Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  L'inizio   del   mondo   non   è   partito   con   la   nostra   esperienza   terrena,   eppure   noi   ragioniamo   come   se   prima    non    esistesse   niente   o   ci   fossero   stati   solo   errori   e   superstizioni.   Come   si   può   non   pensare   che   facciamo   parte   di   un   programma iniziato   molto   tempo   fa?   Sistematicamente   commettiamo   gli   sbagli   di   chi   ci   ha   preceduto   perché   pochi   si   sono   acculturati e   affidati   alla   parola   di   Dio.   La   riveliamo   in   modo   conforme   a   come   ci   è   stata   rivelata?   La   verità   e   l'amore   non   si   possono diffondere   attraverso   morte,   distruzioni   e   tradimenti,   ma   è   ciò   che   l'uomo   ha   dimostrato   in   tutte   le   epoche,   salvo   poche eccezioni.   Se   il   Signore   ci   dice   di   perdonarci,   noi   critichiamo,   se   ci   dice   di   amarci,   noi   portiamo   in   tribunale   il   nostro fratello…   Anche   tante   persone   di   Chiesa   istigano   a   questo.   È   orribile   vedere   il   comportamento   di   sfrontatezza   dell'uomo che   ha   dimostrato   l'esatto   contrario   dell'amore.   A   cosa   possono   servire   le   nostre   misere   preghiere   se   abbiamo   nel   cuore il   desiderio   di   difendere   la   verità   mettendo   sul   banco   degli   imputati   il   nostro   fratello?   È   ovvio   che   dobbiamo   pregare,   ma dovremmo   farlo   quasi   con   una   forma   di   egoistica   gelosia,   come   una   dichiarazione   d'amore   verso   il   Signore   e   la   Madonna. Chi   ha   Dio   nel   cuore   fa   un'azione   meravigliosa   dietro   l'altra,   non   prega   con   sentimenti   controversi.   Ce   lo   immaginiamo   la Madonna   che   prega   cupa,   arrabbiata?   Stiamo   sostenendo   il   falso   dio,   il   demonio,   quello   che   non   è   onnipotente.   Noi abbiamo   già   fatto   la   classifica   di   chi   è   nel   bene   e   nel   male.   E   se   fosse   il   contrario?   Smettiamola   di   illuderci   e   di   illudere, perché   facendo   così   renderemo   conto   anche   dei   peccati   altrui.   Se   vogliamo   migliorarci   ci   conviene   di   più   sentirci   nella parte   peggiore.   Parecchio   male   si   è   consumato   in   difesa   della   verità   di   Dio,   è   un   clamoroso   errore,   una   disinformazione che   l'uomo   sta   portando   avanti   con   accanimento   e   odio.   Eppure   la   parola   di   Dio   è   basata   principalmente   sull'amore.   Non siamo   esenti   da   questo   perché   le   atrocità   le   fa   anche   la   lingua,   il   pettegolezzo.   Non   conformiamoci   alla   mentalità dell'uomo,   ce   lo   dice   chiaro   il   Signore.   L'orgoglio   è   vorace,   ha   una   gran   fame,   ci   suggerisce   tante   cose   per   entrare   in   sua difesa:   " non   lasciarti   intimidire   e   sopraffare,   difenditi ".   Quando   Dio   è   al   di   sopra   di   tutto,   il   resto   sparisce.   La   sua   parola non   ci   soddisfa   nelle   abitudini   terrene   e   nell'opinione   pubblica,   ma   ci   riempie   di   gioia   e   ci   fa   dimenticare   le   amarezze della   vita.   Mai   l’amore   di   Dio   ci   suggerirà   di   entrare   in   difesa   dell'offesa.   Vogliamo   difendere   Barabba   o   Gesù?   È   con l'amore   e   si   sconfigge   il   male,   quello   vicendevole,   fraterno,   che   ci   fa   accettare   l’ingiustizia   e   il   peso   della   croce   del nemico.   Chi   di   noi   sa   accettare   un'ingiustizia   per   eliminare   un'azione   di   condanna?   Chi   di   noi   ha   nel   cuore   l'amore?   Certo il   Signore   si   chiederà   che   cosa   abbiamo   capito,   perché   il   nostro   comportamento   è   assurdo.   Mentre   il   male   ha   aumentato la   ferocia   dei   suoi   attacchi,   noi   togliamo   tutte   le   difese   ai   nostri   figli.   Iniziamo   a   non   più   aprire   le   porte   dei   tribunali, specialmente   per   piccole   questioni,   un'eredità,   un'offesa,   perché   questa   è   la   legge   dell'uomo.   La   nostra   mentalità   è ancora   quella   di   chi   faceva   la   guerra   nelle   epoche   passate   ed   è   più   pericolosa   perché   quando   vediamo   pugnalato   un nostro   fratello,   pensiamo   che   gli   stia   bene.   Chi   salirebbe   sulla   croce   pur   non   avendo   nessuna   colpa?   Diremmo:   " ha sbagliato   lui,   paghi   lui ".   Ecco   perché   il   Signore   non   sta   più   compiendo   i   prodigi   che   la   storia   ricorda,   questa   è   la generazione   peggiore.   Una   volta   commettevano   certe   vigliaccherie   per   sopravvivere,   ma   oggi   non   è   più   così.   Sono   poche le   persone   che   hanno   saputo   cogliere   i   segni   dei   tempi   e   dopo   tanti   anni   rimane   ancora   la   loro   memoria.   Come possiamo   pensare   di   imitare   la   passione   di   Gesù,   se   usiamo   la   sua   parola   solamente   per   distruggere?    È questo   un   momento   intenso,   una   visione,   che   ha   vissuto   Roberto   durante   una   Santa   messa:   Figlio   caro   guarda   il   male come   sta   dilaniando   il   mondo,   ma   io   ho   parlato   d'amore,   non   di   vigliaccherie ”.   Noi   viviamo   così   perché   tanta   violenza sembra   che   non   ci   riguardi,   ma   se   in   una   di   quelle   fosse   comuni   finissimo   noi,   dilaniati   tragicamente?   Forse   ci   verrebbe   il rimorso   di   non   aver   fatto   qualcosa   in   più.   Addirittura   il   diavolo   in   tante   parti   della   terra   lascia   andare   avanti   l'uomo perché   è   peggio   di   lui.   Chi   critica   il   fratello   e   va   in   chiesa,   fa   godere   Satana.   Quante   persone   sono   morte   disperate   per   la vigliaccheria   dei   propri   parenti   e   amici!   I   massacri   psicologici   che   sono   più   dolorosi   di   quelli   fisici.   Però   facciamo   finta   di niente.   Non   si   può   pensare   di   essere   felici   nell'altro   mondo   se   non   ci   siamo   comportati   bene   in   questo.   Chi   ha   la   rabbia del cuore, l'avrà anche nell'altra dimensione. COGLIAMO IL SENSO DELLE SCRITTURE? Gesù   vide   una   grande   folla   e   disse   a   Filippo:   dove   potremo   comprare   il   pane   perché   abbiano   da   mangiare? ”   (Gv.6,5). Lui    sapeva    benissimo    come    fare    ma    ha    coinvolto    gli    apostoli,    non    ha    enfatizzato    il    miracolismo,    ha    voluto    che compartecipassero   per   risolvere   insieme   il   problema:   " tu   prega   che   io   opero ".   Il   Signore   non   ha   il   desiderio   del soprannaturale,   ma   vuole   darci   il   suo   privilegio,   come   quando   ci   ha   dato   la   possibilità   di   generare   la   vita.   Cosa   c'è   di   più bello? Non è mica merito nostro, eppure tante coppie uccidono nell’aborto.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Cosa abbiamo capito?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
L'inizio   del   mondo   non   è   partito   con   la   nostra esperienza   terrena,   eppure   noi   ragioniamo   come se   prima    non    esistesse    niente   o   ci   fossero   stati solo    errori    e    superstizioni.    Come    si    può    non pensare   che   facciamo   parte   di   un   programma iniziato     molto     tempo     fa?     Sistematicamente commettiamo   gli   sbagli   di   chi   ci   ha   preceduto perché   pochi   si   sono   acculturati   e   affidati   alla parola   di   Dio.   La   riveliamo   in   modo   conforme   a come   ci   è   stata   rivelata?   La   verità   e   l'amore   non si      possono      diffondere      attraverso      morte, distruzioni   e   tradimenti,   ma   è   ciò   che   l'uomo   ha dimostrato    in    tutte    le    epoche,    salvo    poche eccezioni.   Se   il   Signore   ci   dice   di   perdonarci,   noi critichiamo,   se   ci   dice   di   amarci,   noi   portiamo   in tribunale   il   nostro   fratello…   Anche   tante   persone di   Chiesa   istigano   a   questo.   È   orribile   vedere   il comportamento   di   sfrontatezza   dell'uomo   che   ha dimostrato   l'esatto   contrario   dell'amore.   A   cosa possono   servire   le   nostre   misere   preghiere   se abbiamo   nel   cuore   il   desiderio   di   difendere   la verità   mettendo   sul   banco   degli   imputati   il   nostro fratello?    È    ovvio    che    dobbiamo    pregare,    ma dovremmo   farlo   quasi   con   una   forma   di   egoistica gelosia,   come   una   dichiarazione   d'amore   verso   il Signore   e   la   Madonna.   Chi   ha   Dio   nel   cuore   fa un'azione   meravigliosa   dietro   l'altra,   non   prega con   sentimenti   controversi.   Ce   lo   immaginiamo   la Madonna    che    prega    cupa,    arrabbiata?    Stiamo sostenendo   il   falso   dio,   il   demonio,   quello   che non    è    onnipotente.    Noi    abbiamo    già    fatto    la classifica   di   chi   è   nel   bene   e   nel   male.   E   se   fosse il   contrario?   Smettiamola   di   illuderci   e   di   illudere, perché   facendo   così   renderemo   conto   anche   dei peccati   altrui.   Se   vogliamo   migliorarci   ci   conviene di    più    sentirci    nella    parte    peggiore.    Parecchio male   si   è   consumato   in   difesa   della   verità   di   Dio, è   un   clamoroso   errore,   una   disinformazione   che l'uomo   sta   portando   avanti   con   accanimento   e odio.     Eppure     la     parola     di     Dio     è     basata principalmente   sull'amore.   Non   siamo   esenti   da questo   perché   le   atrocità   le   fa   anche   la   lingua,   il pettegolezzo.   Non   conformiamoci   alla   mentalità dell'uomo,   ce   lo   dice   chiaro   il   Signore.   L'orgoglio è   vorace,   ha   una   gran   fame,   ci   suggerisce   tante cose    per    entrare    in    sua    difesa:    " non    lasciarti intimidire   e   sopraffare,   difenditi ".   Quando   Dio   è al    di    sopra    di    tutto,    il    resto    sparisce.    La    sua parola   non   ci   soddisfa   nelle   abitudini   terrene   e nell'opinione   pubblica,   ma   ci   riempie   di   gioia   e   ci fa    dimenticare    le    amarezze    della    vita.    Mai l’amore   di   Dio   ci   suggerirà   di   entrare   in   difesa dell'offesa.   Vogliamo   difendere   Barabba   o   Gesù? È    con    l'amore    e    si    sconfigge    il    male,    quello vicendevole,     fraterno,     che     ci     fa     accettare l’ingiustizia   e   il   peso   della   croce   del   nemico.   Chi di   noi   sa   accettare   un'ingiustizia   per   eliminare un'azione   di   condanna?   Chi   di   noi   ha   nel   cuore l'amore?   Certo   il   Signore   si   chiederà   che   cosa abbiamo   capito,   perché   il   nostro   comportamento è    assurdo.    Mentre    il    male    ha    aumentato    la ferocia   dei   suoi   attacchi,   noi   togliamo   tutte   le difese   ai   nostri   figli.   Iniziamo   a   non   più   aprire   le porte    dei    tribunali,    specialmente    per    piccole questioni,   un'eredità,   un'offesa,   perché   questa   è la   legge   dell'uomo.   La   nostra   mentalità   è   ancora quella    di    chi    faceva    la    guerra    nelle    epoche passate    ed    è    più    pericolosa    perché    quando vediamo   pugnalato   un   nostro   fratello,   pensiamo che   gli   stia   bene.   Chi   salirebbe   sulla   croce   pur non     avendo     nessuna     colpa?     Diremmo:     " ha sbagliato   lui,   paghi   lui ".   Ecco   perché   il   Signore non   sta   più   compiendo   i   prodigi   che   la   storia ricorda,   questa   è   la   generazione   peggiore.   Una volta     commettevano     certe     vigliaccherie     per sopravvivere,    ma    oggi    non    è    più    così.    Sono poche   le   persone   che   hanno   saputo   cogliere   i segni   dei   tempi   e   dopo   tanti   anni   rimane   ancora la   loro   memoria.   Come   possiamo   pensare   di imitare   la   passione   di   Gesù,   se   usiamo   la sua    parola    solamente    per    distruggere?     È questo   un   momento   intenso,   una   visione,   che   ha vissuto    Roberto    durante    una    Santa    messa: Figlio   caro   guarda   il   male   come   sta   dilaniando   il mondo,    ma    io    ho    parlato    d'amore,    non    di vigliaccherie ”.    Noi    viviamo    così    perché    tanta violenza   sembra   che   non   ci   riguardi,   ma   se   in una   di   quelle   fosse   comuni   finissimo   noi,   dilaniati tragicamente?   Forse   ci   verrebbe   il   rimorso   di   non aver   fatto   qualcosa   in   più.   Addirittura   il   diavolo   in tante   parti   della   terra   lascia   andare   avanti   l'uomo perché   è   peggio   di   lui.   Chi   critica   il   fratello   e   va in    chiesa,    fa    godere    Satana.    Quante    persone sono    morte    disperate    per    la    vigliaccheria    dei propri   parenti   e   amici!   I   massacri   psicologici   che sono   più   dolorosi   di   quelli   fisici.   Però   facciamo finta   di   niente.   Non   si   può   pensare   di   essere   felici nell'altro   mondo   se   non   ci   siamo   comportati   bene in    questo.    Chi    ha    la    rabbia    del    cuore,    l'avrà anche nell'altra dimensione. COGLIAMO IL SENSO DELLE SCRITTURE? Gesù   vide   una   grande   folla   e   disse   a   Filippo: dove   potremo   comprare   il   pane   perché   abbiano da   mangiare? ”   (Gv.6,5).   Lui   sapeva   benissimo come   fare   ma   ha   coinvolto   gli   apostoli,   non   ha enfatizzato     il     miracolismo,     ha     voluto     che compartecipassero     per     risolvere     insieme     il problema:   " tu   prega   che   io   opero ".   Il   Signore non   ha   il   desiderio   del   soprannaturale,   ma   vuole darci   il   suo   privilegio,   come   quando   ci   ha   dato   la possibilità   di   generare   la   vita.   Cosa   c'è   di   più bello?   Non   è   mica   merito   nostro,   eppure   tante coppie uccidono nell’aborto.      

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile