Maria Ausiliatrice del monte Misma
Un deserto  sul Misma
Da   dove   proviene   tanto   male   nel   mondo?   Senza   rendercene   conto   molta   sofferenza   deriva   da   noi.   Siamo   tutti   terroristi quando   veniamo   coinvolti   in   discorsi   che   ci   riguardano,   specialmente   quelli   sulle   nostre   verità.   Saremmo   pronti   a   far   la guerra   a   chiunque   quando   dissentiamo   verso   un   altro   fratello   o   la   persona   della   porta   accanto.   L'uomo   è   sempre   stato più   unito   in   ciò   che   divide,   va   a   scoprire   gli   inghippi   di   tutte   le   persone.   Il   vero   problema   siamo   noi   che   non corrispondiamo   a   come   Dio   ci   vuole.   Quando   c'è   uno   che   pecca,   per   solidarietà   verso   il   Signore   dovremmo   riparare peccando   meno,   se   critica   non   dovremmo   criticare,   se   male-dice   noi   bene-diciamo.   Il   bene   non   fa   fatica   ad   accettare   il male,    è   il   male   che   non   vuole   il   bene,   vuole   metterci   sul   banco   degli   imputati,   distruggerci,   infangarci,   alimentare   le polemiche.   Ci   fa   mettere   in   croce   coloro   che   commettono   un'ingiustizia.   Chi   non   accetta   il   bene   è   malizioso,   non ammette   che   parte   della   sua   sofferenza   può   essere   causata   dai   propri   errori   e   dall'orgoglio.   Chi   desidera   il   bene   riesce sempre   ad   accogliere   qualsiasi   tipo   di   situazione,   come   ha   fatto   Gesù.   Non   possiamo   difendere   il   bene   rifiutando   il   male, criticando   e   giudicando,   faremmo   il   gioco   di   Satana.   Come   possiamo   sentirci   offesi   dal   modo   di   vivere   di   nostro   fratello? La   cosa   che   un   santo   riusciva   di   più   ad   accettare   non   è   il   complimento   ma   l'offesa.    Non   era   permaloso   ma aveva   la   possibilità   di   dialogare   con   la   persona   di   animo   ribelle.   Non   accettare   chi   non   si   comporta   bene   non   è   carità,   dimostrazione   di   avere   fede:   il   Signore   non   li   ha   rifiutati.   Questo   non   vuol   dire   essere   complici   del   male   o   condividerlo. Non   dobbiamo   ricevere   le   offese   all'infinito,   perché   poi   lo   Spirito   Santo   ci   mette   sulla   bocca   delle   parole   per   far   sentire quelle   persone   a   disagio,   ingiuste,   prepotenti.   Certo   dobbiamo   riprendere   chi   sta   andando   alla   deriva,   ma   non   sentiamoci più   coinvolti   e   responsabili   dei   loro   problemi,   altrimenti   trasmettiamo   quello   che   non   fa   parte   della   nostra   fede. Accettiamo   l'umiliazione   (in   famiglia,   nell'ambiente   di   lavoro,   nella   comunità)   o   prendiamo   il   pretesto   per   realizzare quello   che   ci   fa   piacere?   Quante   volte   l'altra   persona,   meno   avvezza   a   frequentare   la   chiesa,   deve   accettare   di   più   quello che   fa   piacere   a   noi?   Se   siamo   operatori   di   bene   non   dobbiamo   dimostrare   di   far   fatica   ad   accettare   qualsiasi   tipo   di ingiustizia,   pur   subdola   e   sbagliata   che   sia.   Non   dobbiamo   fare   uscire   dichiarazioni   velenose,   il   bene   va   difeso   accettando il   male,   non   denunciandolo.   Così   lo   ha   vinto   santa   Rita.   Così   ha   insegnato   Maria   Santissima.   In   questo   modo    viene sancita   davanti   a   Dio   la   sua   eliminazione   e   il   trionfo   del   bene ,   perché   ci   costa   lacrime   e   sacrifici.   Chi   accetta   con gioia   la   prova   della   sofferenza,   si   rende   conto   che   vorrebbe   averne   un'altra   per   offrirla   nuovamente   a   Dio   e   ricevere   la sua   consolazione.   L'uomo   di   Dio   accetta   anche   colpe   che   non   ha,   con   umiltà   e   carità,   per   non   creare   problemi   agli   altri.   Il Signore   ha   accettato   anche   le   profanazioni   nella   propria   Chiesa,   ma   non   indaghiamo   da   quale   fessura   è   entrato   il   fumo   di Satana in Vaticano, tanto non sappiamo niente. BASTA POCO PERCHÉ IL SIGNORE INTERVENGA Siamo   sicuri   di   aver   capito   veramente   il   progetto   di   cui   facciamo   parte?   Siamo   sicuri   di   aver   capito   Dio?   Solo   Lui   può togliere   la   zizzania   senza   infierire   sul   grano,   dipende   da   come   viviamo.   Il   nostro   compito   non   è   quello   di   andare   a sconvolgere   le   trame   negative   del   mondo,   questi   prodigi   li   fa   il   Signore   quando   siamo   giusti,   è   avvenuto   così   per   tutti   gli uomini   che   si   sono   mantenuti   fedeli.   Perché   pensiamo   di   intervenire   personalmente?   Dove   interveniamo   (in   nome   di   Dio) portiamo   più   bontà   o   danno?   Non   siamo   noi   il   centro   del   mondo   e   nemmeno   i   suoi   salvatori,   è   già   tanto   se   salviamo   noi stessi.   Dio   non   si   aspetta   che   abbiamo   a   suggerirgli   dove   c'è   più   bisogno   che   intervenga,   ma   che   siamo   giusti   davanti   ai suoi   occhi.   Ognuno   adora   ciò   che   la   cultura   del   suo   paese   gli   ha   indicato,   noi   come   cristiani   abbiamo   una   verità   che   altre dottrine   non   hanno:   quella   di   un   Dio   che   interviene   personalmente   in   nostra   difesa .   Però   dobbiamo   essere prudenti   e   fare   attenzione   per   evitare   sorprese   non   gradite;   possiamo   anche   alzare   la   polvere   dai   nostri   sandali    verso coloro   che   non   parlano   il   nostro   linguaggio   e   non   ci   capiscono   (Mt.10,13-14).      L'unico   elemento   che   può   cambiare   le sorti   del   mondo   è   l'amore.   Conserviamo   nel   nostro   cuore   in   un   modo   integro   la   parola   di   Dio   quando   uno   ci perseguita?   Non   siamo   chiamati   ad   elencare   il   numero   dei   difetti   di   nostro   fratello,   ma   a   disintegrarli   opponendo   l'amore. L'uomo   giusto   non   fa   fatica   ad   accettare   l'ingiustizia,   è   un   mite   agnello   immolato.   Riusciamo   come   cristiani   a   superare   la prova   della   carità,   dell'amore,   dell'ingiustizia?   Abbiamo   messo   al   primo   posto   Dio?   Se   l'abbiamo   fatto   il   primo   pensiero del   mattino   e   l'ultimo   della   sera   è   suo,   tutto   il   cammino   della   giornata   è   improntato   al   bene.   Dimostriamoci   giusti   e vedremo   cose   strabilianti,   perché   Dio   ha   il   potere   non   noi.   Invece   siamo   soli   quando   vogliamo   fare   di   testa   nostra.   Non sentiamoci   offesi   da   chi   si   comporta   male   ma   dispiaciamoci   per   loro,   è   il   male   che   deve   avere   paura   del   bene   non viceversa.   Tante   persone   erano   più   pazienti   e   disponibili   verso   i   propri   familiari   quando   non   pregavano:   se   sappiamo cosa   può   farli   felici   perché   facciamo   l'esatto   contrario?   Si   sta   allontanando   da   Dio   molta   gente   che   va   in   chiesa   e dichiara    di    essersi    convertita!    Il    Signore    non    deve    essere    imposto    con    durezza,    non    è    venuto    per    farci decristianizzare   con   la   preghera.   Abbiamo   pazienza   con   i   nostri   cari   e   i   nostri   colleghi,   aiutiamoli   anche   se   umanamente meriterebbero altro, espiamo i loro difetti e riceveremo una grande grazia dal Signore.     Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul monte Misma  
Il bene accetta il male
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Monte Misma - Oasi della Pace - via Spersiglio 25 Pradalunga (Bergamo)
stampa la pagina
Un deserto   sul Misma
Maria Ausiliatrice del monte Misma
© Un deserto sul Misma - Silenzio, preghiera, meditazione, abbandono….
Da   dove   proviene   tanto   male   nel   mondo?   Senza rendercene   conto   molta   sofferenza   deriva   da   noi. Siamo   tutti   terroristi   quando   veniamo   coinvolti   in discorsi    che    ci    riguardano,    specialmente    quelli sulle    nostre    verità.    Saremmo    pronti    a    far    la guerra   a   chiunque   quando   dissentiamo   verso   un altro   fratello   o   la   persona   della   porta   accanto. L'uomo    è    sempre    stato    più    unito    in    ciò    che divide,    va    a    scoprire    gli    inghippi    di    tutte    le persone.   Il   vero   problema   siamo   noi   che   non corrispondiamo   a   come   Dio   ci   vuole.   Quando   c'è uno   che   pecca,   per   solidarietà   verso   il   Signore dovremmo    riparare    peccando    meno,    se    critica non   dovremmo   criticare,   se   male-dice   noi   bene- diciamo.    Il    bene    non    fa    fatica    ad    accettare    il male,    è   il   male   che   non   vuole   il   bene,   vuole metterci   sul   banco   degli   imputati,   distruggerci, infangarci,     alimentare     le     polemiche.     Ci     fa mettere     in     croce     coloro     che     commettono un'ingiustizia.     Chi     non     accetta     il     bene     è malizioso,    non    ammette    che    parte    della    sua sofferenza   può   essere   causata   dai   propri   errori   e dall'orgoglio.   Chi   desidera   il   bene   riesce   sempre ad   accogliere   qualsiasi   tipo   di   situazione,   come ha   fatto   Gesù.   Non   possiamo   difendere   il   bene rifiutando     il     male,     criticando     e     giudicando, faremmo    il    gioco    di    Satana.    Come    possiamo sentirci    offesi    dal    modo    di    vivere    di    nostro fratello?   La   cosa   che   un   santo   riusciva   di   più ad    accettare    non    è    il    complimento    ma l'offesa.     Non    era    permaloso    ma    aveva    la possibilità   di   dialogare   con   la   persona   di   animo ribelle.   Non   accettare   chi   non   si   comporta   bene non   è   carità,   né   dimostrazione   di   avere   fede:   il Signore   non   li   ha   rifiutati.   Questo   non   vuol   dire essere    complici    del    male    o    condividerlo.    Non dobbiamo    ricevere    le    offese    all'infinito,    perché poi   lo   Spirito   Santo   ci   mette   sulla   bocca   delle parole   per   far   sentire   quelle   persone   a   disagio, ingiuste,   prepotenti.   Certo   dobbiamo   riprendere chi   sta   andando   alla   deriva,   ma   non   sentiamoci più    coinvolti    e    responsabili    dei    loro    problemi, altrimenti   trasmettiamo   quello   che   non   fa   parte della    nostra    fede.    Accettiamo    l'umiliazione    (in famiglia,   nell'ambiente   di   lavoro,   nella   comunità) o   prendiamo   il   pretesto   per   realizzare   quello   che ci   fa   piacere?   Quante   volte   l'altra   persona,   meno avvezza   a   frequentare   la   chiesa,   deve   accettare di   più   quello   che   fa   piacere   a   noi?   Se   siamo operatori   di   bene   non   dobbiamo   dimostrare   di   far fatica   ad   accettare   qualsiasi   tipo   di   ingiustizia, pur   subdola   e   sbagliata   che   sia.   Non   dobbiamo fare    uscire    dichiarazioni    velenose,    il    bene    va difeso    accettando    il    male,    non    denunciandolo. Così   lo   ha   vinto   santa   Rita.   Così   ha   insegnato Maria    Santissima.    In     questo     modo     viene sancita   davanti   a   Dio   la   sua   eliminazione   e   il trionfo    del    bene ,    perché    ci    costa    lacrime    e sacrifici.    Chi    accetta    con    gioia    la    prova    della sofferenza,   si   rende   conto   che   vorrebbe   averne un'altra   per   offrirla   nuovamente   a   Dio   e   ricevere la   sua   consolazione.   L'uomo   di   Dio   accetta   anche colpe   che   non   ha,   con   umiltà   e   carità,   per   non creare   problemi   agli   altri.   Il   Signore   ha   accettato anche   le   profanazioni   nella   propria   Chiesa,   ma non   indaghiamo   da   quale   fessura   è   entrato   il fumo   di   Satana   in   Vaticano,   tanto   non   sappiamo niente. BASTA POCO PERCHÉ IL SIGNORE INTERVENGA Siamo   sicuri   di   aver   capito   veramente   il   progetto di   cui   facciamo   parte?   Siamo   sicuri   di   aver   capito Dio?    Solo    Lui    può    togliere    la    zizzania    senza infierire   sul   grano,   dipende   da   come   viviamo.   Il nostro    compito    non    è    quello    di    andare    a sconvolgere   le   trame   negative   del   mondo,   questi prodigi   li   fa   il   Signore   quando   siamo   giusti,   è avvenuto   così   per   tutti   gli   uomini   che   si   sono mantenuti   fedeli.   Perché   pensiamo   di   intervenire personalmente?   Dove   interveniamo   (in   nome   di Dio)   portiamo   più   bontà   o   danno?   Non   siamo   noi il   centro   del   mondo   e   nemmeno   i   suoi   salvatori,   è già    tanto    se    salviamo    noi    stessi.    Dio    non    si aspetta   che   abbiamo   a   suggerirgli   dove   c'è   più bisogno    che    intervenga,    ma    che    siamo    giusti davanti   ai   suoi   occhi.   Ognuno   adora   ciò   che   la cultura   del   suo   paese   gli   ha   indicato,   noi   come cristiani   abbiamo   una   verità   che   altre   dottrine non   hanno:   quella   di   un   Dio   che   interviene personalmente      in      nostra      difesa .      Però dobbiamo   essere   prudenti   e   fare   attenzione   per evitare    sorprese    non    gradite;    possiamo    anche alzare   la   polvere   dai   nostri   sandali    verso   coloro che   non   parlano   il   nostro   linguaggio   e   non   ci capiscono    (Mt.10,13-14).        L'unico    elemento che    può    cambiare    le    sorti    del    mondo    è l'amore.    Conserviamo   nel   nostro   cuore   in   un modo    integro    la    parola    di    Dio    quando    uno    ci perseguita?   Non   siamo   chiamati   ad   elencare   il numero    dei    difetti    di    nostro    fratello,    ma    a disintegrarli   opponendo   l'amore.   L'uomo   giusto non   fa   fatica   ad   accettare   l'ingiustizia,   è   un   mite agnello    immolato.    Riusciamo    come    cristiani    a superare     la     prova     della     carità,     dell'amore, dell'ingiustizia?   Abbiamo   messo   al   primo   posto Dio?    Se    l'abbiamo    fatto    il    primo    pensiero    del mattino    e    l'ultimo    della    sera    è    suo,    tutto    il cammino   della   giornata   è   improntato   al   bene. Dimostriamoci   giusti   e   vedremo   cose   strabilianti, perché   Dio   ha   il   potere   non   noi.   Invece   siamo   soli quando    vogliamo    fare    di    testa    nostra.    Non sentiamoci   offesi   da   chi   si   comporta   male   ma dispiaciamoci   per   loro,   è   il   male   che   deve   avere paura    del    bene    non    viceversa.    Tante    persone erano    più    pazienti    e    disponibili    verso    i    propri familiari    quando    non    pregavano:    se    sappiamo cosa    può    farli    felici    perché    facciamo    l'esatto contrario?   Si   sta   allontanando   da   Dio   molta gente   che   va   in   chiesa   e   dichiara   di   essersi convertita!   Il   Signore   non   deve   essere   imposto con      durezza,      non      è      venuto      per      farci decristianizzare     con     la     preghera.     Abbiamo pazienza    con    i    nostri    cari    e    i    nostri    colleghi, aiutiamoli   anche   se   umanamente   meriterebbero altro,    espiamo    i    loro    difetti    e    riceveremo    una grande grazia dal Signore.  

Confidenze di Maria santissima a Roberto Longhi sul

monte Misma

 

I suggerimenti di Maria santissima sul monte Misma

                                         Il bene accetta il male
Indice suggerimenti Indice suggerimenti
versione mobile