato   si   sentirebbe   un   vigliacco.   Si   può   trasgredire   anche   in   altri   modi   che   fanno   più male,   come   il   tradimento   del   sentimento,   dell'offesa,   della   sopportazione,   perché   non   c'è   più   il   desiderio   di   stare   insieme. E   tutto   ciò   che   non   gradisce   l'altra   persona   diventa   motivo   di   polemica   e   di   frecciate   velenose.   Perché   ci   lamentiamo della   vita   e   del   Signore?   Manteniamo   ferme   le   tradizioni,   la   famiglia,   i   valori.   Quello   che   era   peccato   ieri,   è   peccato   oggi, il   Signore   non   concederà   mani   di   peccare,   nessuno   ci   può   autorizzare   a   farlo.   Chi   desidera   essere   casto   non   andrà   mai con   un'altra   persona   e   così   vale   per   le   altre   cose.   Desideriamo   veramente   quello   che   chiediamo   al   Signore?   Le   cose   più belle   sono   quelle   più   delicate,   un   campo   di   erbacce   non   ha   bisogno   di   fertilizzanti,   ma   il   fiore   più   bello   dobbiamo   curarlo in   continuazione,   come   la   nostra   anima.   I   vizi   sono   gli   sterpi   e   i   rovi   che   possono   coprire   i   fiori   del   prato   o   la   goccia d'inchiostro   che   toglie   la   limpidezza   all'acqua.   L'anima   è   delicata,   non   è   grossolana,   è   sensibile,   si   mette   da   parte   quando la   nostra   attività   principale   è   nel   corpo.   A   cosa   sono   serviti   i   nostri   anni   di   frequentazione   della   Chiesa?   A   osservare   gli altri   pensando   di      renderci   puliti?   Sporchiamoci   pure,   addossiamoci   colpe   che   non   abbiamo,   ma   evitiamo   che   gli   altri   si scannino   a   vicenda.   Chi   non   lascia   andare   la   polemica   vive   anni   di   sofferenza,   contraddizioni   e   cattiverie, perché   ha   sempre   in   mente   l'ingiustizia   ricevuta .   Come   sarebbe   la   nostra   fede,   basata   sul   sangue   e   il   corpo   di Cristo,   senza   le   devozioni   generali   e   la   presenza   della   Madonna?   Che   cristiani   saremmo?   Il   problema   è   che   non   siamo disponibili   ad   amarci   gli   uni   gli   altri.   Le   preghiere   valgono   se   sono   dette   bene,   come   ha   insegnato   Gesù   parlando   dei farisei,   dei    sepolcri   imbiancati,   della   pagliuzza   e   della   trave,   di   chi   dice   Signore   Signore…   Non   sono   il   ripiego   delle   nostre miserie .   Con   l'amore   nel   cuore   potremmo   anche   essere   delusi,   ma   mai   avremmo   il   desiderio   della   vendetta,   della   gelosia e    della    permalosità.    Ci    complimentiamo    a    vicenda    o    ci    critichiamo?     Sosteniamoci,    facciamo    gesti    di incoraggiamento,   ringraziamoci   in   famiglia   e   negli   ambienti   di   lavoro.   Chi   si   lamenta   ridicolizza   Dio   perché   prende   il sopravvento   ciò   che   è   inferiore   a   Lui.   Quando   raccogliamo   la   provocazione   e   commentiamo,   siamo   già   contagiati   dal male   che   con   maestria   vuole   indebolirci.   Impariamo   a   lasciare   andare   il   mondo   come   va   e   ad   amare.   Non   è   più   forte   Dio di   ciò   che   ci   fa   arrabbiare?   L'abitudine   generale,   come   un   uragano,   sta   distruggendo   tutto.   Umanamente   non   è   possibile andare   controvento,   specialmente   in   questi   tempi,   mettiamoci   sotto   il   riparo   del   monte   Misma   che   il   Signore   ha preservato per noi.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Chi è Dio per noi?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Come    può    un    direttore    d'orchestra    avere    dei meriti      quando      ha      davanti      dei      musicisti individualisti?   Basta   una   nota   stonata   per   fare stonare   tutto.   Il   direttore   d'orchestra   è   Dio   che ha      creato      l'universo,      quale      rispetto      gli dimostriamo?    In    che    misura    amiamo?    Siamo impegnati      veramente      a      salvaguardare      un patrimonio   che   non   è   nostro?      Il   peccato   più grave    è    quello    contro    lo    Spirito    Santo    di    chi conosce   la   verità   e   non   la   rivela   agli   altri   con   la propria   vita.   Il   Signore   accetta   i   peccatori   non   gli ipocriti,   concede   grazie   e   benedizioni   a   chi   gli   è fedele.   Perché   facciamo   tutto   tranne   quello   che   ci chiede?     Pensiamo     a     come     sarà     il     futuro, ragioniamo   sul   passato   e   non   sappiamo   vivere l'attimo   presente   che   ci   riguarda.   La   libertà   che   il Signore   ci   ha   concesso   dobbiamo   utilizzarla   per dimostrare   con   le   azioni   (non   i   propositi)   chi   è Dio   per   noi.   Se   non   sappiamo   rinunciare   a   una caramella,   vuol   dire   che   Dio   dentro   di   noi   vale meno   di   essa.   Se   non   riusciamo   a   sopportare   la persona   che   abbiamo   davanti   vuol   dire   che   Dio   è ancora     più     piccolo     di     quella     sciocchezza, obiettivamente   discutibile,   che   non   riusciamo   ad accettare.   Come   possiamo   dire   che   Dio   è   tutto per    noi?    La    nostra    infelicità    è    causata    da proposte   volute   da   noi,   non   possiamo   sostituire quello    che    dice    il    Signore.    Se    l'avessimo    nel cuore   non   ci   soffermeremmo   a   guardare   i   difetti degli    altri,    resisteremmo    agli    attacchi    e    alle provocazioni   del   mondo.   Rispettare   la   legge   di Dio   è   totalmente   contrario   alla   nostra   ragione, però   ci   rende   più   gioiosi   e   contenti,   dovremmo ringraziarlo   che   ci   concede   di   compiere   buone azioni.   Dio   ha   avuto   poca   importanza   dentro   di noi   e   lo   vediamo   in   un   modo   vantaggioso.   Siamo pronti    ad    accettare    la    sconfitta    della    nostra ragione,    della    gelosia    e    dell'invidia    o    ha    più valenza    il    richiamo    mondano?    Perché    non    ci sciogliamo    davanti    al    miracolo    della    vita    che nasce,   a   un   fiore   che   sboccia?   Potremmo   vedere il   nostro   coniuge   con   occhi   meravigliosi...   Come possiamo   noi   cristiani   proporre   nuove   abitudini   di vita   quando   rifiutiamo   la   legge   principale   di   Dio? Difendiamo     ciò     che     abbiamo     ricevuto     nel battesimo!    Invece    pretendiamo    di    peccare senza      essere      puniti ,      pensiamo      solo      a soddisfare   il   sentimento   umano    e   chiediamo   cose che   fanno   solamente   gloriare   il   diavolo.   Che   bello evitare    una    sofferenza    a    un    nostro    simile    e durante    la    notte    pensare    a    come    avremmo potuto   fare   meglio   quell'azione   gradita   da   Dio!   E aspettare    ancora    la    possibilità    di    riversare    la nostra     armonia     corporale     e     spirituale     sulla persona    che    ne    ha    tanto    bisogno...        C'è    una parte    che    non    vuole    permetterci    di    diventare buoni,     è     cattiva,     violenta,     disumana,     vuole distruggerci.   È   terribile!   Non   ci   disturberà   quando viviamo    da    libertini,    ma    solo    se    progrediamo nella    fede.    Le    vigliaccate    dell'umano    sono    le tribolazioni   che   i   santi   hanno   dovuto   accettare. Cosa     siamo     pronti     a     fare     per     il     Signore? Riusciamo   a   dire   "ti   voglio   bene"    al   coniuge   che ci   dà   fastidio?   Quando   non   riusciamo   a   vincere   il più   piccolo   dei   nostri   difetti   e   ad   accettare   la sconfitta    della    nostra    lingua    che    crea    tanta sofferenza,   eliminiamo   Dio.   Che   bello   se   moglie   e marito   si   complimentassero   a   vicenda,   invece   di accusarsi   dovrebbero   accettare   con   amore   anche il    tradimento:    " Fa    niente    se    sei    andato    con l'amante…".     Chi    ha    sbagliato    si    sentirebbe    un vigliacco.   Si   può   trasgredire   anche   in   altri   modi che    fanno    più    male,    come    il    tradimento    del sentimento,     dell'offesa,     della     sopportazione, perché   non   c'è   più   il   desiderio   di   stare   insieme.   E tutto   ciò   che   non   gradisce   l'altra   persona   diventa motivo    di    polemica    e    di    frecciate    velenose. Perché   ci   lamentiamo   della   vita   e   del   Signore? Manteniamo    ferme    le    tradizioni,    la    famiglia,    i valori.    Quello    che    era    peccato    ieri,    è    peccato oggi,   il   Signore   non   concederà   mani   di   peccare, nessuno   ci   può   autorizzare   a   farlo.   Chi   desidera essere   casto   non   andrà   mai   con   un'altra   persona e    così    vale    per    le    altre    cose.    Desideriamo veramente   quello   che   chiediamo   al   Signore?   Le cose   più   belle   sono   quelle   più   delicate,   un   campo di   erbacce   non   ha   bisogno   di   fertilizzanti,   ma   il fiore   più   bello   dobbiamo   curarlo   in   continuazione, come   la   nostra   anima.   I   vizi   sono   gli   sterpi   e   i rovi   che   possono   coprire   i   fiori   del   prato   o   la goccia     d'inchiostro     che     toglie     la     limpidezza all'acqua.   L'anima   è   delicata,   non   è   grossolana,   è sensibile,    si    mette    da    parte    quando    la    nostra attività   principale   è   nel   corpo.   A   cosa   sono   serviti i   nostri   anni   di   frequentazione   della   Chiesa?   A osservare   gli   altri   pensando   di      renderci   puliti? Sporchiamoci   pure,   addossiamoci   colpe   che   non abbiamo,   ma   evitiamo   che   gli   altri   si   scannino   a vicenda.   Chi   non   lascia   andare   la   polemica vive    anni    di    sofferenza,    contraddizioni    e cattiverie,     perché     ha     sempre     in     mente l'ingiustizia   ricevuta .   Come   sarebbe   la   nostra fede,    basata    sul    sangue    e    il    corpo    di    Cristo, senza   le   devozioni   generali   e   la   presenza   della Madonna?   Che   cristiani   saremmo?   Il   problema   è che   non   siamo   disponibili   ad   amarci   gli   uni   gli altri.   Le   preghiere   valgono   se   sono   dette   bene, come   ha   insegnato   Gesù   parlando   dei   farisei,   dei   sepolcri   imbiancati,   della   pagliuzza   e   della   trave, di   chi   dice   Signore   Signore…   Non   sono   il   ripiego delle    nostre    miserie .    Con    l'amore    nel    cuore potremmo     anche     essere     delusi,     ma     mai avremmo   il   desiderio   della   vendetta,   della   gelosia e    della    permalosità.    Ci    complimentiamo    a vicenda     o     ci     critichiamo?      Sosteniamoci, facciamo   gesti   di   incoraggiamento,   ringraziamoci in    famiglia    e    negli    ambienti    di    lavoro.    Chi    si lamenta     ridicolizza     Dio     perché     prende     il sopravvento   ciò   che   è   inferiore   a   Lui.   Quando raccogliamo    la    provocazione    e    commentiamo, siamo   già   contagiati   dal   male   che   con   maestria vuole   indebolirci.   Impariamo   a   lasciare   andare   il mondo   come   va   e   ad   amare.   Non   è   più   forte   Dio di   ciò   che   ci   fa   arrabbiare?   L'abitudine   generale, come     un     uragano,     sta     distruggendo     tutto. Umanamente       non       è       possibile       andare controvento,     specialmente     in     questi     tempi, mettiamoci   sotto   il   riparo   del   monte   Misma   che   il Signore ha preservato per noi.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                           Chi è Dio per noi?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile