Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Dobbiamo   cambiare   radicalmente   le   nostre   abitudini.   Se   sappiamo   leggere   i   tempi   nella   giusta   misura,    dobbiamo    sentirci   dei   "bocciati".   Perché?   Il   Papa,   come   Preside   di   un   grande   istituto,   è   diventato   tale   per   delle   qualità   personali;   non   è   uno sprovveduto   e   neanche   una   marionetta   che   deve   farsi   muovere   da   tutti   quei   suggeritori   che   normalmente   ci   sono   in   ogni associazione.   Il   Preside   è   la   voce   più   autorevole   di   quell'istituto   e   tutti   coloro   che   lo   frequentano   devono   attenersi   alle sue   regole.   Questo   a   livello   umano.   Sappiamo   invece   che   il   Papa   non   è   solo   il   Preside   della   famiglia   cristiana,   ma   è addirittura   Cristo   in   terra;   dunque   non   è   lì   per   volontà   d'uomo,   ma   è   Dio   che   l'ha   scelto.   Se   il   Preside   ha   deciso   di abbandonare   quell'istituto   è   perché   tutto   filava   liscio ?   Dai   professori,   all'ultimo   degli   alunni,   sentiamoci   tutti bocciati   dal   vicario   di   Gesù.    Davanti   a   questa   realtà,   come   possiamo   restare   tranquilli   nella   coscienza?   Pensavamo che   tutte   le   iniziative,   che   da   trent'anni   a   questa   parte   imperversano   nel   mondo,   fossero   nate   a   fin   di   bene,   ma clamorosamente   il   risultato   è   diverso.   Chi   ha   voluto   quelle   innovazioni   che   vanno   contro   il   rispetto   dell'uomo?   Le   persone che   erano   in   quell'istituto,   dal   collaboratore   più   vicino   al   Preside,   all’ultimo,   alla   presenza   più   “insignificante”.   Davanti   a una   realtà   di   questo   genere   che   cosa   deve   emergere?   Che   il   cammino   principale   che   noi   dovevamo   già   intraprendere   25 anni   fa   su   questo   monte,   oggi   come   oggi   è   quello   che   ci   ha   suggerito   il   Papa:   Il   Signore   mi   chiama   sulla   montagna   e servirò   la   Chiesa   nel   silenzio,   nella   preghiera   e   nella   meditazion e”.   Non   è   il   messaggio   del   Misma?   La   Madonna   ci   aveva dato   anche   il   motivo   principale   per   ritrovarci   a   servire   la   Chiesa   il   quel   modo,   per   evitare   le   rotture   inimmaginabili   che   si prospettavano   per   l'umanità.    Come   cattolici,   sentiamoci   tutti   colpevoli,   perché   il   problema   è   proprio   lì.    Torniamo indietro   di   2000   anni:   non   è   evidentissimo   che   la   nostra   categoria   è   la   stessa   degli   scribi   e   dei   farisei?   Facevano   quello che   facciamo   noi   oggi,   ma   Gesù   ha   detto   loro   che   le   prostitute   gli   passeranno   avanti.    Che   bella   soddisfazione!   Non   era meglio   fare   altro?   Avremmo   avuto   meno   colpe.   Con   le   nostre   critiche   e   con   il   fatto   di   dire   tutto   di   tutti,   abbiamo   indotto il   nostro   Preside   a   prendere   una   decisione   molto   clamorosa.   E   se   il   Papa   è   responsabile   meravigliosamente   di   certe   linee, che   ne   sappiamo   noi   che   stato   d'animo   ha   adesso   Benedetto   XVI?   Pensiamo   che   sia   là   che   si   diverta?   Lui   sa   quello   che noi   non   sappiamo,   ha   provato   cosa   significa   essere   scelti   da   Dio.   È   una   cosa   che   prima   di   tutto   scombina   un   po'   i   piani   di tante   persone.   In   questo   tempo   così   difficile,   diamo   un   segno   di   aver   recepito   il   messaggio   del   nostro   Papa,   unendoci   in preghiera,    in    silenzio    e    in    meditazione.    Lasciamo    una    volta    tanto    intervenire    Dio    personalmente,    perché    in    una confusione   così   grande,   noi   non   possiamo   togliere   la   zizzania   senza   creare   danno   al   grano.   Solo   il   Signore      può   farlo,   con le   nostre   buone   azioni   e   i   nostri   fioretti.   In   una   famiglia   non   sarebbe   bello   se   ognuno   dei   due   coniugi   sacrificasse qualcosa   di   sé   stesso   a   vantaggio   dell'altro?   I   matrimoni   non   si   scioglierebbero   con   questa   facilità.   La   Madonna   e   San Giuseppe    sono    da    esempio    silenzioso    anche    in    questo:    ognuno    sapeva    cosa    gradiva    l'altro    e    si    comportava    di conseguenza.   Facciamo   quel   qualcosa   in   più   che   è   alla   nostra   portata,   improntato   all'amore,   per   far   felici   gli   altri.   I   nostri figli e i figli dei nostri figli, riceverebbero la nostra migliore eredità. E’ LA LEGGE CHE FORMA L’UOMO O E’ L’UOMO CHE FORMA LA LEGGE? A   noi   deve   stare   a   cuore   ciò   che   non   sta   più   a   cuore   all'uomo:   ubbidire   al   Signore   e   smettere   di   metterlo   alla   prova cambiando   il   senso   delle   rivelazioni.    Adesso   sta   accadendo   che   il   cristiano   vuole   formare   e   decidere,   ma   basandosi su   cosa?   E’   Dio   che   ha   creato   l'uomo,   non   viceversa.   Come   possiamo   permetterci   di   alterare   i   suoi   comandi,   i   suoi decreti,   la   sua   legge?   Siamo   incappati   in   un   errore   gravissimo   soltanto   perché   pensiamo   di   essere   “dei   saputelli”!   La   cosa più   ovvia   che   dobbiamo   dimostrare   è   di   lasciarci   formare   dalla   legge,   di   servirla;   per   questo   dobbiamo   portare   avanti l'amore   caritatevole   fra   di   noi,   non   facendo   più   fuoriuscire   parole   cattive,   per   nessun   motivo.   Ma   se   manchiamo   in questo   e   dimentichiamo   il   sacro   timor   di   Dio,   veniamo   penalizzati,   perché   chi   sparla   del   fratello,   parla   contro   la   legge. Possiamo   farcela   solo   senza   l'orgoglio ,   anche   davanti   al   peggiore   dei   comportamenti.   Se   è   la   legge   che   deve formarci,   allora   tutto   è   già   stato   scritto,   non   dobbiamo   aggiungere   niente.   L'Aiuto   dei   Cristiani   ci   sta   educando   perché nessuno   meglio   di   lei   sa   di   cosa   abbiamo   bisogno;   non   è   venuta   a   dirci   che   non   dobbiamo   digiunare,   ma   di   dare   valore   a tutte le nostre azioni, altrimenti non servono a niente.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Bocciati!
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Dobbiamo     cambiare     radicalmente     le     nostre abitudini.    Se    sappiamo    leggere    i    tempi    nella giusta   misura,    dobbiamo    sentirci    dei   "bocciati". Perché?    Il    Papa,    come    Preside    di    un    grande istituto,     è     diventato     tale     per     delle     qualità personali;   non   è   uno   sprovveduto   e   neanche   una marionetta   che   deve   farsi   muovere   da   tutti   quei suggeritori    che    normalmente    ci    sono    in    ogni associazione.   Il   Preside   è   la   voce   più   autorevole di   quell'istituto   e   tutti   coloro   che   lo   frequentano devono   attenersi   alle   sue   regole.   Questo   a   livello umano.   Sappiamo   invece   che   il   Papa   non   è   solo   il Preside   della   famiglia   cristiana,   ma   è   addirittura Cristo    in    terra;    dunque    non    è    lì    per    volontà d'uomo,   ma   è   Dio   che   l'ha   scelto.   Se   il   Preside   ha deciso    di    abbandonare    quell'istituto    è    perché tutto    filava    liscio ?    Dai    professori,    all'ultimo degli    alunni,    sentiamoci    tutti    bocciati    dal vicario   di   Gesù.    Davanti   a   questa   realtà,   come possiamo     restare     tranquilli     nella     coscienza? Pensavamo     che     tutte     le     iniziative,     che     da trent'anni    a    questa    parte    imperversano    nel mondo,     fossero     nate     a     fin     di     bene,     ma clamorosamente    il    risultato    è    diverso.    Chi    ha voluto    quelle    innovazioni    che    vanno    contro    il rispetto    dell'uomo?    Le    persone    che    erano    in quell'istituto,    dal    collaboratore    più    vicino    al Preside,       all’ultimo,       alla       presenza       più “insignificante”.   Davanti   a   una   realtà   di   questo genere   che   cosa   deve   emergere?   Che   il   cammino principale   che   noi   dovevamo   già   intraprendere   25 anni   fa   su   questo   monte,   oggi   come   oggi   è   quello che   ci   ha   suggerito   il   Papa:   Il   Signore   mi   chiama sulla   montagna   e   servirò   la   Chiesa   nel   silenzio, nella   preghiera   e   nella   meditazion e”.   Non   è   il messaggio   del   Misma?   La   Madonna   ci   aveva   dato anche   il   motivo   principale   per   ritrovarci   a   servire la   Chiesa   il   quel   modo,   per   evitare   le   rotture inimmaginabili      che      si      prospettavano      per l'umanità.     Come    cattolici,    sentiamoci    tutti colpevoli,   perché   il   problema   è   proprio   lì.   Torniamo     indietro     di     2000     anni:     non     è evidentissimo   che   la   nostra   categoria   è   la   stessa degli   scribi   e   dei   farisei?   Facevano   quello   che facciamo   noi   oggi,   ma   Gesù   ha   detto   loro   che   le prostitute     gli     passeranno     avanti.      Che     bella soddisfazione!     Non     era     meglio     fare     altro? Avremmo    avuto    meno    colpe.    Con    le    nostre critiche    e    con    il    fatto    di    dire    tutto    di    tutti, abbiamo   indotto   il   nostro   Preside   a   prendere   una decisione    molto    clamorosa.    E    se    il    Papa    è responsabile    meravigliosamente    di    certe    linee, che    ne    sappiamo    noi    che    stato    d'animo    ha adesso   Benedetto   XVI?   Pensiamo   che   sia   là   che si   diverta?   Lui   sa   quello   che   noi   non   sappiamo, ha   provato   cosa   significa   essere   scelti   da   Dio.   È una   cosa   che   prima   di   tutto   scombina   un   po'   i piani    di    tante    persone.    In    questo    tempo    così difficile,    diamo    un    segno    di    aver    recepito    il messaggio     del     nostro     Papa,     unendoci     in preghiera,   in   silenzio   e   in   meditazione.   Lasciamo una   volta   tanto   intervenire   Dio   personalmente, perché   in   una   confusione   così   grande,   noi   non possiamo   togliere   la   zizzania   senza   creare   danno al   grano.   Solo   il   Signore      può   farlo,   con   le   nostre buone   azioni   e   i   nostri   fioretti.   In   una   famiglia non    sarebbe    bello    se    ognuno    dei    due    coniugi sacrificasse   qualcosa   di   sé   stesso   a   vantaggio dell'altro?   I   matrimoni   non   si   scioglierebbero   con questa   facilità.   La   Madonna   e   San   Giuseppe   sono da   esempio   silenzioso   anche   in   questo:   ognuno sapeva   cosa   gradiva   l'altro   e   si   comportava   di conseguenza.   Facciamo   quel   qualcosa   in   più   che è   alla   nostra   portata,   improntato   all'amore,   per far   felici   gli   altri.   I   nostri   figli   e   i   figli   dei   nostri figli, riceverebbero la nostra migliore eredità. E’ LA LEGGE CHE FORMA L’UOMO O E’ L’UOMO CHE FORMA LA LEGGE? A   noi   deve   stare   a   cuore   ciò   che   non   sta   più   a cuore     all'uomo:     ubbidire      al      Signore      e smettere   di   metterlo   alla   prova   cambiando   il senso   delle   rivelazioni.    Adesso   sta   accadendo che    il    cristiano    vuole    formare    e    decidere,    ma basandosi   su   cosa?   E’   Dio   che   ha   creato   l'uomo, non    viceversa.    Come    possiamo    permetterci    di alterare   i   suoi   comandi,   i   suoi   decreti,   la   sua legge?   Siamo   incappati   in   un   errore   gravissimo soltanto     perché     pensiamo     di     essere     “dei saputelli”!    La    cosa    più    ovvia    che    dobbiamo dimostrare   è   di   lasciarci   formare   dalla   legge,   di servirla;    per    questo    dobbiamo    portare    avanti l'amore   caritatevole   fra   di   noi,   non   facendo   più fuoriuscire   parole   cattive,   per   nessun   motivo.   Ma se   manchiamo   in   questo   e   dimentichiamo   il   sacro timor    di    Dio,    veniamo    penalizzati,    perché    chi sparla     del     fratello,     parla     contro     la     legge. Possiamo     farcela     solo     senza     l'orgoglio , anche   davanti   al   peggiore   dei   comportamenti.   Se è   la   legge   che   deve   formarci,   allora   tutto   è   già stato   scritto,   non   dobbiamo   aggiungere   niente. L'Aiuto    dei    Cristiani    ci    sta    educando    perché nessuno    meglio    di    lei    sa    di    cosa    abbiamo bisogno;   non   è   venuta   a   dirci   che   non   dobbiamo digiunare,   ma   di   dare   valore   a   tutte   le   nostre azioni, altrimenti non servono a niente.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile