Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Il   Signore   desidera   che   abbiamo   a   perfezionare   il   nostro   lato   comportamentale,   perché   in   noi   ci   sono   dei   meccanismi   che solo   Lui   conosce.   Qual   è   la   molla   che   ci   fa   rendere   di   più?   In   tutti   gli   ambiti   sociali,   sportivi,   lavorativi,   per   dare   il   meglio di   sé   devono   esserci   certe   condizioni   che   favoriscono   la   concentrazione.   Come   un   bambino   piccolo   trova   il   suo   equilibrio toccando   la   federa   di   un   cuscino   o   un   orsacchiotto,   così   da   grandi   abbiamo   bisogno   di   un   qualcosa,   di   un   espediente,   per liberare   la   nostra   psiche.   I   presupposti   per   rendere   spiritualmente   al   massimo   ce   li   ha   indicati   il   Signore   ancor   prima   che nascessimo,    ci    ha    detto    come    dobbiamo    comportarci    e    camminare,    ma    a    noi    sembra    che    voglia    castigarci    in continuazione.   La   nostra   vita   spirituale   potrebbe   avere   un   cambiamento   evidente,   nel   momento   in   cui   lasciamo   entrare dentro   di   noi   quella   cellula   celeste    che   viene   dal   cielo   e   fa   muovere   tutte   le   nostre   azioni.   Il   Signore   ha   dato   a   tutti questo   potenziale,   ma   non   ci   rendiamo   conto   di   averlo   perché   usiamo   la   ragione   per   ottenere   vantaggi   personali.   E’ l’errore   di   tutti   i   popoli   e   di   tutte   le   generazioni,   che   ha   impedito   al   nostro   carisma   di   fuoriuscire.   Il   cristiano   deve capire   che   per   dare   il   meglio   di   sé   deve   creare   un   certo   ambiente   e   lo   può   fare   solamente   con   la    carità . Leggendo   la   Bibbia   non   ci   può   sfuggire   che   il   Signore   ha   sempre   ripreso   i   popoli   dal   lato   comportamentale,   perché   ha un'importanza    immensa;    parla    delle    nostre    mancanze,    ma    soprattutto    della    disubbidienza,    della    prepotenza    e dell'arroganza   dell'uomo.   Perché   facciamo   il   contrario   di   quello   che   il   Signore   ci   chiede?   La   nostra   prestazione   spirituale viene   penalizzata   perché   non   c'è   la   disponibilità   ad   ubbidire,   ma   c'è   la   disponibilità   a   farsi   ubbidire,   che   è   diverso.   La Madonna   ci   dà   i   suoi   suggerimenti   non   per   imporceli,   mentre   noi   quando   parliamo   in   nome   di   Dio   diciamo:   " Tu   devi fare ";   se   il   Signore   usa   tanta   dolcezza   e   misericordia,   perché   dobbiamo   alterare   l'elemento   che   fa   ottenere   di   più   alle altre   persone?   Come   una   mandria   di   cavalli   selvatici,   ci   lasciamo   sospingere   dall'istinto   e   il   Signore   ci   lascia   andare,   ma ci   doma   piano   piano;   non   doma   tutto   il   branco,   solo   quelli   disponibili   a   rendersi   docili.   Allora   quei   cavalli   danno   il massimo   e   garantiscono   la   migliore   prestazione,   mentre   quelli   indomabili   sono   inquadrati   in   un   certo   modo   e   non   si smuoveranno   mai.   L'elemento   che   ci   può   fare   rendere   di   più   e   garantire   il   maggiore   equilibrio   psicofisico   è   il cammino   spirituale,       se   è   fatto   in   una   certa   condizione.   È   un   toccasana   sotto   tutti   i   profili,   perché   innesca   quella cellula   celeste   che   abbiamo   dentro   di   noi,   che   solo   il   Signore   sa   come   potremmo   attivare.   Per   offrirci   in   una   misura meravigliosa   dobbiamo   essere   liberi,   non   obbligati,   altrimenti   non   siamo   autentici   e   alla   prima   difficoltà   cade   la   nostra vita   spirituale.   La   quantità   di   preghiere   deve   venire   sulla   base   di   quanto   amiamo   Dio.   Se   lo   amiamo   la   cosa   più   logica   è quella   di   andare   nella   sua   casa   in   chiesa,   di   pregare,   di   riceverlo   nell'eucaristia,   di   fare   tutto   quello   che   gli   è   gradito.   Il Signore   e   la   Madonna   non   ci   possono   obbligare   a   fare   questo,   perché   non   è   amore.   Dobbiamo   comprendere   che   le   prove più   dure   capitano   proprio   a   noi   cristiani;   se   abbiamo   paura   di   questo   è   perché   siamo   in   difetto,   non   abbiamo   capito   che affrontando   ogni   situazione   con   il   Signore,   il   peso   è   più   leggero.   A   livello   umano   c'è   un   limite   a   tutto,   ma   a   quello spirituale   no,   la   fede   è   una   crescita   continua   e   quando   si   trova   una   verità,   bisogna   cercarla   ancora   perché   ce   n'è   una   più profonda.   Ci   deve   dispiacere   che   l'uomo   spreca   la   sua   vita   spirituale,   perché   disperde   la   vera   gioia,   l'amore,   ciò   che elimina   tutti   i   problemi   del   mondo.   Nella   natura   ci   sono   le   erbe   necessarie   per   guarire   tutte   le   malattie   fisiche, comprese   anche   quelle      “inguaribili”,    ma   nessuno   di   noi   si   inchina   davanti   al   Signore   chiedendo   di   fargliele   scoprire.    Con l’ubbidienza    a    Dio    inneschiamo    meccanismi    che    sprigionano    amore,    disponibilità,    mitezza,    dolcezza ; diversamente   non   fuoriesce   nulla   e   non   rendiamo   al   massimo.   Se   i   potenti   del   mondo   nei   loro   grandi   discorsi   avessero unito   l'umiltà   e   l'ubbidienza,   avrebbero   coinvolto   i   popoli   invece   di   metterli   uno   contro   l'altro.   La   base   portante   di   tutto   il mondo   cristiano   è   la   fede,   la   speranza   e   la   carità:   le   prime   due   alla   fine   della   nostra   esperienza   terrena   svaniranno davanti   alla   verità,   mentre   rimarrà   al   di   sopra   di   tutto   la   carità.   Perché   vogliamo   che   rimanga   tutt'altra   cosa?   La   carità   ce l'ha   insegnata   Gesù   che,   pur   avendo   il   potere   su   tutti,   si   era   messo   al   servizio   degli   altri.   Noi   siamo   al   servizio   del   fratello o   vogliamo   che   il   fratello   si   convinca   della   nostra   ragione?   Siamo   sicuri   di   compiacere   il   Signore   per   averci   scelti   come strumenti, se in noi manca la base più importante, la carità  e l'umiltà?                                      l'origine di tutti peccati                                              la fonte di tutte le grazie   Chi   di   noi   è   a   disposizione   del   proprio   fratello,   non   per   compatirlo   o   per   gloriarsene?   La   cosa   che   ci   fa   avere   il   massimo dei   risultati   è   più   semplice,   la   carità,   che   non   ci   costa   niente:   metterci   al   servizio   del   fratello   e   rendergli   la   vita   il   più gradevole   possibile.   Certo,   non   possiamo   risolvere   i   problemi   di   tutti,   ma   dov’è   la   carità,   se   vogliamo   “farci   le   scarpe”   gli uni   con   gli   altri   per   ottenere   i   vantaggi   migliori?   I   figli   delle   tenebre   sono   scaltri,   ma   quelli   della   luce   lo   sono   ancor   di   più se   riescono   ad   innescare   certi   meccanismi.   Il   Signore   ci   mette   nella   condizione   di   poter   anche   dubitare   delle   rivelazioni che   ci   fa   attraverso   Roberto,   ma   se   saremo   semplici   e   umili   potremo   decidere   da   che   parte   stare   e   vivere   con   coerenza la   nostra   scelta.   Nel   momento   in   cui   daremo   il   massimo   come   persone   spirituali,   non   convinceremo   con   le parole,   ma   attraverso   cose   impercettibili   che   vengono   dallo   Spirito   Santo,   come   l'espressione   e   la   dolcezza del   viso.    Cerchiamo   di   scoprire   ciò   che   ha   più   valore,   se   vogliamo   frequentare   un   corso   di   specializzazione   e   non rimanere   fermi   alla   prima   elementare.   E’   cosa   intelligente   pregare   per   le   intenzioni   della   Madonna,   così   lei   si   presenta davanti   al   Signore   a   intercedere   per   noi,   purissima,   senza   i   peccati   e   i   difetti   che   ci   contornano.   Tutta   la   sua   vita   è   stata una   carità   continua,   ha   accettato   le   ingiustizie   e   i   dolori   più   grandi   per   carità,   per   amore   e   li   ha   offerti   al   Signore. Amiamoci così come siamo, con i nostri difetti, facendo la gara a vantarci.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La cellula celeste
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Il   Signore   desidera   che   abbiamo   a   perfezionare   il nostro   lato   comportamentale,   perché   in   noi   ci sono   dei   meccanismi   che   solo   Lui   conosce.   Qual è   la   molla   che   ci   fa   rendere   di   più?   In   tutti   gli ambiti    sociali,    sportivi,    lavorativi,    per    dare    il meglio   di   sé   devono   esserci   certe   condizioni   che favoriscono   la   concentrazione.   Come   un   bambino piccolo   trova   il   suo   equilibrio   toccando   la   federa di   un   cuscino   o   un   orsacchiotto,   così   da   grandi abbiamo     bisogno     di     un     qualcosa,     di     un espediente,    per    liberare    la    nostra    psiche.    I presupposti     per     rendere     spiritualmente     al massimo   ce   li   ha   indicati   il   Signore   ancor   prima che    nascessimo,    ci    ha    detto    come    dobbiamo comportarci   e   camminare,   ma   a   noi   sembra   che voglia   castigarci   in   continuazione.   La   nostra   vita spirituale     potrebbe     avere     un     cambiamento evidente,   nel   momento   in   cui   lasciamo   entrare dentro   di   noi   quella   cellula   celeste    che   viene dal   cielo   e   fa   muovere   tutte   le   nostre   azioni.   Il Signore   ha   dato   a   tutti   questo   potenziale,   ma non   ci   rendiamo   conto   di   averlo   perché   usiamo   la ragione    per    ottenere    vantaggi    personali.    E’ l’errore   di   tutti   i   popoli   e   di   tutte   le   generazioni, che   ha   impedito   al   nostro   carisma   di   fuoriuscire. Il    cristiano    deve    capire    che    per    dare    il meglio   di   sé   deve   creare   un   certo   ambiente e    lo    può    fare    solamente    con    la     carità . Leggendo   la   Bibbia   non   ci   può   sfuggire   che   il Signore    ha    sempre    ripreso    i    popoli    dal    lato comportamentale,     perché     ha     un'importanza immensa;    parla    delle    nostre    mancanze,    ma soprattutto   della   disubbidienza,   della   prepotenza e    dell'arroganza    dell'uomo.    Perché    facciamo    il contrario   di   quello   che   il   Signore   ci   chiede?   La nostra    prestazione    spirituale    viene    penalizzata perché   non   c'è   la   disponibilità   ad   ubbidire,   ma   c'è la   disponibilità   a   farsi   ubbidire,   che   è   diverso.   La Madonna    ci    dà    i    suoi    suggerimenti    non    per imporceli,   mentre   noi   quando   parliamo   in   nome di   Dio   diciamo:   " Tu   devi   fare ";   se   il   Signore   usa tanta   dolcezza   e   misericordia,   perché   dobbiamo alterare   l'elemento   che   fa   ottenere   di   più   alle altre    persone?    Come    una    mandria    di    cavalli selvatici,   ci   lasciamo   sospingere   dall'istinto   e   il Signore    ci    lascia    andare,    ma    ci    doma    piano piano;    non    doma    tutto    il    branco,    solo    quelli disponibili    a    rendersi    docili.    Allora    quei    cavalli danno    il    massimo    e    garantiscono    la    migliore prestazione,     mentre     quelli     indomabili     sono inquadrati     in     un     certo     modo     e     non     si smuoveranno   mai.   L'elemento   che   ci   può   fare rendere    di    più    e    garantire    il    maggiore equilibrio       psicofisico       è       il       cammino spirituale,       se   è   fatto   in   una   certa   condizione.   È un   toccasana   sotto   tutti   i   profili,   perché   innesca quella   cellula   celeste   che   abbiamo   dentro   di   noi, che   solo   il   Signore   sa   come   potremmo   attivare. Per   offrirci   in   una   misura   meravigliosa   dobbiamo essere   liberi,   non   obbligati,   altrimenti   non   siamo autentici   e   alla   prima   difficoltà   cade   la   nostra   vita spirituale.   La   quantità   di   preghiere   deve   venire sulla   base   di   quanto   amiamo   Dio.   Se   lo   amiamo la   cosa   più   logica   è   quella   di   andare   nella   sua casa     in     chiesa,     di     pregare,     di     riceverlo nell'eucaristia,    di    fare    tutto    quello    che    gli    è gradito.   Il   Signore   e   la   Madonna   non   ci   possono obbligare   a   fare   questo,   perché   non   è   amore. Dobbiamo   comprendere   che   le   prove   più   dure capitano    proprio    a    noi    cristiani;    se    abbiamo paura   di   questo   è   perché   siamo   in   difetto,   non abbiamo   capito   che   affrontando   ogni   situazione con   il   Signore,   il   peso   è   più   leggero.   A   livello umano    c'è    un    limite    a    tutto,    ma    a    quello spirituale   no,   la   fede   è   una   crescita   continua   e quando    si    trova    una    verità,    bisogna    cercarla ancora   perché   ce   n'è   una   più   profonda.   Ci   deve dispiacere     che     l'uomo     spreca     la     sua     vita spirituale,   perché   disperde   la   vera   gioia,   l'amore, ciò   che   elimina   tutti   i   problemi   del   mondo.   Nella natura     ci     sono     le     erbe     necessarie     per guarire    tutte    le    malattie    fisiche,    comprese anche   quelle      “inguaribili”,    ma   nessuno   di   noi   si inchina   davanti   al   Signore   chiedendo   di   fargliele scoprire.    Con   l’ubbidienza   a   Dio   inneschiamo meccanismi       che       sprigionano       amore, disponibilità,             mitezza,             dolcezza ; diversamente   non   fuoriesce   nulla   e   non   rendiamo al    massimo.    Se    i    potenti    del    mondo    nei    loro grandi     discorsi     avessero     unito     l'umiltà     e l'ubbidienza,   avrebbero   coinvolto   i   popoli   invece di   metterli   uno   contro   l'altro.   La   base   portante   di tutto   il   mondo   cristiano   è   la   fede,   la   speranza   e la    carità:    le    prime    due    alla    fine    della    nostra esperienza   terrena   svaniranno   davanti   alla   verità, mentre    rimarrà    al    di    sopra    di    tutto    la    carità. Perché   vogliamo   che   rimanga   tutt'altra   cosa?   La carità   ce   l'ha   insegnata   Gesù   che,   pur   avendo   il potere   su   tutti,   si   era   messo   al   servizio   degli altri.   Noi   siamo   al   servizio   del   fratello   o   vogliamo che   il   fratello   si   convinca   della   nostra   ragione? Siamo   sicuri   di   compiacere   il   Signore   per   averci scelti   come   strumenti,   se   in   noi   manca   la   base più importante, la carità  e l'umiltà? l'origine di tutti peccati                                  la fonte di tutte le grazie  Chi   di   noi   è   a   disposizione   del   proprio   fratello, non   per   compatirlo   o   per   gloriarsene?   La   cosa che   ci   fa   avere   il   massimo   dei   risultati   è   più semplice,    la    carità,    che    non    ci    costa    niente: metterci   al   servizio   del   fratello   e   rendergli   la   vita il   più   gradevole   possibile.   Certo,   non   possiamo risolvere   i   problemi   di   tutti,   ma   dov’è   la   carità,   se vogliamo   “farci   le   scarpe”   gli   uni   con   gli   altri   per ottenere   i   vantaggi   migliori?   I   figli   delle   tenebre sono   scaltri,   ma   quelli   della   luce   lo   sono   ancor   di più   se   riescono   ad   innescare   certi   meccanismi.   Il Signore   ci   mette   nella   condizione   di   poter   anche dubitare    delle    rivelazioni    che    ci    fa    attraverso Roberto,   ma   se   saremo   semplici   e   umili   potremo decidere    da    che    parte    stare    e    vivere    con coerenza   la   nostra   scelta.   Nel   momento   in   cui daremo   il   massimo   come   persone   spirituali, non     convinceremo     con     le     parole,     ma attraverso   cose   impercettibili   che   vengono dallo   Spirito   Santo,   come   l'espressione   e   la dolcezza   del   viso.    Cerchiamo   di   scoprire   ciò   che ha   più   valore,   se   vogliamo   frequentare   un   corso di    specializzazione    e    non    rimanere    fermi    alla prima   elementare.   E’   cosa   intelligente   pregare per    le    intenzioni    della    Madonna,    così    lei    si presenta    davanti    al    Signore    a    intercedere    per noi,   purissima,   senza   i   peccati   e   i   difetti   che   ci contornano.   Tutta   la   sua   vita   è   stata   una   carità continua,   ha   accettato   le   ingiustizie   e   i   dolori   più grandi   per   carità,   per   amore   e   li   ha   offerti   al Signore.   Amiamoci   così   come   siamo,   con   i   nostri difetti, facendo la gara a vantarci.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile