Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Parliamo   sempre   di   difendere   la   vita   ma   non   di   mettere   al   sicuro   l'anima,   così   sosteniamo   ciò   che   divide.   Anche   il   corpo ha   la   sua   importanza   e   può   sostenere   l'anima.   Essa   sembra   che   vada   contro   le   abitudini   del   corpo,   ma   se   questo   ha deciso   di   andare   alla   deriva   cosa   può   fare?   Per   essere   completi   su   questa   Terra   abbiamo   bisogno   di   due   elementi: materia   e   spirito.   Nella   vegetazione   servono   l'acqua   e   il   sole,   nella   costruzione   la   sabbia   e   il   cemento,   per   avere   figli   ci vuole   l'uomo   e   la   donna.   Nella   nostra   vita   cristiana   non   basta   la   preghiera,   ci   vuole   l'altra   componente,   l'amore.   Non   ci può   essere   un   cristiano   senza   amore.   Se   vogliamo   che   un   ponte   non   crolli,   il   costruttore   deve   tenere   conto   di   precisi calcoli   di   ingegneria,   così   il   cristiano   non   deve   improvvisare   e   inventarsi   le   regole,   né   creare   sufficienze   o   esagerazioni. Se   non   rispettiamo   la   legge   cristiana   dovremo   pagarne   le   conseguenze.   Conosciamo   la   nostra   misura,   le   verità   della nostra   fede?   Perché   pensiamo   che   vada   bene   solo   quello   che   decidiamo   noi?   Quando   tra   marito   e   moglie   uno   trascura l'altro,   crea   solo   danni.   Rispettiamo   i   progetti   e   i   calcoli   che   il   Signore   ha   fatto   per   noi   o   abbiamo   vissuto   senza regole?    Perché   poi   basta   che   incontriamo   uno   che   non   si   comporta   bene   e   subito   abbiamo   reazioni   non   cristiane.   Noi siamo    una    bi-componente    inscindibile,    come    un    cibo    prelibato    deve    avere    delle    spezie,    così    una    lampadina    per accendersi   deve   avere   la   corrente.   E   la   luce   fu …   La   luce   della   vita   è   la   fede,   dà   valore   a   tutto   ciò   che   ha   creato   il   Signore, senza   di   essa   nulla   sarebbe   visibile.   Il   nostro   cuore   è   luminoso   o   buio?   Una   minuscola   lampadina   sconfiggerebbe   tanto buio,   ma   deve   accendersi   come   il   nostro   cuore.   Scuotiamoci   dalle   nostre   abitudini   e   scopriremmo   vicino   a   noi   un   mondo più   bello.   Quella   pace   è   già   davanti   a   noi,   la   vogliamo?   Non   possiamo   pensare   di   perdonare   quelli   che   ci   fanno   dei   favori. La   nostra   legge   sparisce   nel   momento   in   cui   finiamo   di   vivere,   ma   la   legge   di   Dio   è   presente,   ce   l’hanno   rivelata   i   nostri padri.   La   corona   del   Rosario   è   il   diploma   di   maturazione,    se   vogliamo   far   piovere   le   grazie   dal   cielo   dobbiamo essere all'altezza di recitarla.   Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
La bi-componente
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Parliamo   sempre   di   difendere   la   vita   ma   non   di mettere   al   sicuro   l'anima,   così   sosteniamo   ciò che   divide.   Anche   il   corpo   ha   la   sua   importanza   e può   sostenere   l'anima.   Essa   sembra   che   vada contro   le   abitudini   del   corpo,   ma   se   questo   ha deciso   di   andare   alla   deriva   cosa   può   fare?   Per essere   completi   su   questa   Terra   abbiamo   bisogno di     due     elementi:     materia     e     spirito.     Nella vegetazione    servono    l'acqua    e    il    sole,    nella costruzione   la   sabbia   e   il   cemento,   per   avere   figli ci    vuole    l'uomo    e    la    donna.    Nella    nostra    vita cristiana   non   basta   la   preghiera,   ci   vuole   l'altra componente,    l'amore.    Non    ci    può    essere    un cristiano   senza   amore.   Se   vogliamo   che   un   ponte non    crolli,    il    costruttore    deve    tenere    conto    di precisi   calcoli   di   ingegneria,   così   il   cristiano   non deve    improvvisare    e    inventarsi    le    regole,    creare     sufficienze     o     esagerazioni.     Se     non rispettiamo   la   legge   cristiana   dovremo   pagarne le   conseguenze.   Conosciamo   la   nostra   misura,   le verità   della   nostra   fede?   Perché   pensiamo   che vada    bene    solo    quello    che    decidiamo    noi? Quando   tra   marito   e   moglie   uno   trascura   l'altro, crea    solo    danni.    Rispettiamo    i    progetti    e    i calcoli    che    il    Signore    ha    fatto    per    noi    o abbiamo    vissuto    senza    regole?     Perché    poi basta   che   incontriamo   uno   che   non   si   comporta bene   e   subito   abbiamo   reazioni   non   cristiane.   Noi siamo   una   bi-componente   inscindibile,   come   un cibo   prelibato   deve   avere   delle   spezie,   così   una lampadina   per   accendersi   deve   avere   la   corrente. E   la   luce   fu …   La   luce   della   vita   è   la   fede,   valore   a   tutto   ciò   che   ha   creato   il   Signore,   senza di   essa   nulla   sarebbe   visibile.   Il   nostro   cuore   è luminoso    o    buio?    Una    minuscola    lampadina sconfiggerebbe   tanto   buio,   ma   deve   accendersi come   il   nostro   cuore.   Scuotiamoci   dalle   nostre abitudini   e   scopriremmo   vicino   a   noi   un   mondo più   bello.   Quella   pace   è   già   davanti   a   noi,   la vogliamo?   Non   possiamo   pensare   di   perdonare quelli   che   ci   fanno   dei   favori.   La   nostra   legge sparisce   nel   momento   in   cui   finiamo   di   vivere, ma   la   legge   di   Dio   è   presente,   ce   l’hanno   rivelata i    nostri    padri.    La    corona    del    Rosario    è    il diploma    di    maturazione,     se    vogliamo    far piovere    le    grazie    dal    cielo    dobbiamo    essere all'altezza di recitarla.   Confidenze   di   Maria   santissima   a   Roberto   Longhi   sul monte Misma  
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile