Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
  Tutta   la   parola   di   Dio   deve   essere   concretizzata   dall'uomo,   ma   se   vogliamo   ostinatamente   rimanere   fermi   sulle    nostre   posizioni   per   orgoglio   e   vanità,   vedremo   scorrere   un   dolore   impressionante.   La   sofferenza   ha   origini   umane   per mancanza   d'amore   e   carità,   è   con   la   parola   che   aumentiamo   la   croce   dei   fratelli.   Le   nonne   sagge   che   conoscevano   le donne   con   la   lingua   lunga,   non   le   lasciavano   entrare   nella   loro   casa,   le   tenevano   a   distanza.   Bisogna   essere   prudenti   con le   persone   che   non   portano   bene.   Noi   possiamo   garantire   le   cose   che   vengono   dall'uomo,   non   le   guarigioni   o   le   cose soprannaturali.   Il   male   sa   che   questo   è   un   mondo   affascinante   e   anche   lui   può   compiere   prodigi.   In   quanti   casi   c'è   la mano   del   Signore   e   in   quanti   la   mano   del   demonio?   Il   Signore   ha   detto   di   aver   fatto   evangelisti,   apostoli,   profeti   e discepoli,   ma   non   “indovini”.   Stiamo   attenti,   il   vero   profeta   non   indovina   il   futuro.   Come   si   può   pensare   che   una   persona liberi   dal   demonio   un'altra   persona,   se   in   molti   casi   odia   quest'ultima   a   causa   del   suo   disturbo?   Chi   è   in   difficoltà   va amato,   non   criticato,   perché   se   siamo   giusti   quell'abbraccio   lo   guarisce.   Come   possono   dire   tanti   pseudo   esorcisti: " quello   lì   è   il   diavolo? ".   È   un   figlio   di   Dio,   non   buttiamolo   nel   fosso,   Gesù   ha   lasciato   le   novantanove   pecorelle   per   andare a   cercare   quella   smarrita.   Non   è   un   caso   se   l'abbiamo   davanti   a   noi,   vuol   dire   che   possiamo   aiutarlo   e   liberarlo   col   nostro amore,   anche   se   non   siamo   esorcisti.   È   così   che   si   rivela   il   Signore,   amando   un   nostro   fratello   e   comprendendo   la   sua difficoltà.   Tra   i   poveri,   i   sofferenti,   i   derelitti,   perché   il   male   quelle   persone   le   distrugge;   tanti   si   suicidano   o   si prostituiscono   quando   vengono   rifiutati   dai   propri   simili.   Gli   apostoli   della   lieta   novella   non   devono   aver   paura   di   fare   del bene,   ricordiamoci   che   i   demoni   parlano   dei   demoni   e   gli   angeli   parlano   degli   angeli,   non   viceversa.   Oggi   siamo   tutti istruiti,   ma   la   maleducazione,   l'arroganza,   la   vigliaccheria,   la   mancanza   di   rispetto   che   imperversano,   non   c'erano   in passato.   Sono   questi   i   frutti   della   laurea?   Erano   meglio   i   nostri   nonni   analfabeti   che   insegnavano   i   veri   valori   della   vita,   le verità   della   fede.   C'era   meno   prostituzione   nelle   famiglie   tra   marito   e   moglie,   avevano   un   pudore   che   oggi   non   c'è   più. Che   tenerezza   quando   si   davano   un   bacio   sulla   guancia   davanti   ai   figli!   Quale   Dio   stiamo   rivelando?   Quanti   vanno   dai sacerdoti a denunciare il comportamento negativo del fratello? DEVE CRESCERE E RAFFORZARSI LA VERA PAROLA DI DIO Molte   persone   dicono   di   avere   dei   carismi   di   guarigione   e   di   liberazione,   impongono   le   mani   ma   non   conoscono   la   parola di   Dio.   Il   Signore   non   dà   carismi   a   coloro   che   non   la   conoscono   veramente   e   senza   farli   passare   attraverso   tante   prove. A   tutti   i   profeti   ha   dato   l'incarico   di   diffondere   la   sua   legge,   poi   il   fatto   carismatico   è   secondario.   Gesù   stesso   che conosceva   la   parola   del   Padre,   non   ha   portato   al   primo   posto   il   miracolismo.   Tutto   avviene   in   nome   di   Dio,   non   per   un potere   che   uno   pensa   di   avere.   La   parola   del   Signore   è   necessaria   all'uomo,   se   la   vivessimo   vedremmo   improvvisamente il   mondo   tornare   nel   suo   equilibrio   naturale.   In   un'epoca   dove   imperversano   i   mistici,   non   siamo   più   nella   condizione psicologica   di   capire   come   dobbiamo   comportarci   perché   manca   la   base   della   parola   di   Dio.   Chi   ce   l'ha   nel   cuore   fa   cose meravigliose   senza   rendersene   conto,   però   viene   criticato.   Il   carisma   spirituale   è   forte   quando   uno   non   sa   di   averlo,   se   il Signore   dovesse   esaudire   quello   che   noi   proponiamo,   il   nostro   orgoglio   e   la   nostra   superbia   crescerebbero   a   dismisura. Perché   diciamo   che   non   è   possibile   realizzare   la   parola   di   Dio?   Quando   saremo   guariti   nell'anima,   guarirà   anche   il   corpo, guarirà   il   mondo   intero   e   persino   la   vegetazione   ne   beneficerà.   Noi   pensiamo   di   proporci   e   di   convincere   gli   altri,   ma   le cose   non   sono   così   semplici,   perché   non   ci   è   concesso   di   modificare   la   parola   di   Dio   a   piacimento.   Stiamo   attenti, prendiamo   il   cap.19   degli   Atti   degli   Apostoli:   Dio   intanto   operava   prodigi   non   comuni   per   mano   di   Paolo,   al   punto   che mettevano   sopra   i   malati   fazzoletti   o   grembiuli   che   erano   stati   a   contatto   con   lui   e   le   malattie   cessavano   e   gli   spiriti cattivi   fuggivano.   Alcuni   Giudei,   che   erano   esorcisti   itineranti,   provarono   anch'essi   a   invocare   il   nome   del   Signore   Gesù sopra   quanti   avevano   spiriti   cattivi,   dicendo:   "Vi   scongiuro   per   quel   Gesù   che   Paolo   predica!".   In   parecchi   luoghi   presunti carismatici   si   propongono   come   se   fossero   mandati   dal   Signore   e   recitano   una   parte   che   non   gli   è   data   in   alcun   modo   da Dio.      Ma   lo   spirito   cattivo   rispose   loro:   "Conosco   Gesù   e   so   chi   è   Paolo,   ma   voi   chi   siete?".   E   l'uomo   che   aveva   lo   spirito cattivo   si   scagliò   su   di   loro,   ebbe   il   sopravvento   su   tutti   e   li   trattò   con   tale   violenza   che   essi   fuggirono   da   quella   casa nudi   coperti   di   ferite.    Il   male   si   ribella   ancora   di   più   verso   chi   non   è   stato   autorizzato   da   Dio   a   imporre   le   mani,   a   guarire. Cerchiamo   di   essere   più   prudenti   con   chi   si   improvvisa   carismatico,   perchè   può   arrecare   danno   a   noi   e   ai   nostri   figli, lasciamo   che   queste   facoltà   le   esercitino   i   sacerdoti   consacrati.   Bisogna   conoscere   la   Bibbia   dalla   prima   all'ultima   parola, non   aprire   le   pagine   a   caso   interpretando   quello   che   troviamo   scritto.   Tutto   avviene   se   abbiamo   Dio   nel   cuore,   non   nella mente, perché in quest'ultimo caso lo spirito cattivo ci manda a casa con le ossa rotte.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Chi sa come agisce il bene e il male?
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Tutta   la   parola   di   Dio   deve   essere   concretizzata dall'uomo,     ma     se     vogliamo     ostinatamente rimanere   fermi   sulle    nostre    posizioni   per   orgoglio e      vanità,      vedremo      scorrere      un      dolore impressionante.   La   sofferenza   ha   origini   umane per   mancanza   d'amore   e   carità,   è   con   la   parola che   aumentiamo   la   croce   dei   fratelli.   Le   nonne sagge   che   conoscevano   le   donne   con   la   lingua lunga,   non   le   lasciavano   entrare   nella   loro   casa, le   tenevano   a   distanza.   Bisogna   essere   prudenti con    le    persone    che    non    portano    bene.    Noi possiamo     garantire     le     cose     che     vengono dall'uomo,     non     le     guarigioni     o     le     cose soprannaturali.    Il    male    sa    che    questo    è    un mondo    affascinante    e    anche    lui    può    compiere prodigi.   In   quanti   casi   c'è   la   mano   del   Signore   e in   quanti   la   mano   del   demonio?   Il   Signore   ha detto   di   aver   fatto   evangelisti,   apostoli,   profeti   e discepoli,   ma   non   “indovini”.   Stiamo   attenti,   il vero   profeta   non   indovina   il   futuro.   Come   si   può pensare    che    una    persona    liberi    dal    demonio un'altra     persona,     se     in     molti     casi     odia quest'ultima   a   causa   del   suo   disturbo?   Chi   è   in difficoltà    va    amato,    non    criticato,    perché    se siamo    giusti    quell'abbraccio    lo    guarisce.    Come possono   dire   tanti   pseudo   esorcisti:   " quello   lì   è   il diavolo? ".   È   un   figlio   di   Dio,   non   buttiamolo   nel fosso,   Gesù   ha   lasciato   le   novantanove   pecorelle per   andare   a   cercare   quella   smarrita.   Non   è   un caso   se   l'abbiamo   davanti   a   noi,   vuol   dire   che possiamo   aiutarlo   e   liberarlo   col   nostro   amore, anche   se   non   siamo   esorcisti.   È   così   che   si   rivela il     Signore,     amando     un     nostro     fratello     e comprendendo   la   sua   difficoltà.   Tra   i   poveri,   i sofferenti,    i    derelitti,    perché    il    male    quelle persone    le    distrugge;    tanti    si    suicidano    o    si prostituiscono   quando   vengono   rifiutati   dai   propri simili.   Gli   apostoli   della   lieta   novella   non   devono aver   paura   di   fare   del   bene,   ricordiamoci   che   i demoni   parlano   dei   demoni   e   gli   angeli   parlano degli    angeli,    non    viceversa.    Oggi    siamo    tutti istruiti,    ma    la    maleducazione,    l'arroganza,    la vigliaccheria,     la     mancanza     di     rispetto     che imperversano,    non    c'erano    in    passato.    Sono questi   i   frutti   della   laurea?   Erano   meglio   i   nostri nonni    analfabeti    che    insegnavano    i    veri    valori della    vita,    le    verità    della    fede.    C'era    meno prostituzione   nelle   famiglie   tra   marito   e   moglie, avevano   un   pudore   che   oggi   non   c'è   più.   Che tenerezza    quando    si    davano    un    bacio    sulla guancia     davanti     ai     figli!     Quale     Dio     stiamo rivelando?     Quanti     vanno     dai     sacerdoti     a denunciare     il     comportamento     negativo     del fratello? DEVE CRESCERE E RAFFORZARSI LA VERA PAROLA DI DIO Molte    persone    dicono    di    avere    dei    carismi    di guarigione   e   di   liberazione,   impongono   le   mani ma   non   conoscono   la   parola   di   Dio.   Il   Signore non   dà   carismi   a   coloro   che   non   la   conoscono veramente   e   senza   farli   passare   attraverso   tante prove.    A    tutti    i    profeti    ha    dato    l'incarico    di diffondere   la   sua   legge,   poi   il   fatto   carismatico   è secondario.   Gesù   stesso   che   conosceva   la   parola del    Padre,    non    ha    portato    al    primo    posto    il miracolismo.   Tutto   avviene   in   nome   di   Dio,   non per   un   potere   che   uno   pensa   di   avere.   La   parola del     Signore     è     necessaria     all'uomo,     se     la vivessimo   vedremmo   improvvisamente   il   mondo tornare   nel   suo   equilibrio   naturale.   In   un'epoca dove   imperversano   i   mistici,   non   siamo   più   nella condizione   psicologica   di   capire   come   dobbiamo comportarci   perché   manca   la   base   della   parola   di Dio.   Chi   ce   l'ha   nel   cuore   fa   cose   meravigliose senza   rendersene   conto,   però   viene   criticato.   Il carisma   spirituale   è   forte   quando   uno   non   sa   di averlo,   se   il   Signore   dovesse   esaudire   quello   che noi   proponiamo,   il   nostro   orgoglio   e   la   nostra superbia     crescerebbero     a     dismisura.     Perché diciamo   che   non   è   possibile   realizzare   la   parola   di Dio?   Quando   saremo   guariti   nell'anima,   guarirà anche   il   corpo,   guarirà   il   mondo   intero   e   persino la   vegetazione   ne   beneficerà.   Noi   pensiamo   di proporci   e   di   convincere   gli   altri,   ma   le   cose   non sono   così   semplici,   perché   non   ci   è   concesso   di modificare   la   parola   di   Dio   a   piacimento.   Stiamo attenti,    prendiamo    il    cap.19    degli    Atti    degli Apostoli:   Dio   intanto   operava   prodigi   non   comuni per   mano   di   Paolo,   al   punto   che   mettevano   sopra i   malati   fazzoletti   o   grembiuli   che   erano   stati   a contatto   con   lui   e   le   malattie   cessavano   e   gli spiriti   cattivi   fuggivano.   Alcuni   Giudei,   che   erano esorcisti      itineranti,      provarono      anch'essi      a invocare   il   nome   del   Signore   Gesù   sopra   quanti avevano   spiriti   cattivi,   dicendo:   "Vi   scongiuro   per quel   Gesù   che   Paolo   predica!".   In   parecchi   luoghi presunti    carismatici    si    propongono    come    se fossero   mandati   dal   Signore   e   recitano   una   parte che   non   gli   è   data   in   alcun   modo   da   Dio.      Ma   lo spirito   cattivo   rispose   loro:   "Conosco   Gesù   e   so chi   è   Paolo,   ma   voi   chi   siete?".   E   l'uomo   che aveva   lo   spirito   cattivo   si   scagliò   su   di   loro,   ebbe il   sopravvento   su   tutti   e   li   trattò   con   tale   violenza che   essi   fuggirono   da   quella   casa   nudi   coperti   di ferite.    Il   male   si   ribella   ancora   di   più   verso   chi non   è   stato   autorizzato   da   Dio   a   imporre   le   mani, a   guarire.   Cerchiamo   di   essere   più   prudenti   con chi     si     improvvisa     carismatico,     perchè     può arrecare   danno   a   noi   e   ai   nostri   figli,   lasciamo che    queste    facoltà    le    esercitino    i    sacerdoti consacrati.    Bisogna    conoscere    la    Bibbia    dalla prima   all'ultima   parola,   non   aprire   le   pagine   a caso   interpretando   quello   che   troviamo   scritto. Tutto    avviene    se    abbiamo    Dio    nel    cuore,    non nella    mente,    perché    in    quest'ultimo    caso    lo spirito cattivo ci manda a casa con le ossa rotte.    

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile