Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Siamo   chiamati   a   offrire   le   nostre   preghiere   per   le   intenzioni   di   Maria   Santissima.   Aiutiamola   ad   arrivare   in   ogni   parte   del mondo   con   il   suo   cuore   immacolato,   non   solo   con   la   preghiera   orale,   ma   vivendo   senza   alterchi   e   litigi.   La   Madonna   è preoccupata   perché   l'uomo   ha   deciso   di   andare   allegramente   alla   dannazione   eterna   senza   rendersene   conto.   Sentiamoci tutti   coinvolti   se   il   mondo   va   in   questa   direzione,   quanti   di   noi   se   tornassero   indietro   non   farebbero   certi   errori?   Con tutto   il   disastro   che   ha   davanti   ai   suoi   occhi,   non   sappiamo   espiare   per   una   sofferenza   che   lei   sta   vivendo   per   l'avidità,   le prepotenze    e    la    falsità    dei    popoli.    Possiamo    riparare    a    tante    profanazioni    se    abbiamo    il    cuore    pieno    d'amore    e desideriamo   il   bene   dell'altro.   Invece   dimostriamo   che   non   ci   interessano   queste   situazioni   e   presentiamo   alterchi   e   litigi da   noi   causati.   Che   bravi   che   siamo!   Pensiamo   a   non   farli   più   con   i   colleghi,   i   parenti,   i   familiari,   la   società.   Non mettiamoci   in   testa   di   essere   vittima   del   maligno   perché   in   tanti   casi   non   ha   bisogno   di   intervenire   vedendo   la   cattiveria umana.   Il   male   lo   si   vince   con   l'amore,   quello   che   diamo   a   chi   non   la   pensa   come   noi.   La   fede   aumenta   solamente quando   soffriamo:   non   è   evitata   la   croce   a   chi   vuole   fare   la   volontà   del   Signore,   deve   passare   attraverso   tribolazioni   e superare   molte   prove   nell'ingiustizia   e   nella   sofferenza.   Ma   chi   si   abbandona   a   Dio   può   provare   gioia   anche   in   queste situazioni.   Chi   è   Dio,   chi   lo   conosce?   Da   dove   è   venuta   quella   colomba   che   emanava   luce   e   sorrideva   a   Roberto?   Chi   ha fatto   scendere   quel   santuario   illuminato?   Come   si   può   conoscere   Colui   che   permette   al   pianeta   terra   di   essere   sospeso nel   vuoto   e   muoversi   con   tutto   l'universo?   L'unico   Dio   che   conosciamo   è   quello   dell'amore,   se   ci   amiamo   gli   uni gli   altri.    Siamo   un   microbo   del   cosmo   e   ragioniamo   come   tali,   dovremmo   tremare   solamente   a   sentire   il   nome   di   Dio. Prendiamo   un   aereo   che   parte   da   una   città   e   va   dall'altra   parte   del   globo.   Vola   dritto,   come   fa   a   trovarsi   sotto   senza   aver seguito   la   circonferenza   della   terra?   Non   c'è   risposta.   Davanti   al   Signore   dobbiamo   solamente   amare,   non   andiamo   alla ricerca   di   risposte   come   fanno   tanti.   Dio   lo   si   conosce   nell'amore   non   dagli   studi.      Non   dobbiamo   pregare   per   avere più   amore   dagli   altri,   ma   per   amare   di   più,   per   essere   più   umili,   nitidi,   disponibili.   Proveremo   la   gioia   di   essere   riamati dal   nostro   stesso   amore   e   metteremo   gli   altri   nella   condizione   di   amarci   di   più.   Quando   c'è   qualcosa   che   non   va   bisogna risolvere   il   problema,   con   delicatezza   e   comprensione.   Non   prendiamo   di   petto   i   nostri   cari   o   i   nostri   fratelli,   parliamo   con dolcezza   ma   senza   nascondere   la   verità.   In   separata   sede,   diciamo   loro   che   non   è   corretto   comportarsi   così,   che   si portano a casa la negatività, che siamo cristiani. Così non pecchiamo di omissione. APPRENDIAMO DI PIÙ DAL LIBRO NERO Non   demoralizziamoci   per   i   fatti   di   cronaca   che   sentiamo,   sono   sempre   esistiti,   però   andando   avanti   sarà   peggio.   Siamo più   disponibili   per   il   peggioramento   perché   il   miglioramento   ci   impone   la   rinuncia,   la   penalizzazione   del   corpo.   Non   ci   fa specie   che   da   coloro   che   leggono   la   Bibbia   fuoriescono   dei   giganti   della   fede   o   persone   che   rimangono   indifferenti?   Ci sono   le   stesse   parole   dei   profeti   scelti   da   Dio,   eppure   per   la   maggioranza   fuoriesce   l'esatto   contrario.   Come   può   esserci questa   differenza?   Chi   di   noi   vive   il   Vangelo?   È   come   se   uno   studente   di   vent'anni   non   fosse   capace   di   leggere   e   scrivere. Sembra   che   siamo   più   acculturati   da   ciò   che   non   leggiamo,   dal   libro   nero    dell'avidità,   dell'avarizia,   della   malignità,   della perfidia,   della   vanità.   Consolidando   le   nostre   abitudini   stiamo   abbassando   il   livello   della   nostra   dignità.   Siamo   pronti   a rimetterci   del   nostro   pur   avendo   ragione   e   accettare   l'ingiustizia?    Sulla   Bibbia   si   parla   molto   di   questo,   mentre sul   libro   nero    c'è   scritto   di   farci   valere,   di   denunciare.   Se   non   fosse   che   ogni   denuncia   ha   un   costo,   sarebbero   molte   di più,   non   ci   fermerebbe   il   fatto   di   non   far   soffrire   l'altra   persona.   È   questa   la   nostra   cristianità?   È   incredibile   come assimiliamo   di   più   da   un   verbo   maligno   sconosciuto   e   non   riusciamo   a   far   fruttare   il   seme   dell'amore   che   da   sempre   Dio ha rivolto a tutti i popoli. CONFIDENZA DI GIUSEPPE A MARIA Giuseppe   era   ancora   un   lavoratore   quando   si   è   sposato   con   Maria,   non   era   poi   così   vecchio   come   si   dice.   La   Madonna   ha provato   una   grande   gioia   in   cuor   suo   quando   il   suo   sposo   gli   ha   confidato   che   anche   lui   segretamente   si   era   offerto   al Signore   e   desiderava   la   castità.   Si   era   consacrato   a   Dio   ancor   prima   che   conoscesse   Maria   Santissima   e   da   sposato   ha capito che questo desiderio veniva dal Signore.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Chi ama comprende tante cose
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Siamo   chiamati   a   offrire   le   nostre   preghiere   per le   intenzioni   di   Maria   Santissima.   Aiutiamola   ad arrivare   in   ogni   parte   del   mondo   con   il   suo   cuore immacolato,   non   solo   con   la   preghiera   orale,   ma vivendo    senza    alterchi    e    litigi.    La    Madonna    è preoccupata   perché   l'uomo   ha   deciso   di   andare allegramente     alla     dannazione     eterna     senza rendersene   conto.   Sentiamoci   tutti   coinvolti   se   il mondo   va   in   questa   direzione,   quanti   di   noi   se tornassero    indietro    non    farebbero    certi    errori? Con   tutto   il   disastro   che   ha   davanti   ai   suoi   occhi, non   sappiamo   espiare   per   una   sofferenza   che   lei sta    vivendo    per    l'avidità,    le    prepotenze    e    la falsità    dei    popoli.    Possiamo    riparare    a    tante profanazioni   se   abbiamo   il   cuore   pieno   d'amore   e desideriamo       il       bene       dell'altro.       Invece dimostriamo    che    non    ci    interessano    queste situazioni   e   presentiamo   alterchi   e   litigi   da   noi causati.   Che   bravi   che   siamo!   Pensiamo   a   non farli   più   con   i   colleghi,   i   parenti,   i   familiari,   la società.    Non    mettiamoci    in    testa    di    essere vittima   del   maligno   perché   in   tanti   casi   non   ha bisogno    di    intervenire    vedendo    la    cattiveria umana.   Il   male   lo   si   vince   con   l'amore,   quello che   diamo   a   chi   non   la   pensa   come   noi.   La   fede aumenta    solamente    quando    soffriamo:    non    è evitata   la   croce   a   chi   vuole   fare   la   volontà   del Signore,   deve   passare   attraverso   tribolazioni   e superare    molte    prove    nell'ingiustizia    e    nella sofferenza.    Ma    chi    si    abbandona    a    Dio    può provare   gioia   anche   in   queste   situazioni.   Chi   è Dio,   chi   lo   conosce?   Da   dove   è   venuta   quella colomba     che     emanava     luce     e     sorrideva     a Roberto?   Chi   ha   fatto   scendere   quel   santuario illuminato?    Come    si    può    conoscere    Colui    che permette   al   pianeta   terra   di   essere   sospeso   nel vuoto   e   muoversi   con   tutto   l'universo?   L'unico Dio   che   conosciamo   è   quello   dell'amore,   se ci   amiamo   gli   uni   gli   altri.    Siamo   un   microbo del   cosmo   e   ragioniamo   come   tali,   dovremmo tremare    solamente    a    sentire    il    nome    di    Dio. Prendiamo   un   aereo   che   parte   da   una   città   e   va dall'altra   parte   del   globo.   Vola   dritto,   come   fa   a trovarsi   sotto   senza   aver   seguito   la   circonferenza della   terra?   Non   c'è   risposta.   Davanti   al   Signore dobbiamo   solamente   amare,   non   andiamo   alla ricerca   di   risposte   come   fanno   tanti.   Dio   lo   si conosce    nell'amore    non    dagli    studi.        Non dobbiamo    pregare    per    avere    più    amore    dagli altri,   ma   per   amare   di   più,   per   essere   più   umili, nitidi,   disponibili.   Proveremo   la   gioia   di   essere riamati   dal   nostro   stesso   amore   e   metteremo   gli altri   nella   condizione   di   amarci   di   più.   Quando   c'è qualcosa     che     non     va     bisogna     risolvere     il problema,   con   delicatezza   e   comprensione.   Non prendiamo   di   petto   i   nostri   cari   o   i   nostri   fratelli, parliamo   con   dolcezza   ma   senza   nascondere   la verità.   In   separata   sede,   diciamo   loro   che   non   è corretto   comportarsi   così,   che   si   portano   a   casa la    negatività,    che    siamo    cristiani.    Così    non pecchiamo di omissione. APPRENDIAMO DI PIÙ DAL LIBRO NERO Non   demoralizziamoci   per   i   fatti   di   cronaca   che sentiamo,    sono    sempre    esistiti,    però    andando avanti   sarà   peggio.   Siamo   più   disponibili   per   il peggioramento     perché     il     miglioramento     ci impone   la   rinuncia,   la   penalizzazione   del   corpo. Non   ci   fa   specie   che   da   coloro   che   leggono   la Bibbia    fuoriescono    dei    giganti    della    fede    o persone   che   rimangono   indifferenti?   Ci   sono   le stesse   parole   dei   profeti   scelti   da   Dio,   eppure   per la   maggioranza   fuoriesce   l'esatto   contrario.   Come può   esserci   questa   differenza?   Chi   di   noi   vive   il Vangelo?   È   come   se   uno   studente   di   vent'anni non   fosse   capace   di   leggere   e   scrivere.   Sembra che    siamo    più    acculturati    da    ciò    che    non leggiamo,   dal   libro   nero    dell'avidità,   dell'avarizia, della     malignità,     della     perfidia,     della     vanità. Consolidando      le      nostre      abitudini      stiamo abbassando   il   livello   della   nostra   dignità.   Siamo pronti   a   rimetterci   del   nostro   pur   avendo ragione   e   accettare   l'ingiustizia?    Sulla   Bibbia si   parla   molto   di   questo,   mentre   sul   libro   nero    c'è scritto    di    farci    valere,    di    denunciare.    Se    non fosse   che   ogni   denuncia   ha   un   costo,   sarebbero molte   di   più,   non   ci   fermerebbe   il   fatto   di   non   far soffrire    l'altra    persona.    È    questa    la    nostra cristianità?   È   incredibile   come   assimiliamo   di   più da   un   verbo   maligno   sconosciuto   e   non   riusciamo a   far   fruttare   il   seme   dell'amore   che   da   sempre Dio ha rivolto a tutti i popoli. CONFIDENZA DI GIUSEPPE A MARIA Giuseppe   era   ancora   un   lavoratore   quando   si   è sposato   con   Maria,   non   era   poi   così   vecchio   come si   dice.   La   Madonna   ha   provato   una   grande   gioia in   cuor   suo   quando   il   suo   sposo   gli   ha   confidato che    anche    lui    segretamente    si    era    offerto    al Signore   e   desiderava   la   castità.   Si   era   consacrato a     Dio     ancor     prima     che     conoscesse     Maria Santissima   e   da   sposato   ha   capito   che   questo desiderio veniva dal Signore.       Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi   sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile