Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Il   Signore   ha   creato   prima   l'acqua   o   il   vapore   acqueo,   l'ossigeno   o   le   piante?   E’   una   battaglia   persa   pensare   di   conoscere cose   inspiegabili,   la   vinciamo   solo   quando   amiamo   e   crediamo.   Dopo   aver   chiesto   a   Gesù   di   intervenire   sui   mali   del mondo,   Roberto   si   sentì   rispondere:    "Invece   di   chiederlo   fallo   tu" .   Tante   situazioni   possiamo   risolverle   noi,   incominciamo a   non   crearle,   ad   amare   il   nostro   vicino,   a   piegare   il   nostro   orgoglio.   Dobbiamo   capire   che   l'elemento   principale   che accende   di   energia   il   mondo   è   l'amore,   quello   gratuito,   quello   che   non   ha   bisogno   di   un   riscontro.   Per   egoismo   e   superbia l'uomo   è   più   predisposto   a   difendere   la   sua   ragione   che   ad   ammettere   i   propri   errori,   ma   come   pensiamo   di   uscire indenni   da   un   esame   coscienza?   Siamo   più   affezionati   alla   parola   di   Dio   o   alle   devozioni?   Gesù   ha   fatto   conoscere   a Roberto   che   si   può   essere   poco   cattolici   e   molto   cristiani,    dipende   dal   carattere.   San   Pietro   era   molto   istintivo eppure   la   Chiesa   è   stata   fondata   su   di   lui.   Non   dobbiamo   snaturarci   e   apparire   dolci   quando   dentro   siamo   serpenti.   A cosa   serve?   Tante   persone   sono   molto   cattoliche   ma   di   cristiano   hanno   ben   poco,   basano   tutto   sulla   preghiera,   sulle devozioni,   sul   rituale,   si   applicano   alle   regole   come   i   farisei   però   si   dimenticano   del   resto.   È   più   facile   essere   così.   Chi   è molto   cristiano   accetta   le   difficoltà   e   le   ingiustizie,   non   critica   e   non   giudica,   ma   è   poco   credibile   agli   occhi   del   mondo. Anche   quando   è   salita   in   cielo   la   Madonna   si   è   sempre   ricordata   di   noi,   non   ha   bisogno   di   tutte   le   nostre   "filastrocche"   di intenzioni.   Siamo   noi   che   ci   disinteressiamo   degli   altri.   Il   mondo   conosce   Maria   Santissima   solo   come   elemento   di soluzione   dei   propri   problemi,   preghiamo   soltanto   per   un   lutto   o   una   sofferenza   e   non   per   ciò   che   il   Signore   ci   concede   di avere.   La   preghiera   non   va   rattristata,   chi   ci   impedisce   di   pregare   perché   abbiamo   un   conto   in   banca   o   un   oggetto   che   ci rende   felici?   Dobbiamo   pregare   per   i   nemici,   cioè   anche   per   noi   stessi   perché   davanti   a   Dio   anche   noi   siamo   nemici   di qualcuno.   Tante   malattie   provengono   dallo   scompenso   psico-fisico   dovuto   alla   rabbia   e   alla   cattiveria,   è   meglio   andare a   letto   avendo   ricevuto   un’ingiustizia   che   con   la   coscienza   sporca.   Lo   scansafatiche   si   lamenta   per   qualsiasi lavoro,   mentre   chi   ha   buona   volontà   è   contento   di   fare   qualunque   cosa.   Così   nel   mondo   cristiano   ci   sono   persone   che vogliono   profitti   immeritati,   confidano   solo   nella   misericordia   di   Dio   invece   di   mettersi   in   discussione.   Chi   bleffa   non   ha nessuna   possibilità   di   vincere,   dobbiamo   essere   quello   che   siamo,   né   più   né   meno,   senza   invidiare   chi   è   meglio   di   noi.   E avere   tanta   pazienza.   Quelli   che   si   lamentano   di   più   sono   certi   cattolici   che   dicono   di   aver   avuto   la   conversione,   il miracolo,   il   carisma.   Abbiamo   mai   provato   i   morsi   della   fame,   del   freddo,   del   caldo,   della   sopravvivenza?   Non   dobbiamo incolpare   il   Signore   se   siamo   scontenti   e   incapaci   di   gestire   la   nostra   vita,   chi   non   prende   la   sua   croce   non   può   seguire Gesù.   Dov'è   la   gioia   dei   cristiani?   Ogni   volta   che   sorge   il   sole   potremmo   migliorarci   e   aumentare   la   conoscenza   della nostra   superbia,   perché   solo   il   Signore   sa   quanto   siamo   umili   o   superbi.   Come   si   può   dire   che   la   preghiera   può   tutto?   Se ci   rendessimo   conto   di   come   stiamo   pregando   e   di   come   stiamo   vivendo,   saremmo   rattristati   per   aver   mancato   di rispetto   alla   Regina   delle   regine.   A   quale   vangelo   ci   siamo   acculturati?   Ci   stanno   facendo   impoverire   anche   sotto   il   profilo economico   così   siamo   più   inclini   ad   allontanarci   da   Dio.   Questa   è   una   prova.   In   passato   ci   siamo   lasciati   prendere dall'egoismo,   dagli   interessi   e   la   situazione   di   oggi   è   colpa   dei   nostri   peccati,   del   tenore   di   vita   che   abbiamo   voluto.   Chi   ci ha   messo   in   testa   di   volere   solo   i   diritti?   Una   volta   le   colpe   dei   padri   ricadevano   sui   figli,   ora   gli   errori   dei   figli   ricadono sui   padri   che   non   possono   più   godersi   la   pensione.   Dopo   l'esperienza   della   colomba   bianca   dove   le   attività   cerebrali   di Roberto   si   sono   fermate,   i   suoi   occhi   non   erano   più   gli   stessi   e   il   suo   cuore   batteva   con   altri   sentimenti.   Si   è   reso   conto che   amare   è   come   bere   un   bicchiere   d'acqua   e   che   tutti   siamo   stati   creati   con   queste   caratteristiche.   Dobbiamo   togliere gli   ostacoli   che   ci   impediscono   di   abbandonarci   totalmente   a   Dio,   cioè   le   nostre   lamentele   e   i   nostri   modi   di   dissentire   dal comportamento   degli   altri.   Nei   suoi   primi   anni   di   vita   il   bambino   non   si   lamenta   di   quello   che   riceve   dalla   mamma,   noi davanti   al   Dio   creatore   stiamo   facendo   la   figura   dei   neonati   che   si   lamentano.   Lasciamo   stare   le   nostre   tristezze,   le rabbie   e   le   angosce,   perché   con   questi   sentimenti   facciamo   soffrire   altre   persone.   Dio   ci   chiede   l'obbedienza   non   di valutare   i   suoi   comandamenti.   Con   quale   spirito   santifichiamo   le   feste?   Chi   si   lamenta   del   male   ricevuto   non   si   è rappacificato   con   il   fratello,   chi   ha   perdonato   e   accettato   il   nemico   si   guadagna   il   regno   di   Dio.   Siamo   avidi   anche   quando c'è   da   far   dire   una   messa   per   un   nostro   caro.   Se   la   nostra   fede   è   aumentata   vediamo   il   prete   con   altri   occhi,   lo adoriamo,   lo   amiamo,   capiamo   le   sue   parole   in   modo   diverso   e   non   siamo   più   pronti   alla   polemica   nei   suoi   confronti.   A volte   il   Signore   ci   mette   vicino   le   persone   più   detestabili   per   vedere   se   superiamo   la   prova   dell'amore.   Ci   riteniamo   figli di   Dio   o   padroni   di   noi   stessi?    Se   vogliamo   far   piacere   alla   Madonna   accettiamo   di   più   le   ingiustizie,   sarà   la   chiave   che ci   apre   tutte   le   porte   come   la   croce   (che   spesso   è   causa   del   nostro   orgoglio   e   dei   nostri   errori).   Vivremo   meglio   anche   su questa terra.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Cattolici o cristiani?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
  Il   Signore   ha   creato   prima   l'acqua   o   il   vapore acqueo,   l'ossigeno   o   le   piante?   E’   una   battaglia persa   pensare   di   conoscere   cose   inspiegabili,   la vinciamo   solo   quando   amiamo   e   crediamo.   Dopo aver   chiesto   a   Gesù   di   intervenire   sui   mali   del mondo,   Roberto   si   sentì   rispondere:    "Invece   di chiederlo    fallo    tu" .    Tante    situazioni    possiamo risolverle   noi,   incominciamo   a   non   crearle,   ad amare    il    nostro    vicino,    a    piegare    il    nostro orgoglio.     Dobbiamo     capire     che     l'elemento principale    che    accende    di    energia    il    mondo    è l'amore,    quello    gratuito,    quello    che    non    ha bisogno   di   un   riscontro.   Per   egoismo   e   superbia l'uomo    è    più    predisposto    a    difendere    la    sua ragione   che   ad   ammettere   i   propri   errori,   ma come   pensiamo   di   uscire   indenni   da   un   esame coscienza?   Siamo   più   affezionati   alla   parola   di Dio   o   alle   devozioni?   Gesù   ha   fatto   conoscere   a Roberto   che   si    può    essere    poco    cattolici    e molto    cristiani,     dipende    dal    carattere.    San Pietro   era   molto   istintivo   eppure   la   Chiesa   è   stata fondata    su    di    lui.    Non    dobbiamo    snaturarci    e apparire   dolci   quando   dentro   siamo   serpenti.   A cosa   serve?   Tante   persone   sono   molto   cattoliche ma   di   cristiano   hanno   ben   poco,   basano   tutto sulla    preghiera,    sulle    devozioni,    sul    rituale,    si applicano    alle    regole    come    i    farisei    però    si dimenticano   del   resto.   È   più   facile   essere   così. Chi   è   molto   cristiano   accetta   le   difficoltà   e   le ingiustizie,   non   critica   e   non   giudica,   ma   è   poco credibile   agli   occhi   del   mondo.   Anche   quando   è salita   in   cielo   la   Madonna   si   è   sempre   ricordata   di noi,     non     ha     bisogno     di     tutte     le     nostre "filastrocche"    di    intenzioni.    Siamo    noi    che    ci disinteressiamo    degli    altri.    Il    mondo    conosce Maria     Santissima     solo     come     elemento     di soluzione      dei      propri      problemi,      preghiamo soltanto   per   un   lutto   o   una   sofferenza   e   non   per ciò    che    il    Signore    ci    concede    di    avere.    La preghiera   non   va   rattristata,   chi   ci   impedisce   di pregare   perché   abbiamo   un   conto   in   banca   o   un oggetto   che   ci   rende   felici?   Dobbiamo   pregare per   i   nemici,   cioè   anche   per   noi   stessi   perché davanti     a     Dio     anche     noi     siamo     nemici     di qualcuno.     Tante     malattie     provengono     dallo scompenso   psico-fisico   dovuto   alla   rabbia   e   alla cattiveria,    è    meglio    andare    a    letto    avendo ricevuto   un’ingiustizia   che   con   la   coscienza sporca.   Lo   scansafatiche   si   lamenta   per   qualsiasi lavoro,   mentre   chi   ha   buona   volontà   è   contento di   fare   qualunque   cosa.   Così   nel   mondo   cristiano ci   sono   persone   che   vogliono   profitti   immeritati, confidano   solo   nella   misericordia   di   Dio   invece   di mettersi    in    discussione.    Chi    bleffa    non    ha nessuna   possibilità   di   vincere,   dobbiamo   essere quello    che    siamo,    né    più    né    meno,    senza invidiare    chi    è    meglio    di    noi.    E    avere    tanta pazienza.   Quelli   che   si   lamentano   di   più   sono certi    cattolici    che    dicono    di    aver    avuto    la conversione,   il   miracolo,   il   carisma.   Abbiamo   mai provato   i   morsi   della   fame,   del   freddo,   del   caldo, della   sopravvivenza?   Non   dobbiamo   incolpare   il Signore   se   siamo   scontenti   e   incapaci   di   gestire la   nostra   vita,   chi   non   prende   la   sua   croce   non può   seguire   Gesù.   Dov'è   la   gioia   dei   cristiani? Ogni   volta   che   sorge   il   sole   potremmo   migliorarci e     aumentare     la     conoscenza     della     nostra superbia,   perché   solo   il   Signore   sa   quanto   siamo umili    o    superbi.    Come    si    può    dire    che    la preghiera   può   tutto?   Se   ci   rendessimo   conto   di come     stiamo     pregando     e     di     come     stiamo vivendo,   saremmo   rattristati   per   aver   mancato   di rispetto   alla   Regina   delle   regine.   A   quale   vangelo ci      siamo      acculturati?      Ci      stanno      facendo impoverire   anche   sotto   il   profilo   economico   così siamo   più   inclini   ad   allontanarci   da   Dio.   Questa   è una   prova.   In   passato   ci   siamo   lasciati   prendere dall'egoismo,    dagli    interessi    e    la    situazione    di oggi   è   colpa   dei   nostri   peccati,   del   tenore   di   vita che   abbiamo   voluto.   Chi   ci   ha   messo   in   testa   di volere   solo   i   diritti?   Una   volta   le   colpe   dei   padri ricadevano   sui   figli,   ora   gli   errori   dei   figli   ricadono sui    padri    che    non    possono    più    godersi    la pensione.   Dopo   l'esperienza   della   colomba   bianca dove    le    attività    cerebrali    di    Roberto    si    sono fermate,   i   suoi   occhi   non   erano   più   gli   stessi   e   il suo   cuore   batteva   con   altri   sentimenti.   Si   è   reso conto    che    amare    è    come    bere    un    bicchiere d'acqua   e   che   tutti   siamo   stati   creati   con   queste caratteristiche.   Dobbiamo   togliere   gli   ostacoli   che ci   impediscono   di   abbandonarci   totalmente   a   Dio, cioè    le    nostre    lamentele    e    i    nostri    modi    di dissentire   dal   comportamento   degli   altri.   Nei   suoi primi   anni   di   vita   il   bambino   non   si   lamenta   di quello   che   riceve   dalla   mamma,   noi   davanti   al Dio   creatore   stiamo   facendo   la   figura   dei   neonati che    si    lamentano.    Lasciamo    stare    le    nostre tristezze,    le    rabbie    e    le    angosce,    perché    con questi   sentimenti   facciamo   soffrire   altre   persone. Dio   ci   chiede   l'obbedienza   non   di   valutare   i   suoi comandamenti.   Con   quale   spirito   santifichiamo   le feste?   Chi   si   lamenta   del   male   ricevuto   non   si   è rappacificato   con   il   fratello,   chi   ha   perdonato   e accettato   il   nemico   si   guadagna   il   regno   di   Dio. Siamo   avidi   anche   quando   c'è   da   far   dire   una messa   per   un   nostro   caro.   Se   la   nostra   fede   è aumentata   vediamo   il   prete   con   altri   occhi,   lo adoriamo,   lo   amiamo,   capiamo   le   sue   parole   in modo    diverso    e    non    siamo    più    pronti    alla polemica   nei   suoi   confronti.   A   volte   il   Signore   ci mette   vicino   le   persone   più   detestabili   per   vedere se   superiamo   la   prova   dell'amore.   Ci   riteniamo figli    di    Dio    o    padroni    di    noi    stessi?     Se vogliamo   far   piacere   alla   Madonna   accettiamo   di più   le   ingiustizie,   sarà   la   chiave   che   ci   apre   tutte le   porte   come   la   croce   (che   spesso   è   causa   del nostro    orgoglio    e    dei    nostri    errori).    Vivremo meglio anche su questa terra. Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi   sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile