Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Non   è   angelica   modestia,   né   umiltà   profonda   far   pesare   i   favori   che   tante   volte   facciamo   agli   altri.   Il   Signore   non   fa   così con   noi.   Nei   fatti   di   cronaca   sta   uscendo   la   malignità   che   c'è   nel   cuore   dell'uomo,   la   stessa   di   chi   fa   polemiche,   critica   e giudica.   Le   nostre   parole   possono   servire   a   convincere   gli   uomini   non   Dio.   Chi      conosce   l'infinito?   Le   prove   della   nostra vita   non   dovrebbero   mai   offuscare   il   meraviglioso   progetto   di   cui   facciamo   parte,   eppure   basta   che   una   persona   si comporti   in   un   modo   non   corretto   con   noi,   per   farci   chiudere   gli   occhi   davanti   ad   esso.   Come   possiamo   stupirci   con   uno stato   d'animo   offeso,   permaloso?   Senza   Dio   nel   cuore   finiremo   per   essere   presi   dalla   ragione   umana   e   comportarci sempre   con   un   sentimento   di   ribellione.   Nessuno    ha    saputo    i    tempi    in    cui    dovevano    realizzarsi    i    prodigi meravigliosi   del   Signore   su   questa   terra .   I   profeti   annunciano   a   tutte   le   genti,   e   non   a   pochi   intimi,   profezie   a   loro sconosciute   fino   al   momento   prima   di   rivelarle.   Perché   noi   pensiamo   di   conoscere   la   data   precisa   in   cui   si   verificheranno certe   cose?   Nemmeno   sant'Anna   sapeva   dell'Immacolata   Concezione,   un   prodigio   preannunciato   di   altissimo   livello.   Non solo   siamo   dei   "creduloni",   ma   illudiamo   anche   gli   altri   di   cose   che   non   sono   neanche   sul   Vangelo.   Oggi   ci   sono   messaggi in   abbondanza   che   avverrà   questo   o   quell'altro ”,   ma   servono   solo   a   dividere.   Il   Signore   e   la   Madonna   non   suggeriranno mai   ad   altri   un   elemento   o   un   intrigo   oggetto   di   critica,   addirittura   di   un   cardinale   o   del   Papa.   Troppe   rivelazioni   private infrangono   il   secondo   comandamento,   sono   servite   soltanto   a   fare   scontrare   sacerdoti   e   suore   nelle   loro   comunità.   La rivelazione   c'è   stata   ma   è   divina?   Abbiamo   subito   una   pressione   martellante   di   calunnie,   provocazioni,   critiche   e polemiche,   persino   i   gruppi   di   preghiera   sono   diventati   covi   di   contestatori.   Perché   dentro   di   noi   impera   quella   voglia   di maldicenza   che   ci   fa   rompere   l'alleanza   con   Dio?   Uno   solo   è   il   Giudice   e   il   Legislatore,   non   ci   ha   affidato   la   missione   di andare   a   scoprire   i   difetti   dei   nostri   fratelli.   Come   si   può   sostenere   una   verità   privata   a   scapito   del   Vangelo?   La   parola   di Dio non viene a metterci uno contro l'altro, non cadiamo mai  in questo inghippo.  L'UOMO DI BENE CAMMINA SUI CARBONI ARDENTI Coloro   che   più   si   allontanano   da   Dio   sono   quelli   che   pensano   di   sostenerlo   e   non   conoscono   le   Scritture   nella   giusta misura.   Chi   ha   Dio   nel   cuore   davanti   ad   una   prova   difficile?   Il   Signore   ci   dice   di   perdonare   per   non   farci   provocare   e innescare   più   violenza   e   rabbia   di   quella   che   stiamo   subendo.   Quando   uno   parla   di   bene   attiva   forze   sconosciute   del male   che   gli   mette   contro   tante   persone.   Purtroppo   sono   più   uniti   due   ubriachi,   due   drogati   o   due   adulteri   che   due cristiani,   perché   si   sostengono   a   vicenda.   Risolviamo   i   problemi   di   casa   nostra,   non   usiamoli   come   pretesto   per assecondare   le   nostre   dipendenze,   dobbiamo   essere   solidali   con   le   sofferenze   che   abbiamo   portato   verso   i   nostri familiari.   Consoliamoli   invece   di   condannarli   per   le   nostre   vigliaccate.   Il   troppo   permissivismo   è   come   un'apertura   alla libertà   d'azione,   ma   non   sappiamo   a   chi   abbiamo   dato   fiducia.   La   preghiera   non   può   colmare   tutto   il   nostro   disordine, certo   ha   il   suo   valore,   ma   perché   non   facciamo   qualcosa   in   più   per   meritarci   la   misericordia   di   Dio?   E   mai   possibile   che quando   abbiamo   la   parola   condanniamo   il   fratello   come   se   fossimo   dei   “tiratori   scelti”?   Addossiamoci   anche   colpe   non nostre   e   vedremo   il   cambiamento   negli   altri.   Appena   punzecchiamo   una   persona   che   non   è   di   bene,   ci   ribalta   la situazione   e   ci   mostra   che   siamo   noi   la   "mela   marcia".   Queste   esagerazioni   comportamentali   ci   fanno   capire   chi   abbiamo davanti   anche   se   si   propone   come   il   migliore:   proviamo   a   toccarla   dove   è   riuscita   a   nascondere   la   sua   malizia, portiamola   in   evidenza,   e   ne   usciremo   sconfitti.   Andiamo   a   riprendere   un   ubriaco   o   una   persona   maldicente,   vedremo subito   che   ha   pronte   tutte   le   parole   di   un   progetto   di   difesa.   La   persona   di   bene   è   pura   e   integra,   si   trova   spaesata davanti   a   un'offesa   e   non   può   neanche   proteggersi   perché   non   ha   malizie   da   nascondere.   Deve   soccombere   e   portare   a casa   il   torto   anche   quando   ha   ragione.   Se   risponde   con   veemenza   va   tutto   contro   di   lui.   Perciò    non   facciamoci provocare,   accettiamo   il   male   quando   siamo   messi   alla   prova,   impariamo   a   dominare   la   nostra   istintività.   Parlare   di   pace   al   giorno   d'oggi   è   come   una   dichiarazione   di   guerra,   non   troveremo   onorificenze   o   riconoscimenti.   La conferma   più   bella   di   un   degno   operatore   di   pace   è   quella   di   saper   accettare   il   male,   l'ingiustizia,   le   umiliazioni,   le   falsità e   ne   uscirà   sempre   vittorioso   con   la   serenità   nel   cuore.   Chi   contesta   coloro   che   provocano,   cade   nella   trappola   di   Satana. Gli   operatori   di   pace   aspettando   il   momento   buono   per   parlare   quando   la   gente   si   è   calmata,   non   reagiscono   mai   subito perché   sono   impreparati   e   direbbero   cose   che   non   esistono   nel   loro   vocabolario.   La   persona   umile   contro   l'arrogante ha   tutto   da   rimetterci,   come   la   persona   intelligente   contro   l'ignorante.    Quanti   confermano   i   doni   dello   Spirito Santo   che   sono:   amore,   gioia,   pace,   pazienza,   benevolenza,   bontà,   fedeltà,   mitezza,   dominio   di   sé?   Chi   si   sa   controllarsi davanti   alla   prova   più   crudele   della   sua   vita?   Se   siamo   operatori   di   dolcezza   non   possiamo   vendere   il   fiele   che   è   amaro, ma   il   miele.   Possiamo   gestire   anche   gli   impulsi   sessuali   se   siamo   in   grazia   di   Dio,   il   Signore   non   ha   fatto   la   sua   creatura più   bella   in   balia   di   qualcosa   di   più   forte.   Invece   sosteniamo   il   contrario   per   assecondare   i   desideri   della   carne,   diciamo che   “siamo   umani”   per   giustificarci.   Possiamo   essere   anche   forti   proprio   perché   umani   e   avere   il   dominio   di   .   Non pensiamo che le confidenze di Maria Santissima dal monte Misma siano il frutto di ragionamenti umani.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
No a rivelazioni oggetto di critica
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Non   è   angelica   modestia,   né   umiltà   profonda   far pesare   i   favori   che   tante   volte   facciamo   agli   altri. Il   Signore   non   fa   così   con   noi.   Nei   fatti   di   cronaca sta    uscendo    la    malignità    che    c'è    nel    cuore dell'uomo,   la   stessa   di   chi   fa   polemiche,   critica   e giudica.    Le    nostre    parole    possono    servire    a convincere    gli    uomini    non    Dio.    Chi        conosce l'infinito?     Le     prove     della     nostra     vita     non dovrebbero      mai      offuscare      il      meraviglioso progetto   di   cui   facciamo   parte,   eppure   basta   che una   persona   si   comporti   in   un   modo   non   corretto con   noi,   per   farci   chiudere   gli   occhi   davanti   ad esso.    Come    possiamo    stupirci    con    uno    stato d'animo   offeso,   permaloso?   Senza   Dio   nel   cuore finiremo   per   essere   presi   dalla   ragione   umana   e comportarci     sempre     con     un     sentimento     di ribellione.   Nessuno   ha   saputo   i   tempi   in   cui dovevano   realizzarsi   i   prodigi   meravigliosi del     Signore     su     questa     terra .     I     profeti annunciano   a   tutte   le   genti,   e   non   a   pochi   intimi, profezie    a    loro    sconosciute    fino    al    momento prima    di    rivelarle.    Perché    noi    pensiamo    di conoscere   la   data   precisa   in   cui   si   verificheranno certe      cose?      Nemmeno      sant'Anna      sapeva dell'Immacolata       Concezione,       un       prodigio preannunciato   di   altissimo   livello.   Non   solo   siamo dei   "creduloni",   ma   illudiamo   anche   gli   altri   di cose   che   non   sono   neanche   sul   Vangelo.   Oggi   ci sono    messaggi    in    abbondanza    che    avverrà questo   o   quell'altro ”,   ma   servono   solo   a   dividere. Il   Signore   e   la   Madonna   non   suggeriranno   mai   ad altri   un   elemento   o   un   intrigo   oggetto   di   critica, addirittura   di   un   cardinale   o   del   Papa.   Troppe rivelazioni      private      infrangono      il      secondo comandamento,    sono    servite    soltanto    a    fare scontrare   sacerdoti   e   suore   nelle   loro   comunità. La   rivelazione   c'è   stata   ma   è   divina?   Abbiamo subito    una    pressione    martellante    di    calunnie, provocazioni,    critiche    e    polemiche,    persino    i gruppi     di     preghiera     sono     diventati     covi     di contestatori.   Perché   dentro   di   noi   impera   quella voglia   di   maldicenza   che   ci   fa   rompere   l'alleanza con   Dio?   Uno   solo   è   il   Giudice   e   il   Legislatore, non    ci    ha    affidato    la    missione    di    andare    a scoprire   i   difetti   dei   nostri   fratelli.   Come   si   può sostenere    una    verità    privata    a    scapito    del Vangelo?   La   parola   di   Dio   non   viene   a   metterci uno   contro   l'altro,   non   cadiamo   mai      in   questo inghippo.  L'UOMO DI BENE CAMMINA SUI CARBONI ARDENTI Coloro   che   più   si   allontanano   da   Dio   sono   quelli che   pensano   di   sostenerlo   e   non   conoscono   le Scritture    nella    giusta    misura.    Chi    ha    Dio    nel cuore   davanti   ad   una   prova   difficile?   Il   Signore   ci dice    di    perdonare    per    non    farci    provocare    e innescare    più    violenza    e    rabbia    di    quella    che stiamo   subendo.   Quando   uno   parla   di   bene   attiva forze   sconosciute   del   male   che   gli   mette   contro tante    persone.    Purtroppo    sono    più    uniti    due ubriachi,    due    drogati    o    due    adulteri    che    due cristiani,     perché     si     sostengono     a     vicenda. Risolviamo     i     problemi     di     casa     nostra,     non usiamoli    come    pretesto    per    assecondare    le nostre   dipendenze,   dobbiamo   essere   solidali   con le   sofferenze   che   abbiamo   portato   verso   i   nostri familiari.   Consoliamoli   invece   di   condannarli   per le   nostre   vigliaccate.   Il   troppo   permissivismo   è come   un'apertura   alla   libertà   d'azione,   ma   non sappiamo     a     chi     abbiamo     dato     fiducia.     La preghiera    non    può    colmare    tutto    il    nostro disordine,   certo   ha   il   suo   valore,   ma   perché   non facciamo     qualcosa     in     più     per     meritarci     la misericordia   di   Dio?   E   mai   possibile   che   quando abbiamo   la   parola   condanniamo   il   fratello   come se    fossimo    dei    “tiratori    scelti”?    Addossiamoci anche      colpe      non      nostre      e      vedremo      il cambiamento   negli   altri.   Appena   punzecchiamo una   persona   che   non   è   di   bene,   ci   ribalta   la situazione   e   ci   mostra   che   siamo   noi   la   "mela marcia".   Queste   esagerazioni   comportamentali   ci fanno   capire   chi   abbiamo   davanti   anche   se   si propone   come   il   migliore:   proviamo   a   toccarla dove    è    riuscita    a    nascondere    la    sua    malizia, portiamola   in   evidenza,   e   ne   usciremo   sconfitti. Andiamo   a   riprendere   un   ubriaco   o   una   persona maldicente,   vedremo   subito   che   ha   pronte   tutte le   parole   di   un   progetto   di   difesa.   La   persona   di bene   è   pura   e   integra,   si   trova   spaesata   davanti a    un'offesa    e    non    può    neanche    proteggersi perché    non    ha    malizie    da    nascondere.    Deve soccombere    e    portare    a    casa    il    torto    anche quando   ha   ragione.   Se   risponde   con   veemenza va   tutto   contro   di   lui.   Perciò    non   facciamoci provocare,   accettiamo   il   male   quando   siamo messi   alla   prova,   impariamo   a   dominare   la nostra    istintività.     Parlare    di    pace    al    giorno d'oggi   è   come   una   dichiarazione   di   guerra,   non troveremo     onorificenze     o     riconoscimenti.     La conferma   più   bella   di   un   degno   operatore   di   pace è   quella   di   saper   accettare   il   male,   l'ingiustizia,   le umiliazioni,     le     falsità     e     ne     uscirà     sempre vittorioso   con   la   serenità   nel   cuore.   Chi   contesta coloro    che    provocano,    cade    nella    trappola    di Satana.    Gli    operatori    di    pace    aspettando    il momento   buono   per   parlare   quando   la   gente   si   è calmata,   non   reagiscono   mai   subito   perché   sono impreparati   e   direbbero   cose   che   non   esistono nel   loro   vocabolario.   La   persona   umile   contro l'arrogante   ha   tutto   da   rimetterci,   come   la persona     intelligente     contro     l'ignorante.   Quanti   confermano   i   doni   dello   Spirito   Santo   che sono:   amore,   gioia,   pace,   pazienza,   benevolenza, bontà,   fedeltà,   mitezza,   dominio   di   sé?   Chi   si   sa controllarsi   davanti   alla   prova   più   crudele   della sua    vita?    Se    siamo    operatori    di    dolcezza    non possiamo   vendere   il   fiele   che   è   amaro,   ma   il miele.   Possiamo   gestire   anche   gli   impulsi   sessuali se   siamo   in   grazia   di   Dio,   il   Signore   non   ha   fatto la   sua   creatura   più   bella   in   balia   di   qualcosa   di più    forte.    Invece    sosteniamo    il    contrario    per assecondare   i   desideri   della   carne,   diciamo   che “siamo   umani”   per   giustificarci.   Possiamo   essere anche    forti    proprio    perché    umani    e    avere    il dominio   di   .   Non   pensiamo   che   le   confidenze   di Maria   Santissima   dal   monte   Misma   siano   il   frutto di ragionamenti umani.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile